Crunchy Compact e il Superbonus 110%

crunchy compact


Tra i settori più duramente colpiti dal lockdown per il COVID 19 vi è sicuramente quello edile; proprio per questo motivo non c’è da meravigliarsi se proprio le imprese edili sono quelle che hanno ricevuto maggiori incentivi. Il risultato di tali interventi è stato, come dimostrato dai dati di Unioncamere e Infocamere, l’incremento delle piccole e medie aziende edili nate al termine del lockdown, nella seconda metà dell’estate: circa cinquemila aziende sono infatti nate nel periodo tra lugio e settembre 2020.

La crescita di queste piccole e medie realtà è stata permessa dagli incentivi statali, in particolare dal Superbonus 110%, una detrazione particolarmente elevata che può essere applicata sulle spese effettuate per particolari tipi di interventi edili. Il Superbonus si può pertanto applicare su lavori di efficienza energetica, sulle operazioni di installazione di impianti di energia alternativa, in particolare fotovoltaica e anche per operazioni di rinforzo di edifici per incrementare la resistenza agli eventi sismici.

Per usufruire del Superbonus è necessario affidarsi ad aziende che possano certificare che l’intervento sia stato effettuato secondo quanto previsto dalla normativa specifica; pertanto è fondamentale che le imprese edili sappiano come gestire le diverse pratiche tecniche e burocratiche, per poter accedere all’incentivo.

Non solo burocrazia: risparmiare tempo e denaro con i giusti macchinari

Un’azienda che sappia come gestire gli aspetti burocratici legati al Superbonus potrà trarre un ulteriore vantaggio dalla scelta di macchinari professionali che permettono di velocizzare i lavori, ma non solo. Molti macchinari oggi garantiscono anche la possibilità di riciclare il materiale edile di scarto trasformandolo in nuovi elementi da usare per i vari tipi di lavori.

Proprio in questa direzione si muove Crunchy Compact, una macchina realizzata completamente in Italia, che ha come scopo principale la riduzione del volume di scarti e residui di demolizioni edili, da utilizzare per nuovi scopi. La macchina è stata progettata e realizzata da Meccanico Srl è fa parte di una linea di prodotti specifici per la lavorazione e il riuso di materiali edili; tra i vari modelli, Crunchy Compact è la soluzione più compatta e maneggevole di frantumatrice monofase, pensata per poter essere usata con la massima praticità all’interno degli appartamenti, proprio durante il lavoro di ristrutturazione, demolizione o ricostruzione.

Advertisement - Pubblicità


Crunchy Compact: le caratteristiche tecniche della frantumatrice

Le aziende edili che necessitano della riduzione di volume del materiale da demolizione in cantiere, al fine di ottimizzare i costi di trasporto in discarica e di manodopera, devono necessariamente investire in macchinari di alta qualità, che offrano loro tali possibilità.

Inoltre in linea con la Direttiva Europea 2008/98/CE relativa alla gestione dei rifiuti, la legislazione Italiana deve quanto prima adeguarsi ad incentivare il riuso, direttamente in cantiere, riducendo al minimo la produzione di inerti.

Tra questi macchinari vi è la frantumatrice Crunchy Compact, una macchina di piccole dimensioni e di facile trasportabilità, perfetta per essere utilizzata in lavori di ristrutturazione all’interno di appartamenti.

Crunchy Compact è stata realizzata per effettuare la frantumazione di vari tipi di materiali, dal laterizio al tufo, dal travertino al cemento e cemento armato; rappresenta pertanto un valido supporto per tutte le piccole e medie aziende che effettuano interventi di restauro, ristrutturazione, demolizione e ricostruzione di appartamenti ed edifici di piccole dimensioni.

Presenta specifiche tecniche molto interessanti, tra le quali sicuramente la prima è la possibilità di essere alimentata in monofase. Ha consumi e assorbimenti elettrici relativamente bassi, non appesantendo pertanto l’impianto: il suo funzionamento alla massima potenza assorbe infatti solo 2.2 kWatt. Si pone inoltre come un macchinario sicuro: nonostante le dimensioni compatte e il peso relativamente basso, è molto robusta e stabile.

I possibili utilizzi di Crunchy Compact sono davvero numerosi e, soprattutto, assicurano un importante risparmio economico e di tempo durante il lavoro. In assenza di un macchinario come questo, infatti, tutti gli scarti provenienti dalle demolizioni e dai lavori edili dovranno essere separati a mano creando anche un maggiore ingombro a scapito degli spazi a disposizione. Inoltre, il materiale di grosse dimensioni proveniente dagli scarti è poco utile e difficilmente riutilizzabile; inoltre il suo trasporto è reso complesso dalle dimensioni e dal peso che, spesso, portano alla rottura dei sacchi di trasporto con ulteriore dispendio di tempo e spesa.

La riduzione dei materiali con Crunchy Compact permette non solo di ridurre il volume degli scarti ma, quando possibile facilitarne il riuso in cantiere: Il materiale frantumato infatti può essere suddiviso in differenti granulometrie equipaggiando la macchina con setaccio vibrante, alimentato direttamente dal quadro elettrico del Crunchy Compact, in modo da ottenere un inerte utile per riempimenti, massetti o sottofondi.

Come funziona il Crunchy Compact

Questa macchina frantumatrice è composta da un allestimento di base al quale è possibile aggiungere alcuni accessori da acquistare a parte.
L’allestimento di base prevede la macchina, già dotata di maniglie per un comodo sollevamento e gambe corte dotate di ruote; queste sono di tipo piroettante, permettendo pertanto movimenti a trecentosessanta gradi, e rivestite in gomma, per un più facile rotolamento e smorzamento; inoltre due delle ruote sono dotate di freno di stazionamento. L’allestimento di base di Crunchy Compact prevede inoltre una tramoggia standard con protezione realizzata in PVC.

In base alle differenti esigenze, è possibile configurare la frantumatrice con vari accessori che permettono di incrementarne le funzioni per un utilizzo più completo. Si potrà ad esempio scegliere di inserire il setaccio vibrante, che permette di effettuare una separazione dei materiali in differenti granulometrie, il plenum di aspirazione per le polveri o la pinza per l’insaccamento dei residui.

Advertisement - Pubblicità


Un approfondimento sugli accessori

Per avere un’idea più precisa di quelle che possono essere le specifiche tecniche degli accessori e, quindi, la convenienza del loro utilizzo, di seguito vengono descritte nel dettaglio alcune delle loro caratteristiche che fondamentali.

Il setaccio vibrante. L’uso di questo accessorio offre un’ulteriore velocizzazione delle funzioni visto che la separazione di residui di granulometrie differenti avviene subito dopo la frantumazione, evitando di effettuare questa operazione in un secondo momento.

In base alle dimensioni che si vogliono ottenere e anche al tipo di materiale da frantumare si potrà preferire l’utilizzo di un tipo di setaccio piuttosto che un altro. Sono infatti disponibili diverse reti forate, con diametro di foro che varia tra i 3 e i 10 millimetri. Inoltre la macchina permette la regolazione di differenti posizioni della mascella per la frantumazione di calcinacci che, a loro, volta, danno vita a materiali di dimensioni diverse. Nella posizione A, ad esempio, è possibile ottenere granulometrie fino a 7 millimetri, nella B fino a 8 e così via a salire fino alla posizione F che permette di avere dimensioni del frantumato da 22 millimetri.

Il Plenum di aspirazione. Uno dei principali problemi che si verificano durante la frantumazione dei materiali inerti è l’elevata quantità di polvere che si crea. Per lavorare al meglio è possibile scegliere di allestire la macchina Crunchy Compact con il plenum di aspirazione che abbatte le polveri permettendo di creare un ambiente più salubre per lavorare in maggiore sicurezza. Questo dispositivo presenta un attacco standard da 35 mm pe cui può essere utilizzato con qualsiasi tipo di aspiratore disponibile sul mercato.

La pinza per l’insaccamento. Per quanto riguarda questo accessorio va sottolineato che consente un’ulteriore velocizzazione del processo di raccolta del frantumato; permette infatti di inserire in maniera corretta i sacchetti per la raccolta degli inerti proprio al di sotto della camera di frantumazione. In tal modo verrà velocizzata la discesa degli inerti frantumati all’interno del sacco che sarà quindi già pronto per essere chiuso e trasportato altrove.

Informazioni tecniche

Per quanto riguarda l’aspetto puramente tecnico è possibile trovare tutte le informazioni sulla frantumatrice Crunchy Compact sul sito dedicato alla macchina, all’indirizzo www.crunchy.it . In questa sede specifichiamo solo che il peso, a seconda dell’allestimento selezionato, può variare tra i 125 e i 140 chili e che, punto di forza di questa frantumatrice, può essere alimentata a 230 Volt e 50 Hertz, ossia con alimentazione monofase. Questo aspetto la rende particolarmente pratica per l’utilizzo in appartamenti, non essendo necessario un trasformatore specifico. Il motore ha una potenza di 2.2 kWatt, la tramoggia un ingresso di 320×500 millimetri mentre la camera di frantumazione presenta un ingresso con misure di 308×135 millimetri. Infine, un altro interessante parametro da non sottovalutare è la rumorosità: questa è mediamente bassa, essendo minore di 70 dB ma potrebbe variare a seconda del tipo di materiale che viene utilizzato per la frantumazione.

Advertisement - Pubblicità


Per concludere

La macchina frantumatrice Crunchy Compact si pone come una soluzione perfetta per le imprese edili che operano nel settore del restauro, ristrutturazione e demolizione appartamenti ed edifici di piccole dimensioni. Maneggevole e portatile, si pone come uno strumento versatile in quanto in grado di operare su diverse tipologie di materiali offrendo la possibilità di frantumare inerti in varie dimensioni in base alle esigenze, con risparmio economico ed elevata convenienza per l’ambiente.





Altri approfondimenti ed Articoli Correlati