Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Economia e Finanza » Superbonus: ultime notizie sull’emendamento spalma detrazioni

Superbonus: ultime notizie sull’emendamento spalma detrazioni

Superbonus: ultime notizie sull’emendamento spalma detrazioniSuperbonus: ultime notizie sull’emendamento spalma detrazioni
Ultimo Aggiornamento:

Il recente emendamento riguardante il Superbonus, ovvero lo “spalma-crediti”, ha introdotto modifiche importanti sulle modalità di utilizzo delle detrazioni fiscali.

L’emendamento del governo ha imposto la spalmatura decennale delle detrazioni ottenute tramite Superbonus, Sismabonus, e il bonus per l’eliminazione delle barriere architettoniche, cambiando radicalmente l’approccio precedente.

Tali modifiche non solo influenzano i diretti beneficiari delle detrazioni, ma anche banche e imprese che operano con i crediti fiscali. Si attende per oggi l’Ok del Senato.

Ma chi sarà realmente colpito da queste novità? E quali strategie potranno adottare le aziende e i privati per navigare in questo nuovo scenario fiscale?

Scopriamo insieme quali sono le prospettive e le sfide che attendono i diversi attori coinvolti.

Leggi anche: Superbonus 2024: la detrazione si estende a 10 anni

Chi è interessato dalla spalmatura decennale delle detrazioni?

L’obbligo di spalmare in dieci anni le detrazioni fiscali riguarda tutti coloro che intendono usufruire del Superbonus e di bonus simili a partire dal primo gennaio di quest’anno. Questa regola si applica esclusivamente ai contribuenti che detengono direttamente i crediti, ovvero coloro che non hanno optato per lo sconto in fattura o per la cessione del credito a terzi come banche o altre imprese.

Questa misura colpisce direttamente i privati cittadini e i condomini che speravano di poter compensare in tempi brevi le spese sostenute con risparmi fiscali immediati.

Per i condomini che hanno già avviato lavori approvando i progetti entro novembre 2022 e depositato la Cilas entro dicembre 2022, esiste ancora la possibilità di beneficiare della detrazione del 70% e di usufruire dello sconto in fattura.

Questa è una finestra temporale che permette a questi soggetti di completare i lavori usufruendo ancora delle condizioni favorevoli precedentemente stabilite. Tuttavia, la disponibilità di banche o imprese disposte a applicare tali sconti potrebbe ridursi a causa delle nuove normative che limitano l’uso dei crediti fiscali.

Limitazioni all’uso dei crediti per banche e intermediari finanziari

Dal 2025, una nuova regolamentazione limiterà significativamente le capacità delle banche e degli intermediari finanziari di utilizzare i crediti fiscali per compensare debiti previdenziali e assicurativi verso enti come l’INPS e l’INAIL. Questo provvedimento mira a prevenire che tali entità sfruttino eccessivamente i vantaggi fiscali derivanti dai crediti del Superbonus, che erano inizialmente destinati a incentivare interventi edilizi di miglioramento energetico e sicurezza strutturale.

Le banche, che hanno accumulato ingenti crediti fiscali attraverso l’acquisto da terzi, trovano ora un ostacolo significativo. La “capienza fiscale”, ovvero la capacità di utilizzare tali crediti, potrebbe non essere sufficiente per assorbire il valore totale dei crediti in possesso, rischiando di perdere il valore eccedente.

Ciò potrebbe risultare in un considerevole impatto finanziario per le banche più esposte.

Nonostante le restrizioni introdotte, alcune entità rimangono al di fuori del perimetro di applicazione di queste nuove norme. Le imprese di costruzione che hanno beneficiato dello sconto in fattura e le imprese che hanno in bilancio crediti da Superbonus non sono soggette alla nuova regolamentazione sulle compensazioni. Inoltre, le Poste Italiane rappresentano un caso particolare; nonostante siano soggette a obblighi di vigilanza bancaria, non rientrano nella categoria degli intermediari finanziari previsti dall’articolo 106 del Testo Unico Bancario e possono quindi continuare a compensare i crediti fiscali con i contributi INPS e INAIL.

Leggi anche: La documentazione richiesta da Poste Italiane per la cessione del credito

L’emendamento introduce anche una norma volta a contrastare pratiche potenzialmente speculative nel mercato dei crediti fiscali.

Dal 2025, le banche e gli intermediari finanziari che acquisiscono crediti derivanti dal superbonus o dal sismabonus a un prezzo inferiore al 75% del loro valore nominale, non potranno utilizzarli immediatamente per compensazioni ma dovranno distribuirli in sei rate annuali.

Questo provvedimento è inteso a disincentivare l’acquisto speculativo di crediti a prezzi fortemente ribassati, una pratica che potrebbe minare l’efficacia degli incentivi fiscali destinati a promuovere la riqualificazione del patrimonio edilizio nazionale.

Richiedi informazioni per Economia e Finanza, Notizie, Superbonus 110

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Detrazioni fiscali per lavori edili: è necessario il consenso del proprietario?Detrazioni fiscali per lavori edili: è necessario il consenso del proprietario?

Detrazioni fiscali per lavori edili: è necessario il consenso del proprietario?

27/05/2024 10:00 - Le detrazioni fiscali per interventi edilizi richiedono il possesso legittimo dell'immobile e il consenso documentato del proprietario. La normativa copre anche demolizione e ricostruzione.
Certificazione Unica 2024: cos’è, a cosa serve e come ottenerlaCertificazione Unica 2024: cos’è, a cosa serve e come ottenerla

Certificazione Unica 2024: cos’è, a cosa serve e come ottenerla

15/05/2024 09:27 - La Certificazione Unica [..]
Superbonus 2024: la detrazione si estende a 10 anniSuperbonus 2024: la detrazione si estende a 10 anni

Superbonus 2024: la detrazione si estende a 10 anni

13/05/2024 15:43 - A partire dal 2024, il Superbonus sarà detraibile in 10 anni invece di 4, senza [..]
Superbonus: detrazione in 10 anni, non più in 4 per il 2024Superbonus: detrazione in 10 anni, non più in 4 per il 2024

Superbonus: detrazione in 10 anni, non più in 4 per il 2024

09/05/2024 19:40 - Il governo italiano propone di diluire i crediti del Superbonus su dieci anni per [..]
TAGS: crediti, crediti superbonus, Superbonus, Superbonus 110%

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!