Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Guide » Bonus tende da sole 2024: le novità e la guida completa

Bonus tende da sole 2024: le novità e la guida completa

Bonus tende da sole 2024: le novità e la guida completaBonus tende da sole 2024: le novità e la guida completa
Ultimo Aggiornamento:

Nel panorama degli incentivi dedicati al miglioramento dell’efficienza energetica e alla sostenibilità ambientale delle abitazioni, si riconferma anche per il 2024 il bonus tende da sole, una misura che permette di beneficiare di una significativa detrazione fiscale.

Questo bonus si inserisce in un quadro più ampio di incentivi, tra cui quelli per la ristrutturazione edilizia e l’efficientamento energetico, offrendo un’opportunità concreta per chi desidera migliorare il proprio immobile riducendo l’impatto ambientale e, allo stesso tempo, ottenendo un vantaggio economico.

Con un importo massimo detraibile di 30.000 euro, l’iniziativa mira a promuovere l’installazione di schermature solari e chiusure oscuranti, contribuendo alla protezione delle abitazioni dall’irraggiamento solare e all’incremento dell’efficienza energetica.

Vediamo nel dettaglio come accedere a questo bonus, chi ne ha diritto, e come fare per presentare la domanda, con un focus particolare sulla guida ENEA in PDF, un utile strumento per navigare attraverso le acque di questa agevolazione fiscale.

Cos’è il bonus tende da sole

Il bonus tende da sole rappresenta una delle molteplici agevolazioni fiscali introdotte dal governo italiano con l’obiettivo di promuovere interventi volti al miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici residenziali. Si tratta di un incentivo che consente ai contribuenti di detrarre dalle tasse il 50% delle spese sostenute per l’acquisto e l’installazione di schermature solari o chiusure tecniche mobili oscuranti, fino a un tetto massimo di 60.000 euro di spesa (con una detrazione massima quindi di 30.000 euro).

Questo bonus è pensato per chi desidera proteggere la propria abitazione dall’eccessiva esposizione al sole, migliorando così il comfort abitativo e contribuendo all’abbattimento dei consumi energetici per la climatizzazione estiva.

Leggi anche: Tende da sole e regolamento condominiale: cosa devi sapere

La misura, disciplinata inizialmente dal Decreto Interministeriale del 6 agosto 2020, ha visto la sua conferma e proroga anche nelle leggi di bilancio successive, attestando l’impegno del legislatore nell’incoraggiare pratiche sostenibili e di risparmio energetico.

Il bonus tende da sole si inserisce all’interno dei più ampi Ecobonus e può essere cumulabile con il Superbonus, a patto che gli interventi rispondano ai criteri e ai requisiti previsti dalla normativa vigente, tra cui l’effettiva capacità di queste installazioni di contribuire al miglioramento dell’efficienza energetica dell’edificio.

Come funziona il bonus tende

Il funzionamento del bonus per le tende da sole si articola in una modalità di detrazione fiscale del 50% sulle spese sostenute, con un limite massimo di spesa ammessa di 60.000 euro per unità immobiliare. Ciò significa che ogni proprietario può beneficiare di una detrazione massima di 30.000 euro, applicabile anche a più immobili purché siano di sua proprietà.

Tuttavia, la detrazione non è erogata in una sola soluzione, ma viene suddivisa in 10 quote annuali uguali, da indicare nella dichiarazione dei redditi. È importante sottolineare che, a seguito di recenti aggiornamenti normativi, non è più possibile optare per lo sconto in fattura o la cessione del credito d’imposta per il bonus tende da sole. Queste opzioni sono state limitate a specifiche categorie di lavori o a interventi iniziati prima del 17 febbraio 2023.

Approfondisci: Addio allo Sconto in Fattura, Cessione del credito e remissioni in bonis

Per esemplificare, se un contribuente sostiene una spesa di 10.000 euro per l’installazione di tende da sole, potrà godere di una detrazione fiscale totale di 5.000 euro, suddivisa in rate annuali da 500 euro ciascuna, da utilizzare nei successivi 10 anni.

Il meccanismo di detrazione contribuisce quindi non solo a incentivare l’adozione di soluzioni per il miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici, ma anche a distribuire nel tempo il beneficio fiscale, sostenendo così le famiglie nell’ammodernamento delle proprie abitazioni.

La scadenza attuale per l’accesso al bonus tende da sole è fissata al 31 dicembre 2024, confermando la volontà di mantenere attiva questa agevolazione e di incoraggiare ulteriormente gli interventi di efficientamento energetico.

Chi può usufruire del Bonus?

Il bonus tende da sole è accessibile a una vasta gamma di contribuenti, inclusi sia i proprietari di unità immobiliari residenziali che i condomini, evidenziando l’intenzione di promuovere un ampio raggio di interventi per l’efficientamento energetico. In dettaglio, possono richiedere l’agevolazione:

  • Proprietari di singole unità immobiliari residenziali, compresi i familiari fino al terzo grado di parentela, come coniugi, figli, nonni, zii, e nipoti;
  • Proprietari di parti comuni di edifici residenziali, quindi anche i condomini;
  • Soggetti che sostengono spese per la riqualificazione energetica dell’immobile, in quanto il bonus rientra sia negli Ecobonus che nel Superbonus 2024;
  • Detentori di un diritto reale sulle unità immobiliari.

Un aspetto rilevante è che non è necessario presentare il modello ISEE per accedere al bonus, semplificando così il processo di richiesta per tutti i contribuenti interessati.

I requisiti delle tende

Per accedere al bonus, le tende o le schermature solari installate devono soddisfare specifici criteri tecnici, come definito dall’ENEA e dalle normative vigenti.

Tra questi, si annoverano:

  • Solidità e permanenza: le schermature devono essere installate in modo solidale con l’edificio, non essendo quindi semplicemente montabili o smontabili dall’utente.
  • Protezione di superfici vetrata: devono essere destinate alla protezione di superfici vetrata, installate internamente o esternamente rispetto a queste.
  • Mobilità e funzionalità tecnica: le schermature devono essere mobili e qualificate come “tecniche”, ad esempio mediante sistemi di regolazione automatici o manuali.

Inoltre, la legislazione prevede limiti specifici di spesa e criteri di efficienza energetica che le installazioni devono rispettare, per garantire che l’intervento contribuisca effettivamente al miglioramento dell’efficienza energetica dell’edificio.

Leggi anche: Tende da sole: Come scegliere quelle adatte? Prezzi e gli incentivi disponibili

Quali sono le spese ammissibili

Il bonus copre una serie di spese legate all’installazione delle schermature solari, inclusi i costi per la fornitura e la posa in opera, lo smontaggio di sistemi preesistenti, e le eventuali opere murarie necessarie.

Sono inoltre ammesse le spese per prestazioni professionali legate alla realizzazione dell’intervento, come la redazione della documentazione tecnica e la direzione dei lavori.

Questo approccio inclusivo garantisce che i contribuenti possano beneficiare dell’agevolazione in maniera completa, coprendo l’intero processo di miglioramento energetico dell’abitazione.

Bonus tende da sole con il Superbonus

Il bonus tende da sole può essere integrato anche nel più ampio contesto del Superbonus 2024, ampliando così le possibilità di intervento e di detrazione fiscale per i contribuenti. Questo si traduce in una grande opportunità per coloro che stanno pianificando interventi di riqualificazione energetica complessivi, permettendo di includere le spese per le schermature solari nell’ambito dei lavori trainanti che beneficiano della maggiore percentuale di detrazione prevista dal Superbonus.

Leggi anche: Bonus tende, oscuranti, protezione solare: 50% fino 60 mila euro, requisiti

Per rientrare in questa categoria, gli interventi sulle tende da sole devono essere accompagnati da lavori di isolamento termico, sostituzione di impianti di climatizzazione invernale ed estiva, o interventi antisismici, che rappresentano le categorie principali di intervento previste dal Superbonus.

Questa integrazione permette di elevare la percentuale di detrazione fiscale dal 50% al 70%, in funzione dei lavori specifici realizzati e del rispetto dei criteri di miglioramento energetico stabiliti dalla normativa.

Come richiedere il bonus tende da sole

Per accedere al bonus tende da sole per l’anno 2024, è necessario seguire un iter ben definito, che prevede la comunicazione delle informazioni relative all’intervento all’ENEA. Questa procedura si svolge online, attraverso la piattaforma dedicata dell’ENEA, dove i contribuenti possono inviare la scheda descrittiva dell’intervento entro 90 giorni dal completamento dei lavori o dal collaudo delle opere.

È fondamentale che, durante la realizzazione degli interventi, vengano adottate tutte le precauzioni per assicurare che le spese siano documentate e tracciabili, mediante l’utilizzo di metodi di pagamento che permettano una chiara attribuzione delle somme spese.

Questo non solo facilita la richiesta del bonus, ma garantisce anche la trasparenza e la correttezza del processo.

Quali sono i documenti da conservare

Per assicurarsi di poter beneficiare senza intoppi del bonus, è essenziale conservare accuratamente tutti i documenti relativi agli interventi effettuati.

Tra questi, si includono i documenti tecnici come la scheda descrittiva dell’intervento e l’asseverazione redatta da un tecnico abilitato, così come i documenti amministrativi quali fatture, ricevute dei bonifici, e la conferma di invio della scheda all’ENEA.

Questa documentazione sarà fondamentale non solo per la richiesta del bonus, ma anche per eventuali controlli futuri.

Richiedi informazioni per Bonus, Casa, Detrazioni Fiscali, Guide, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Prodotti suggeriti

EdilblokEdilblok

Edilblok

EDILblok: monoblocco isolante a scomparsa per serramenti esterni, completamente integrato nella muratura.
Edilcass Cassonetti SpecialiEdilcass Cassonetti Speciali

Edilcass Cassonetti Speciali

I cassonetti speciali rappresentano varianti particolari dei cassonetti standard, dei quali conservano le [..]
CSF Mechatronic System ISEOCSF Mechatronic System ISEO

CSF Mechatronic System ISEO

Nuovo sistema di chiusura per porte con chiave intelligente.
FINESTRE su MISURAFINESTRE su MISURA

FINESTRE su MISURA

FINESTRE FUORI MISURA ti permette di sostituire le vecchie finestre senza modificare il foro in muratura.
UNICA allestimentoUNICA allestimento

UNICA allestimento

Unica è la finestra per mansarda completa di accessori, ideale per chi chi vuole il top del comfort e la semplicità [..]
Vedi tutti i Prodotti in Infissi

Articoli Correlati

Piano di lavoro amianto: cos’è, quando è obbligatorio e come si redigePiano di lavoro amianto: cos’è, quando è obbligatorio e come si redige

Piano di lavoro amianto: cos’è, quando è obbligatorio e come si redige

11/06/2024 10:12 - L'amianto, un tempo usato comunemente nelle costruzioni italiane, ora richiede un dettagliato piano di bonifica per la rimozione, seguendo i criteri del Decreto Legislativo 81/2008, per proteggere salute e ambiente.
Patente a punti cantiere: come funziona e quando è obbligatoriaPatente a punti cantiere: come funziona e quando è obbligatoria

Patente a punti cantiere: come funziona e quando è obbligatoria

10/06/2024 08:26 - E' in vigore dallo scorso 1 maggio la patente a punti per i cantieri. Si tratta di [..]
Soppalco: le regole e i permessi necessariSoppalco: le regole e i permessi necessari

Soppalco: le regole e i permessi necessari

31/05/2024 11:01 - Il soppalco è una soluzione salva-spazio molto utilizzata, sia nelle abitazioni [..]
TAGS: bonus tende, bonus tende 2024, tende, tende da sole

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!