Superbonus Alberghi 80%: è ufficiale, tutto quello che c’è da sapere

Superbonus Alberghi 80%: è ufficiale, tutto quello che c’è da sapere Superbonus Alberghi 80%: è ufficiale, tutto quello che c’è da sapere
Ultimo Aggiornamento:

Come anticipato mesi fa dal Ministro del Turismo all’ANSA, Massimo Garavaglia, il Superbonus Alberghi 80% è quasi pronto per il suo debutto. Avevamo parlato dell’annuncio nell’articolo: Alberghi e pensioni: in arrivo un Superbonus all’80%?

L’idea di istituire un credito d’imposta per le ristrutturazioni dedicato unicamente al settore del turismo ha preso forma in seguito all’approvazione del DL Semplificazioni/Recovery. In una delle bozze precedenti l’approvazione del testo ufficiale, era apparsa una clausola che estendeva l’applicazione del Superbonus 110% anche a favore di strutture ricettive e alberghi.

Il progetto però non ha trovato spazio all’interno del Decreto Semplificazioni BIS a causa della mancanza di fondi. Tutto ciò però ha portato all’ideazione di un Superbonus Alberghi 80% del tutto nuovo, destinato proprio al settore turistico, e la notizia ad oggi è diventata ufficiale.

Ecco tutto quello che sappiamo finora.

Superbonus Alberghi 80%: ma non solo, tutte le novità

Il Superbonus Alberghi 80% diventa dunque effettivo con il Decreto PNRR, approvato dal Consiglio dei Ministri in data 27 ottobre 2021, che mira appunto a semplificare e accelerare l’applicazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Recovery Plan italiano).

Ma le novità non sono finite qui. Il Decreto PNRR infatti contiene un pacchetto cospicuo di novità per il settore turistico, che racchiude non sono un maxi-incentivo all’80%, ma anche dei contributi a fondo perduto e delle nuove opportunità di investimento.

Ecco tutte le novità.

Advertisement - Pubblicità


PNRR istituisce un “pacchetto Turismo”: ripartizione risorse

I fondi del PNRR che sono stati destinati al turismo sono complessivamente 2,4 miliardi di euro che, per effetto della leva finanziaria, sono diventati 6,9 miliardi di euro.

Attualmente, i 2,4 miliardi di euro saranno ripartiti come segue:

a) 1.786 milioni di euro, per l’istituzione di un Fondo Nazionale del Turismo, che comprende numerosi progetti, ovvero:

    • 500 milioni saranno destinati a finanziare il Superbonus Alberghi 80%, oltre ad un nuovo contributo a fondo perduto dedicato alle imprese turistiche;
    • 98 milioni saranno mirati alla digitalizzazione delle agenzie di viaggio e dei tour operator;
    • 500 milioni serviranno invece ad attivare un nuovo Fondo per l’ammodernamento delle strutture ricettive, per gli interventi nelle aree montuose e per lo sviluppo di nuovi itinerari turistici;
    • 358 milioni andranno a coprire un nuovo Fondo di Garanzia mirato al sostenimento del tessuto imprenditoriale e allo sviluppo di nuove figure professionali;
    • 180 milioni saranno destinati all’attivazione di un Fondo rotativo di Cassa Depositi e Prestiti per la riqualificazione ambientale, l’ammodernamento delle strutture e l’eliminazione delle barriere architettoniche;
    • 150 milioni andranno invece a rafforzare il Fondo Nazionale per il Turismo, al fine di valorizzare il patrimonio immobiliare.

b) 114 milioni di euro, serviranno ad attivate il Digital Tourism Hub, ovvero una nuova piattaforma digitale che possa favorire la crescita e la diffusione del turismo nazionale.

c) 500 milioni di euro andranno al progetto “Caput Mundi”, in vista del Giubileo che si terrà a Roma nel 2025.

Superbonus Alberghi 80%: cos’è e come funziona

Il Superbonus Alberghi 80% prevede la concessione di un credito d’imposta pari appunto all’80% delle spese sostenute per interventi mirati alla riqualificazione energetica di strutture turistiche.

Sarà possibile beneficiare dell’incentivo per intervenire su:

  • Alberghi e strutture ricettive;
  • Agriturismi;
  • Stabilimenti balneari e strutture termali;
  • Parchi tematici e porti turistici;
  • Fiere e congressi.

Il credito d’imposta potrà essere ceduto a terzi e usato in compensazione. Al momento non si sa molto altro.

Il Superbonus Alberghi 80% infatti attualmente non è ancora operativo, e perché lo diventi si dovranno attendere le diposizioni dei successivi atti amministrativi.

Un’altra novità riguardante il Superbonus Alberghi 80% è appunto la possibilità di cumulare tale incentivo con un contributo a fondo perduto, che abbiamo citato poco fa, anche questo esclusivamente dedicato al settore turismo.

Il contributo sarà pari a 40 mila euro per beneficiario. Si prevede inoltre la possibilità di incrementare la cifra di ulteriori 30 mila euro per le imprese turistiche che decideranno di investire nella digitalizzazione e nell’innovazione.

Nel testo del Decreto PNRR è scritto che il maxi incentivo dedicato agli alberghi sarà utilizzabile in riferimento ai lavori iniziati dopo il 1° febbraio 2020. Presto ne sapremo di più.

Ricordiamo infine che le risorse del PNRR hanno portato anche alla proroga del Superbonus 110% fino al 2023.

Per saperne di più, leggi: “Superbonus 110%, proroga 2023: assegnazione risorse e nuovi obiettivi



Autore: Redazione Online

Altri approfondimenti ed Articoli Correlati

Advertisement - Pubblicità