Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Tasse e Imposte » IMU 2023: scadenza in arrivo della seconda rata, ma occhio alle esenzioni

IMU 2023: scadenza in arrivo della seconda rata, ma occhio alle esenzioni

IMU 2023: scadenza in arrivo della seconda rata, ma occhio alle esenzioniIMU 2023: scadenza in arrivo della seconda rata, ma occhio alle esenzioni
Ultimo Aggiornamento:

L’imposta municipale propria (IMU) è un tributo locale che grava sui possessori di immobili in Italia. Nel 2023, il termine per il versamento della seconda rata dell’IMU è stato posticipato al 18 dicembre, a causa della coincidenza della scadenza ordinaria del 16 dicembre con un sabato.

Il pagamento può essere effettuato attraverso il modello F24, bollettino di conto corrente postale o la piattaforma pagoPa.

Cos’è l’IMU

L’IMU, introdotta inizialmente nel 2012 in sostituzione dell’ICI, è attualmente regolamentata dalla legge n. 160/2019 e riguarda tutti i Comuni italiani, con eccezioni per la Regione Friuli-Venezia Giulia e le Province autonome di Trento e Bolzano, che godono di autonomia impositiva.

Questo tributo si applica ai fabbricati (esclusi quelli classificati come abitazioni principali, ville, castelli e altre categorie specifiche), alle aree fabbricabili e ai terreni agricoli.

Sono soggetti al pagamento non solo i proprietari degli immobili, ma anche i titolari di diritti reali come usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi e superficie. Inoltre, sono inclusi specifici casi come il genitore separato assegnatario della casa familiare e il locatario per i fabbricati concessi in leasing.

Leggi anche: Diritto Reale di Abitazione: di cosa si tratta?

IMU: le possibili esenzioni

Prima di procedere al pagamento, è fondamentale verificare le possibili esenzioni.

Tra queste rientrano immobili appartenenti a enti statali per compiti istituzionali, categorie catastali da E/1 a E/9, destinazioni a usi culturali, esercizio del culto e loro pertinenze, immobili di proprietà della Santa Sede, Stati esteri e organizzazioni internazionali in base ad accordi internazionali, e immobili destinati a attività non lucrative.

I terreni agricoli posseduti e condotti da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali, situati in specifici comuni, sono anch’essi esenti dall’IMU.

Approfondisci:

Dal 2022, i fabbricati “merce” sono nuovamente esentati, e dal 2023, gli immobili occupati abusivamente, con denuncia all’autorità giudiziaria, non sono soggetti all’IMU. Altre esenzioni includono fabbricati in specifiche aree sismiche, con termini estesi fino al 31 dicembre 2023.

Le altre agevolazioni

Oltre alle esenzioni già menzionate, l’IMU prevede specifiche agevolazioni:

  • Aree fabbricabili: Le aree possedute e condotte da coltivatori diretti o imprenditori agricoli a utilizzazione agrosilvo-pastorale godono di un regime favorevole. L’agevolazione comporta l’esenzione per il coltivatore diretto o imprenditore agricolo professionale e una tassazione ridotta per eventuali comproprietari.
  • Fabbricati storici o artistici: Per questi immobili, la base imponibile IMU è ridotta del 50%.
  • Fabbricati inagibili o inabitabili: Per il periodo dell’anno in cui sussistono queste condizioni, la base imponibile è anch’essa ridotta del 50%.
  • Abitazioni in comodato: Se concesse in comodato ai parenti in linea retta entro il primo grado, utilizzate come abitazione principale, e a determinate condizioni, la base imponibile si riduce del 50%, escluse le unità immobiliari nelle categorie A/1, A/8 e A/9.
  • Abitazioni locate a canone concordato: L’imposta si riduce al 75% dell’aliquota stabilita dal comune per le abitazioni diverse da quella principale o per la specifica fattispecie.

Queste agevolazioni mirano a supportare specifiche categorie di proprietari e condizioni immobiliari, alleggerendo il carico fiscale e incentivando la conservazione del patrimonio storico e artistico, nonché la disponibilità di abitazioni a canoni accessibili.

Conclusione

L’IMU, con le sue molteplici sfaccettature e le recenti modifiche, costituisce un aspetto significativo del sistema tributario locale italiano. La proroga della scadenza per il 2023, le diverse esenzioni e le agevolazioni fiscali specifiche rappresentano sia una sfida sia un’opportunità per i contribuenti.

Essere informati e aggiornati su queste variazioni è di vitale importanza per una corretta gestione patrimoniale e per evitare inutili oneri finanziari. La legge fiscale è in continua evoluzione, e la responsabilità di ogni cittadino e imprenditore è quella di rimanere al passo con queste dinamiche, per contribuire in modo equo e consapevole al benessere della propria comunità.

Richiedi informazioni per Economia e Finanza, Notizie, Tasse e Imposte

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Cedolare secca 2024: cos'è, come funziona e cosa cambia nel 2024Cedolare secca 2024: cos'è, come funziona e cosa cambia nel 2024

Cedolare secca 2024: cos'è, come funziona e cosa cambia nel 2024

08/06/2024 10:49 - La cedolare secca è un regime fiscale alternativo all'IRPEF per gli affitti, con aliquote del 21%, 10% e 26% per locazioni brevi, offrendo vantaggi come l'esenzione da altre tasse.
IMU sulla seconda casa disabitata e inabitabile: si paga?IMU sulla seconda casa disabitata e inabitabile: si paga?

IMU sulla seconda casa disabitata e inabitabile: si paga?

26/03/2024 11:52 - L'IMU, imposta municipale sugli immobili, si applica con regole specifiche, [..]
Saldo IVA 2023: scadenze (oggi) e modalità di pagamentoSaldo IVA 2023: scadenze (oggi) e modalità di pagamento

Saldo IVA 2023: scadenze (oggi) e modalità di pagamento

18/03/2024 12:18 - Il 18 marzo 2024 è la scadenza per il versamento dell'IVA 2023, con opzioni di [..]
TAGS: esenzione IMU, imposta imu, imu

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!