Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Edilizia Libera » Edilizia totalmente o parzialmente libera: cosa significa, differenze

Edilizia totalmente o parzialmente libera: cosa significa, differenze

Edilizia totalmente o parzialmente libera: cosa significa, differenzeEdilizia totalmente o parzialmente libera: cosa significa, differenze
Ultimo Aggiornamento:

Il regime dell’edilizia libera comprende una lunga serie di interventi edilizi che possono essere realizzati senza la necessità di richiedere permessi o autorizzazioni.

Si tratta per lo più di opere di entità minore, che per lo più sono ricomprese nella categoria della manutenzione ordinaria di cui al Testo Unico per l’Edilizia, art. 3, comma 1, lettera a).

In realtà, però, non tutti gli interventi appartenenti al regime dell’edilizia libera fanno parte della manutenzione ordinaria. Bisogna considerare infatti sia l’edilizia totalmente libera che quella parzialmente libera.

Approfondiamo di seguito.

Leggi anche: “Edilizia Libera: La guida completa

Edilizia totalmente o parzialmente libera: quali differenze?

L’elenco non esaustivo delle opere appartenenti al regime sono ricomprese nel Glossario dell’edilizia libera.

Qui non sono presenti solo interventi di manutenzione ordinaria che possono essere realizzati senza permessi né autorizzazioni, ma anche lavori di maggiore rilevanza che, pur rientrando sempre nell’edilizia libera, necessitano solo dell’invio dell’apposita Comunicazione.

Sostanzialmente, è questa l’unica differenza che intercorre tra i lavori di edilizia totalmente libera e quelli di edilizia parzialmente libera, oltre chiaramente alla differente entità dei lavori.

L’attività edilizia realizzata sulla base di questo regime, dunque, viene distinta come segue:

  1. Edilizia totalmente libera, che include appunto tutti quei lavori minori che si possono realizzare, anche in autonomia, senza dover chiedere permessi abilitativi o autorizzazioni al comune;
  2. Edilizia parzialmente libera, che ammette anch’essa la realizzazione di interventi senza autorizzazioni e permessi, ma richiede che, prima di iniziare gli interventi, sia trasmessa al comune la CILA (Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata).

Leggi anche: “Edilizia libera: tutte le principali opere in manutenzione ordinaria

Edilizia libera, manutenzione ordinaria e straordinaria, incentivi

Gli interventi ricompresi nell’edilizia parzialmente libera sono generalmente lavori di manutenzione straordinaria, maggiormente rilevanti rispetto a quelli “ordinari”.

Quelli di edilizia totalmente libera invece, di base, sono interventi di manutenzione ordinaria.

Entrambe le categorie di interventi possono essere agevolate con la detrazione al 50% concessa dal Bonus Ristrutturazione.

Le opere di manutenzione straordinaria, in particolare, si possono realizzare senza problemi su singole unità e parti comuni degli edifici condominiali. Quelle di manutenzione ordinaria invece sono detraibili, di base, sono se interessano le parti comuni degli edifici.

È possibile, tuttavia, realizzare le opere di manutenzione ordinaria anche nelle singole unità, se si tratta di lavori necessari a completare interventi di maggiore rilevanza, come quelli rientranti appunto nella manutenzione straordinaria, oppure anche i lavori di restauro e risanamento e quelli di ristrutturazione edilizia.

Il Bonus Ristrutturazione è ammissibile però solo se gli interventi vengono realizzati su immobili a destinazione abitativa.

Leggi anche: “Manutenzione ordinaria: possibile per singole unità, detrazione 50%

Distinzione delle attività edilizie, libere o soggette a permessi

Sono lavori conseguibili nel regime dell’edilizia totalmente libera, che possono anche essere ammessi al Bonus Ristrutturazione, non solo le opere di manutenzione ordinaria, ma ad esempio anche:

I lavori appartenenti all’edilizia parzialmente libera, invece, sono per lo più ricompresi nella categoria della manutenzione straordinaria. La Comunicazione dovrà essere asseverata da un tecnico abilitato e poi trasmessa al comune prima dell’inizio dei lavori, ma non sarà necessario che questi siano approvati dall’amministrazione comunale.

Oltre ai lavori di edilizia totalmente o parzialmente libera, ci sono poi quegli interventi che non rientrano nel regime, in quanto non possono essere in alcun modo realizzati né avviati senza gli appositi titoli abilitativi.

In particolare, questi sono:

  1. Lavori assoggettati al rilascio del Permesso di Costruire (vedi qui quali sono);
  2. Lavori assoggettati a rilascio della Super SCIA, o SCIA alternativa al PDC (vedi qui quali sono);
  3. Lavori assoggettati al rilascio della SCIA.

Richiedi informazioni per Edilizia Libera, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Installazione ascensori e montacarichi: sempre edilizia libera?Installazione ascensori e montacarichi: sempre edilizia libera?

Installazione ascensori e montacarichi: sempre edilizia libera?

06/03/2024 09:56 - L’edilizia libera comprende tutti quegli interventi che possono essere realizzati senza dover richiedere alcuna autorizzazione e senza la necessità di inviare la comunicazioni di inizio lavori.
Edilizia libera con obbligo di CILA: quali lavori, come funzionaEdilizia libera con obbligo di CILA: quali lavori, come funziona

Edilizia libera con obbligo di CILA: quali lavori, come funziona

30/01/2024 07:59 - Il regime dell’edilizia libera comprende numerosi interventi edilizi che possono [..]
TAGS: cila, edilizia, edilizia libera, Edilizia totalmente libera, parzialmente libera

Autore: Redazione Online

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!