Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Tasse e Imposte » Ultima chiamata per il conguaglio IMU: scadenza 29 Febbraio!

Ultima chiamata per il conguaglio IMU: scadenza 29 Febbraio!

Ultima chiamata per il conguaglio IMU: scadenza 29 Febbraio!Ultima chiamata per il conguaglio IMU: scadenza 29 Febbraio!
Ultimo Aggiornamento:

L’ultimo giorno utile per regolarizzare il conguaglio IMU per l’anno 2023 senza incorrere in sanzioni e interessi si avvicina rapidamente: il 29 febbraio 2024 rappresenta una data cruciale per tutti i proprietari di immobili in Italia.

Quest’anno, grazie a specifiche disposizioni introdotte con la Legge di Bilancio 2024, coloro che hanno versato un saldo IMU inferiore a quello effettivamente dovuto hanno una possibilità unica di mettersi in regola, sfruttando una proroga eccezionale sulle delibere comunali che definiscono le aliquote.

Questo articolo esplora nel dettaglio le normative vigenti, fornendo un’analisi approfondita sul conguaglio IMU 2023 e su come i contribuenti possono navigare tra proroghe e scadenze per evitare spiacevoli sorprese.

Legge di Bilancio 2024 e conguaglio IMU

La Legge di Bilancio 2024 gioca un ruolo fondamentale nell’interpretazione e applicazione delle norme relative al conguaglio IMU per l’anno 2023. I commi 72 e 73 di questa legge stabiliscono chiaramente le regole per i proprietari di immobili in merito al saldo IMU.

Importante è la proroga concessa per l’approvazione delle delibere comunali che fissano le aliquote e le tariffe dell’IMU, permettendo una finestra temporale estesa per il loro inserimento nel portale del Federalismo fiscale e la successiva pubblicazione sul sito del Dipartimento delle finanze.

Leggi anche: IMU: tutte le aliquote di base a seconda degli immobili

In particolare, il comma 72 ammette come valide le delibere comunali che sono state inserite nell’apposita sezione del portale del Federalismo fiscale entro il 30 novembre 2023, spostando così in avanti la precedente scadenza del 14 ottobre. Inoltre, la pubblicazione sul sito del Dipartimento delle finanze deve avvenire entro il 15 gennaio 2024, estendendo il limite originale del 28 ottobre 2023.

Segue il comma 73, che disciplina il versamento del conguaglio da parte del contribuente: l’eventuale differenza tra l’imposta versata e quella dovuta, calcolata sulla base delle aliquote definitivamente approvate, dovrà essere saldata entro il 29 febbraio 2024, senza che vengano applicati interessi e sanzioni.

Leggi anche: IMU e TARI 2023: conguagli entro 29 febbraio e novità, ecco per chi

Queste disposizioni offrono una chiara direttiva su come i proprietari di immobili debbano agire per regolarizzare la propria situazione fiscale relativa all’IMU 2023.

Queste informazioni sono state estratte e riassunte per fornire ai lettori una comprensione immediata delle scadenze e delle procedure legate al conguaglio IMU, enfatizzando l’importanza di verificare le delibere comunali e i termini prorogati.

Il conguaglio IMU: pratiche e consigli

Per i contribuenti coinvolti, affrontare il conguaglio IMU 2023 richiede attenzione e precisione. In base alla situazione individuale, il conguaglio può comportare un pagamento aggiuntivo o la richiesta di un rimborso.

Vediamo in dettaglio come procedere in entrambi i casi.

Per chi deve versare il conguaglio: Se il saldo IMU 2023 pagato entro il 18 dicembre è risultato inferiore all’imposta dovuta, è necessario versare la differenza entro il 29 febbraio 2024. Questa procedura consente di evitare l’applicazione di sanzioni e interessi, grazie alla proroga concessa dalle nuove normative. È fondamentale verificare le delibere comunali applicabili, consultabili sul sito del Dipartimento delle finanze, per determinare l’esatto importo dovuto.

Per chi ha versato un saldo superiore: In questo caso, il contribuente ha diritto a chiedere il rimborso dell’eccedenza. La richiesta deve avvenire seguendo l’ordinaria procedura prevista dalla legge, entro un termine di 5 anni dalla data di versamento o dalla data in cui è stato accertato il diritto al rimborso.

In caso di mancato rispetto della scadenza: I contribuenti che non rispettano il termine del 29 febbraio 2024 possono ancora regolarizzare la propria posizione attraverso il ravvedimento operoso, pagando la somma dovuta con l’aggiunta di interessi legali e sanzioni ridotte, come previsto dall’articolo 13 del Dlgs n. 472/1997.

Queste indicazioni mirano a guidare i contribuenti attraverso il processo di conguaglio IMU, sottolineando l’importanza di adempiere alle proprie obbligazioni fiscali in tempo utile per evitare penalità.

Conclusioni e Passi Successivi

In conclusione, il conguaglio IMU 2023 rappresenta un appuntamento fiscale di rilevante importanza per i proprietari di immobili in Italia. La Legge di Bilancio 2024 ha offerto una proroga significativa per il versamento del conguaglio, facilitando così i contribuenti nella regolarizzazione delle proprie posizioni senza incorrere in sanzioni e interessi.

È essenziale, per chi è coinvolto, verificare le aliquote applicabili, consultando le delibere comunali e seguendo le procedure indicate per i pagamenti o i rimborsi dovuti.

Richiedi informazioni per Notizie, Tasse e Imposte

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Saldo IVA 2023: scadenze (oggi) e modalità di pagamentoSaldo IVA 2023: scadenze (oggi) e modalità di pagamento

Saldo IVA 2023: scadenze (oggi) e modalità di pagamento

18/03/2024 12:18 - Il 18 marzo 2024 è la scadenza per il versamento dell'IVA 2023, con opzioni di pagamento unico o rateizzato. Il decreto Adempimenti introduce semplificazioni, tra cui la rateizzazione senza opzioni preventive e l'aumento del limite per il versamento differito.
Addio anticipi salati: tasse a rate per 5 milioni di partite IVAAddio anticipi salati: tasse a rate per 5 milioni di partite IVA

Addio anticipi salati: tasse a rate per 5 milioni di partite IVA

20/02/2024 08:11 - Le riforme fiscali introdotte offrono una maggiore flessibilità nel pagamento [..]
TAGS: aliquote IMU, conguaglio IMU 2023, delibere comunali, imu, IMU 2024, legge di bilancio 2024, proprietari di immobili, proroga fiscale, ravvedimento operoso, rimborso IMU, scadenza IMU

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!