Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Economia e Finanza » Superbonus, lo sconto si ridurrà: si scende dal 110 al 90 per cento

Superbonus, lo sconto si ridurrà: si scende dal 110 al 90 per cento

Superbonus, lo sconto si ridurrà: si scende dal 110 al 90 per centoSuperbonus, lo sconto si ridurrà: si scende dal 110 al 90 per cento
Ultimo Aggiornamento:

Il Superbonus, introdotto col Decreto Rilancio per agevolare tutti i lavori finalizzati all’efficienza energetica e la ristrutturazione antisismica, scende dal 110% al 90%.

Non si tratta, per il momento, di una decisione ufficiale, ma di un orientamento del governo, che dovrebbe tradursi in realtà a partire dal prossimo anno.

Che cosa è il Superbonus 110%

Il decreto per il Superbonus 110%, applicava l’agevolazione a due tipologie di interventi: il Super Ecobonus, che è pensato per ridurre i costi di tutti i lavori di efficientamento energetico, e il Super Sismabonus, che viene erogato a chi sostiene spese per l’adeguamento antisismico degli edifici.

La detrazione viene applicata a chiunque abbia effettuato questo tipo di interventi a partire da Luglio 2020. I beneficiari possono utilizzare lo sconto pagando meno tasse nei successivi 5 anni, possono scegliere il credito d’imposta, oppure possono usufruire di uno sconto direttamente in fattura.

Approfondisci il Superbonus 110%: “Superbonus 110: la guida completa del 2022“;

Per ottenere il Superbonus, è necessario effettuare almeno un intervento cosiddetto trainante, come lavori antisismici generici, sostituzione degli impianti di climatizzazione oppure interventi per l’isolamento termico.

Leggi anche “Bonus Caldaia: Cambiare caldaia conviene!“;

Chi sono i furbetti del Superbonus

Purtroppo sono in molti ad aver ottenuto l’agevolazione senza averne effettivo diritto. In totale, sarebbero state tolte dalle casse dello Stato ben 6 miliardi di euro attraverso la truffa del Superbonus, lasciando quasi subito a secco i fondi stanziati.

Alcuni soggetti hanno dichiarato di aver diritto a dei crediti di imposta per degli interventi edilizi che in realtà erano stati svolti molto tempo prima di luglio 2020, oppure per lavori mai eseguiti.
In altri casi, è stato richiesto il bonus per immobili inesistenti.

Questi sono i principali motivi che hanno portato il governo alla decisione di ridurre la percentuale dello sconto. Una riduzione del 20%, dovrebbe servire a disincentivare gli abusi, e ridurre, in caso di truffe, l’esborso a carico dello Stato.

Si è deciso quindi di mantenere una misura molto amata dagli italiani, che ha dei benefici in termini di occupazione e genera ricchezza, limitandola leggermente per tentare di abbassare il tasso di raggiri e truffe.

Secondo lo studio “Incentivi fiscali e Superbonus: le opinioni e i problemi dei professionisti“, promulgato dalla fondazione Inarcassa e Ref, emerge infatti che il Superbonus ha aiutato i professionisiti e le imprese. Ingegneri, architetti, ma anche falegnami e tutti i liberi professionisti del settore edilizio, hanno potuto far crescere i loro introiti nel corso di questi due anni, ed almeno uno su tre, attribuisce la metà del proprio fatturato agli interventi effettuati grazie ai bonus fiscali.

La direzione del governo quindi è quella di trovare un equilibrio fra i numerosi vantaggi del bonus e gli altrettanto numerosi tentativi di frode.

Quali novità verranno introdotte

Il Superbonus al 90% verrà regolamentato dalla manovra di Bilancio del 2023. Fra le ipotesi, è prevista l’introduzione del Superbonus anche per le villette, ma soltanto se vengono usate come prima casa dai proprietari, e questi ultimi non raggiungono una certa soglia di reddito (la cifra è ancora da definire).

Leggi anche “Superbonus 110% per unifamiliari: scadenza al 30 settembre, cosa sapere“;

Il maxibonus edilizio si rivela particolarmente importante in questo momento, dato che l’isolamento termico permette di risparmiare notevolmente sulle bollette.

A seconda della valutazione dei periti, i proprietari potranno optare per un cambio degli infissi, oppure la realizzazione del cappotto termico. Questi interventi riducono la dispersione del calore, e rientrano a pieno titolo fra le strategie fondamentali per limitare l’impatto ambientale.

Leggi anche “Bonus infissi e finestre 2022: Come funziona? importi e requisiti

Quali altri interventi saranno possibili

Vengono finanziate, esattamente come per il Superbonus 110%, le detrazioni per i lavori sui riscaldamenti. Si potrà quindi sostituire la caldaia a gas con una più nuova a condensazione, oppure installare una stufa a pellet da collegare a tutti i termosifoni della casa.

Leggi anche “Superbonus e sostituzione impianti: quali tipologie sono valide“;

Non meno importante è la possibilità di collocare sul tetto pannelli solari, sia fotovoltaici che termici. Questi ultimi permettono di scaldare l’acqua attraverso l’energia solare accumulata, mentre gli altri consentono di trasformare la luce solare in elettricità.

Richiedi informazioni per Bonus, Economia e Finanza, Notizie, Superbonus 110

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Bonus acqua potabile: attenzione alla comunicazione, scade oggiBonus acqua potabile: attenzione alla comunicazione, scade oggi

Bonus acqua potabile: attenzione alla comunicazione, scade oggi

28/02/2024 14:49 - La scadenza del 28 febbraio 2024 rappresenta l'ultimo giorno utile per i contribuenti italiani per comunicare all'Agenzia delle Entrate le spese sostenute nel 2023 per il miglioramento della qualità dell'acqua potabile.
Addio anticipi salati: tasse a rate per 5 milioni di partite IVAAddio anticipi salati: tasse a rate per 5 milioni di partite IVA

Addio anticipi salati: tasse a rate per 5 milioni di partite IVA

20/02/2024 08:11 - Le riforme fiscali introdotte offrono una maggiore flessibilità nel pagamento [..]
TAGS: Superbonus

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!