Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Leggi e Normative » Sanatoria per abusi edilizi: quando il condono non è necessario?

Sanatoria per abusi edilizi: quando il condono non è necessario?

Sanatoria per abusi edilizi: quando il condono non è necessario?Sanatoria per abusi edilizi: quando il condono non è necessario?
Ultimo Aggiornamento:

La sanatoria degli abusi edilizi è fattibile ogni qualvolta l’intervento risulti rispettare il concetto di “doppia conformità”, ovvero sia conforme ai regolamenti urbanistici ed edili vigenti al momento in cui l’opera è stata realizzata, e a quelli in vigore alla data di presentazione della richiesta di sanatoria.

In sostanza, si tratta di quelle opere (sia di nuova costruzione che di ristrutturazione edilizia), che risultino essere abusive solo per quanto riguarda l’assenza del titolo che abilita i lavori.

In questi casi, il soggetto che ha commesso gli abusi andrà incontro a conseguenze notevolmente inferiori rispetto a chi ha costruito senza titolo e anche in difformità dalle normative.

Avrà inoltre l’opportunità di sanare la condizione dell’immobile o dell’opera, mettendo in regola in tutto e per tutto l’abuso edilizio realizzato senza richiedere autorizzazioni.

Approfondiamo di seguito.

Leggi anche: “Sanatoria automatica di un abuso edilizio: cos’è, come si calcola e quando è possibile?

Sanatoria per abusi non ammissibili al condono edilizio

Il meccanismo della sanatoria in ambito edile viene dunque concesso in riferimento alle opere che siano conformi alle normative vigenti sia a momento della realizzazione che al momento in cui si presenta la domanda.

Difatti, è possibile sanare gli abusi solo nel caso in cui questi siano considerati di carattere minore. Mentre è del tutto impossibile beneficiare della sanatoria edilizia se l’opera o l’intervento siano considerati difformi e abusivi da tutti i punti di vista, sia per l’assenza di permessi che per il mancato rispetto delle normative urbanistico-edilizie.

Per poter mettere in regola gli abusi edilizi totali, i soggetti interessati potrebbero risolvere la propria condizione abusiva esclusivamente mediante un condono edilizio.

Questo, al contrario della sanatoria, è regolamentato da leggi speciali e temporanee, e viene generalmente concesso come misura straordinaria finalizzata ad incrementare i fondi delle casse dello Stato.

Con il condono edilizio possono essere regolarizzate, appunto, tutte quelle opere che non possono rientrare nella sanatoria, perché realizzate senza autorizzazioni e non rispettando le normative in ambito edile. La regolarizzazione avviene, per l’appunto, solo in cambio di grosse somme di denaro.

Essendo una misura straordinaria, tuttavia, viene ammessa solo in determinati contesti e periodi di particolare crisi. Finora sono stati concessi in tutto 3 condoni: nel 1985, nel 1994 e nel 2003 (approfondisci qui).

Leggi anche: “Il condono edilizio 2023: come funziona, novità e regolarizzazione degli abusi

Permesso in sanatoria: come funziona, quali limiti

La sanatoria invece è una misura sempre in vigore, disciplinata dallo stesso Testo Unico per l’Edilizia, che permette di regolarizzare gli abusi edilizi in parte conformi e in parte difformi alle regole.

Il procedimento di regolarizzazione si conclude con il rilascio del Permesso di Costruire in sanatoria, anche detto “Accertamento di conformità”.

Secondo quanto disposto dall’art. 36 del TUE, il Permesso in sanatoria può essere riconosciuto per tutti i casi in cui l’intervento risulti rispettare la doppia conformità ma sia stato realizzato:

  • Senza richiedere il Permesso di Costruire, oppure in difformità da quanto autorizzato nello stesso;
  • Senza richiedere la Super SCIA, oppure in difformità dalla stessa.

Attenzione, la richiesta del Permesso in sanatoria dev’essere fatta il prima possibile, a decorrere dal momento in cui l’abuso edilizio viene denunciato.

Non sarà possibile, infatti, usufruire della sanatoria se nei confronti del soggetto siano già state irrogate sanzioni amministrative oppure emessa ordinanza di demolizione, né qualora si fosse già disposta l’acquisizione dell’opera abusiva al patrimonio dello Stato.

Leggi anche: “Abuso edilizio: quando non si può richiedere la sanatoria

Come accade con il condono edilizio, anche il rilascio del Permesso in sanatoria prevede il pagamento di somme di denaro da parte del soggetto interessato, sebbene in misura molto minore.

Per ottenere la sanatoria bisognerà versare infatti il Contributo di Costruzione in misura doppia oppure, se si rientra nei casi di esenzione previsti dal TUE, si dovrà pagare in base alle disposizioni previste all’art. 16.

Se il manufatto realizzato dovesse essere abusivo solo in parte, l’importo dovuto per il contributo di costruzione e le relative sanzioni saranno calcolati in riferimento alla sola parte abusiva.

Una volta che il soggetto avrà trasmesso la richiesta di rilascio del Permesso in sanatoria, l’ufficio comunale dovrà esprimersi a riguardo entro massimo 60 giorni.

Se non si dovesse ricevere risposta, si applicherebbe in questo caso il meccanismo del silenzio-dissenso, sulla base del quale la richiesta si intenderebbe rifiutata (approfondisci qui).

Leggi anche: “Abuso edilizio: sanzioni penali e arresto fino a 2 anni, cosa sapere

Richiedi informazioni per Abuso edilizio, Leggi e Normative, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Bacheca condominiale: cosa non si può pubblicare?Bacheca condominiale: cosa non si può pubblicare?

Bacheca condominiale: cosa non si può pubblicare?

15/02/2024 09:00 - La gestione della privacy in ambito condominiale, guidata dal GDPR e dalle sentenze della Corte di Cassazione, richiede pratiche attente per la comunicazione di dati personali, equilibrando la condivisione di informazioni necessarie con il rispetto della privacy dei condomini.
Installare un gazebo in condominio: norme e procedureInstallare un gazebo in condominio: norme e procedure

Installare un gazebo in condominio: norme e procedure

12/02/2024 08:28 - L'installazione di un gazebo in contesto condominiale richiede una pianificazione [..]
Esclusione agevolazioni Prima Casa per immobili di lussoEsclusione agevolazioni Prima Casa per immobili di lusso

Esclusione agevolazioni Prima Casa per immobili di lusso

08/02/2024 10:01 - Esaminando le norme italiane, si evidenzia come le proprietà di lusso siano [..]
TAGS: abuso edilizio, sanatoria, sanatoria abusi

Autore: Redazione Online

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!