Superbonus 110%: proroga solo Condomini, scadenze, limiti ISEE, cosa sappiamo


Come abbiamo detto diverse volte negli ultimi giorni, diversi bonus casa dovrebbero essere notevolmente modificati in base alle proposte contenute nelle bozze del DDL per la Legge di Bilancio 2022, e tra questi c’è anche il Superbonus 110%.

Leggi: “Bonus Casa, proroghe e limitazioni: cosa accadrà da gennaio 2022

Tra l’introduzione di nuovi limiti ISEE per le persone fisiche e la proroga al 2025 solo per i condomini, si prevedono numerosi cambiamenti riguardo al funzionamento del maxi-incentivo che, come ormai già sappiamo, resterà in vigore alle attuali condizioni solo in via temporanea.

Di seguito vedremo quali sono le novità attese per il Superbonus 110%, chiarendo qualche dubbio riguardante le nuove scadenze.

Superbonus 110%: quali sono le prospettive per i prossimi anni?

La nuova Legge di Bilancio 2022, la prima per il Governo Draghi, potrebbe introdurre diverse condizioni all’utilizzo del Superbonus 110%.

Come già anticipato dalle prime bozze del DDL, il maxi-incentivo dovrebbe essere prorogato senza modifiche (o quasi) fino al 2023, ma solo per alcune specifiche categorie di beneficiari. Mentre solo per i condomini è prevista la proroga dell’incentivo fino al 2025, ma con un notevole abbassamento delle percentuali di aliquota.

Se le modifiche annunciate dovessero rimanere tali, le nuove scadenze in base ai beneficiari saranno le seguenti.

Advertisement - Pubblicità


Termini, scadenze, condizioni per Persone Fisiche

Le persone fisiche avranno tempo per sostenere le spese legate agli interventi ammissibili all’incentivo fino solo al 30 giugno 2022, e questo è il termine principale a cui far riferimento per le persone fisiche.

Queste potranno usufruire di un’ulteriore proroga di 6 mesi (con scadenza ultima al 31 dicembre 2022), se:

I criteri che abbiamo visto sopra sono validi per le persone fisiche che operano su unità immobiliari singole e su edifici unifamiliari. Se tali soggetti non dovessero rispettare nessuno dei requisiti visti sopra, potranno comunque usufruire dell’incentivo fino al 30 giugno 2022.

Dubbi per gli edifici plurifamiliari

Non è ancora chiaro invece quali condizioni si applicheranno per le persone fisiche che operano su edifici plurifamiliari visto che, teoricamente, questi soggetti dovrebbero seguire le regole dei condomini per l’applicazione del Superbonus 110%.

Tuttavia, in attesa di ulteriori chiarimenti, crediamo che le persone fisiche restino in ogni caso condizionate al rispetto dei criteri di cui sopra e alle scadenze al 30 giugno o al 31 dicembre 2022.

Advertisement - Pubblicità


Superbonus 110%: termini per Condomini, IACP e Cooperative

Per quanto riguarda i condomini (incluse le persone fisiche che possiedono un’unità all’interno del condominio), il Superbonus 110% dovrebbe rimanere valido fino al 31 dicembre 2025. Le aliquote però tenderanno a decrescere come segue:

  • 110%, per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2023;
  • 70%, per le spese sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre del 2024;
  • 65%, per le spese sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2025.

Gli IACP e gli enti analoghi in tema di “in house providing”, così come le cooperative di abitazione a proprietà indivisa che possono accedere al Superbonus 110%, possono sostenere le spese per gli interventi legati all’incentivo entro il termine al 30 giugno 2023.

Nel caso in cui, alla data del 30 giugno 2023, tali beneficiari abbiano conseguito almeno il 60% degli interventi complessivi, allora potranno ottenere una proroga di 6 mesi, fino al 31 dicembre 2023.

Leggi anche: “Superbonus 110%, Decreto Anti-Frode: cosa prevede, tutte le misure



Altri approfondimenti ed Articoli Correlati

Advertisement - Pubblicità