Superbonus 110%, interventi antisismici: muro di contenimento è agevolabile?

Superbonus 110%, interventi antisismici: muro di contenimento è agevolabile?

È possibile usufruire del Superbonus 110% per l’esecuzione di interventi antisismici che interessino anche un muro di contenimento?

I muri di contenimento, anche detti “di sostegno”, sono delle murature realizzate con lo scopo di delimitare e circoscrivere le spinte date dal terreno, evitando così che questo possa franare.

Il muro di contenimento presenta delle costituzioni particolari, che gli permettono di contenere appunto il naturale movimento e sviluppo del paesaggio naturale, nei luoghi in cui tale sviluppo può essere ritenuto pericoloso.

Ma veniamo al dunque. Gli interventi antisismici che interessano anche un muro di contenimento, possono essere agevolabili con il Superbonus 110%?

Leggi anche: “Superbonus 110%, Manovra 2022: Sì fino al 2023, dal 2024 cambia tutto

Superbonus 110%: muro di contenimento per evitare frana terreno

Il caso presentato oggi è stato affrontato dall’Agenzia delle Entrate con la risposta ad interpello n. 706 del 14 ottobre 2021, che ha come oggetto appunto l’applicazione del Superbonus 110% in riferimento ad un muro di contenimento.

L’istante in questione è proprietario di un’unità immobiliare indipendente, nella quale vorrebbe eseguire interventi edilizi finalizzati sia all’efficientamento energetico che alla riduzione del rischio sismico.

Egli fa presente che il terreno sottostante l’immobile è delimitato da un muro di contenimento, necessario sia per contenere lo sviluppo della natura, sia per sostenere il terreno ed evitare che frani.

L’istante sostiene che tale muro di contenimento presenta evidenti segni di cedimento, e che per questo anche il terreno in prossimità stia iniziando a cedere.

Dai sopralluoghi geologici effettuati, sempre secondo quanto affermato dal proprietario dell’immobile, è stato appurato che il cedimento del muro di contenimento possa causare anche il cedimento del terreno sottostante l’abitazione.

Questo in quanto l’area in cui è ubicato l’immobile è stata ritenuta “scoscesa con substrato roccioso a frana appoggio e colte detritica di superficie dello spessore dell’ordine di 2-3 metri”.

Vista la situazione, l’istante vorrebbe usufruire del Superbonus 110%, oltre che per procedere con l’esecuzione di interventi mirati alla riqualificazione energetica dell’edificio, anche e soprattutto per effettuare un’operazione di consolidamento del muro di contenimento, in modo da evitare che sia il terreno che l’abitazione possano cedere.

Leggi anche: “Muro di contenimento: è necessario il Permesso di Costruire?

Advertisement - Pubblicità


La valutazione spetta ai professionisti competenti

In risposta ai quesiti del contribuente, l’Agenzia delle Entrate fa presente innanzitutto che per usufruire del Superbonus 110% per conseguire interventi di riduzione del rischio sismico (e quindi ramo Sismabonus 110%), sono obbligatorie le seguenti condizioni:

Infine, si ricorda che l’efficacia degli interventi volti alla riduzione del rischio sismico dev’essere asseverata dagli appositi professionisti abilitati alla valutazione della progettazione strutturale, della direzione dei lavori strutturali e del collaudo statico, in base alle rispettive competenze.

Sulla base di tali criteri, l’Agenzia delle Entrate afferma che la valutazione del caso presentato non può essere gestita dal Fisco. Spetterà infatti ai suddetti tecnici abilitati appurare che gli interventi volti al rischio sismico che interessano il muro di contenimento siano mirati a comportare un miglioramento delle prestazioni strutturali dell’edificio.

Se i professionisti dunque dovessero attestare la necessita degli interventi strutturali, e al contempo la loro efficacia, il soggetto istante potrà usufruire del Superbonus 110% (ramo Sismabonus 110%) anche per intervenire sul muro di sostegno.

Ricordiamo inoltre che l’asseverazione, per essere considerata valida, dovrà essere debitamente firmata dai tecnici professionisti, ed inoltre dovrà essere redatta nel rispetto dei criteri di cui al DM n. 58 del 28 febbraio 2017, così come modificato dal DM n. 24 del 9 gennaio 2020.

Il modello da presentare è l’Allegato B qui presente.

Le linee guida per la presentazione dell’asseverazione sono invece riportate nell’Allegato A del sopracitato decreto.

Per approfondire:

Leggi anche: “Superbonus 110%: tutta la documentazione necessaria (aggiornato Ottobre 2021)

 

Background photo created by mindandi – www.freepik.com



Altri approfondimenti ed Articoli Correlati

Advertisement - Pubblicità