Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Notizie » Cappotto Termico: come funziona, quando conviene, quanto costa?

Cappotto Termico: come funziona, quando conviene, quanto costa?

Cappotto Termico: come funziona, quando conviene, quanto costa?Cappotto Termico: come funziona, quando conviene, quanto costa?
Ultimo Aggiornamento:

Il cappotto termico rappresenta una delle soluzioni più efficaci per migliorare le prestazioni energetiche degli edifici, riducendo così i consumi e gli sprechi. Esploriamo quindi tutti gli aspetti del cappotto termico, dalla sua definizione, ai benefici che offre, passando per le normative che ne regolamentano l’installazione e i diversi materiali utilizzabili.

Il cappotto termico non è solo una strategia per l’isolamento termico, ma un vero e proprio investimento per il futuro, capace di trasformare un edificio esistente in una struttura più sostenibile e confortevole.

Attraverso questa guida, scopriremo come il cappotto termico possa diventare il cuore di una ristrutturazione mirata all’efficienza energetica, esaminando i criteri per la sua corretta progettazione e realizzazione.

Definizione e principi del cappotto termico

Il cappotto termico, noto anche come isolamento a cappotto o isolamento termico esterno, è un sistema di isolamento che viene applicato sulla parte esterna delle pareti di un edificio. Questa tecnica consente di avvolgere l’edificio in un “mantello” isolante, migliorando significativamente le sue prestazioni termiche e contribuendo a mantenere un clima interno confortevole durante tutto l’anno.

Il principio alla base del cappotto termico è quello di ridurre i ponti termici (zone dell’involucro edilizio che presentano una minore resistenza termica rispetto al resto della struttura) e di limitare le dispersioni di calore, con un conseguente risparmio energetico per riscaldamento e raffrescamento.

La realizzazione di un cappotto termico comporta l’installazione di uno strato isolante (che può essere realizzato in vari materiali, come polistirene espanso, lana di roccia, fibra di legno, ecc.), seguito da un rivestimento protettivo e decorativo che ne garantisce la durabilità nel tempo e l’integrazione estetica con l’architettura dell’edificio.

Leggi anche: Cappotto termico: arriva nuovo indice per i materiali isolanti

L’efficacia del cappotto termico dipende non solo dalla qualità dei materiali utilizzati ma anche dalla corretta esecuzione dei lavori. Una progettazione e installazione accurata sono fondamentali per evitare problemi futuri, come la formazione di muffe o condensa, e per garantire che il sistema di isolamento raggiunga le massime prestazioni.

Benefici del cappotto termico: quanti gradi si recuperano?

L’installazione di un cappotto termico comporta una serie di vantaggi sia a breve che a lungo termine, che vanno ben oltre il semplice risparmio energetico.

Con questo sistema, è possibile diminuire significativamente la quantità di energia necessaria per mantenere calde le stanze in inverno e fresche in estate, permettendo così di abbattere i costi delle bollette.

Il recupero termico ottenibile con l’installazione di un cappotto termico può variare notevolmente in base a diversi fattori, come lo spessore e il tipo di materiale isolante utilizzato, le condizioni preesistenti dell’edificio, e il clima della zona in cui si trova l’immobile. In generale, l’adozione di un cappotto termico può portare a un miglioramento del comfort abitativo e a una riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento e il raffrescamento, ma quantificare esattamente il recupero in gradi di temperatura può essere complesso.

Leggi anche: Microcappotto termico: cos’è, come funziona e vantaggi

Studi e ricerche del settore indicano che l’installazione di un cappotto termico può ridurre la dispersione di calore attraverso le pareti esterne di circa il 40-50%, contribuendo a mantenere una temperatura interna più stabile. In termini di “gradi recuperati”, ciò significa che in inverno la temperatura interna può essere mantenuta più elevata senza necessità di riscaldamento aggiuntivo, mentre in estate il calore esterno penetra meno facilmente, mantenendo gli interni più freschi.

Per avere un’idea più precisa, si può considerare che in condizioni ideali e con un buon sistema di isolamento, il miglioramento termico può variare da 2 a 4 gradi Celsius, o anche di più, a seconda delle specifiche del progetto e del materiale isolante. Ad esempio, un edificio mal isolato in una zona climatica fredda può beneficiare significativamente di un cappotto termico, con un sensibile aumento della temperatura interna in inverno e una riduzione dell’utilizzo di sistemi di riscaldamento.

È importante sottolineare che l’obiettivo del cappotto termico non è tanto “recuperare gradi” in senso stretto, quanto ridurre la necessità di energia per il riscaldamento e il raffrescamento, migliorando l’efficienza energetica complessiva dell’edificio. Per una valutazione precisa del miglioramento termico atteso, è consigliabile effettuare un’analisi energetica specifica per l’edificio, tenendo conto delle sue caratteristiche uniche e delle condizioni ambientali locali.

Criteri per la scelta dei materiali

L’installazione di un cappotto termico è regolamentata da specifiche normative nazionali e regionali che stabiliscono i criteri di efficienza energetica edilizia e le modalità di intervento. Queste normative sono in costante aggiornamento per rispondere alle esigenze di sostenibilità ambientale e riduzione dei consumi energetici.

È fondamentale, quindi, prima di procedere con l’installazione, informarsi sulle leggi vigenti e sulle eventuali detrazioni fiscali disponibili per interventi di riqualificazione energetica.

Leggi anche: Cappotto termico esterno: come è fatto e come avviene la posa

La scelta dei materiali per il cappotto termico deve essere effettuata tenendo conto di diversi fattori, tra cui le prestazioni termiche, la permeabilità al vapore, la resistenza al fuoco, la sostenibilità ambientale e l’integrazione estetica con l’edificio. I materiali più comunemente utilizzati includono il polistirene espanso (EPS), la lana di roccia, il poliuretano espanso, e la fibra di legno, ognuno con specifiche caratteristiche di isolamento, resistenza e impatto ambientale.

  • Polistirene Espanso (EPS): È uno dei materiali più utilizzati per via del suo ottimo rapporto qualità-prezzo e delle buone prestazioni termiche. Tuttavia, presenta una minore traspirabilità rispetto ad altri materiali e una resistenza al fuoco inferiore.
  • Lana di Roccia: Offre eccellenti prestazioni in termini di isolamento termico e acustico, oltre a una buona resistenza al fuoco. È anche traspirante, contribuendo al comfort abitativo interno.
  • Poliuretano Espanso: Si distingue per le sue elevate prestazioni isolanti a fronte di uno spessore ridotto. È impermeabile all’acqua, ma può richiedere trattamenti specifici per garantire la traspirabilità della parete.
  • Fibra di Legno: Materiale ecologico che combina buone prestazioni termiche con un eccellente comfort abitativo grazie alla sua capacità di regolare l’umidità interna. È inoltre traspirante e offre una buona resistenza al fuoco.

La scelta del materiale più adatto dipenderà dalle specifiche esigenze dell’edificio, dal clima locale e dagli obiettivi di sostenibilità e comfort desiderati. È consigliabile affidarsi a professionisti del settore per una valutazione accurata che tenga conto di tutti questi aspetti.

Quanti anni dura un cappotto termico esterno?

La durata di un cappotto termico esterno può variare notevolmente in base a diversi fattori, tra cui la qualità dei materiali utilizzati, le tecniche di installazione, le condizioni climatiche locali, e la manutenzione effettuata nel corso degli anni.

In generale, si può aspettare che un cappotto termico ben realizzato e mantenuto duri almeno 20-30 anni, con molti sistemi che possono raggiungere o superare i 40 anni di vita utile.

Assicurarsi che il cappotto termico sia progettato e installato in modo corretto, utilizzando materiali adatti e tecniche appropriate, è fondamentale per massimizzarne la durata e l’efficacia. Inoltre, l’adozione di un piano di manutenzione può aiutare a identificare e risolvere precocemente eventuali problemi, garantendo che il sistema mantenga le sue prestazioni nel tempo.

Quali permessi servono per installare il cappotto termico?

L’installazione del cappotto termico purtroppo non rientra nell’edilizia libera. Infatti, per tali lavori non è sufficiente presentare una Comunicazione Asseverata di Inizio Lavori (CILA); è necessario invece avviare una Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA).

Approfondisci: SCIA: come funziona, chi deve richiederla, tempi e durata

La ragione di questa procedura più complessa risiede nel fatto che l’applicazione di un cappotto termico rappresenta un’opera di manutenzione straordinaria che richiede l’adozione di questa specifica segnalazione, come indicato dall’art. 22, comma 1, del Testo Unico dell’Edilizia (DPR 380/2001).

Quest’ultimo precisa che per gli interventi di manutenzione straordinaria che riguardano elementi strutturali o i prospetti di un edificio, è obbligatorio seguire una SCIA, in conformità con le disposizioni degli strumenti urbanistici e i regolamenti edilizi in vigore.

Ma cosa accade se l’edificio è sottoposto a vincoli architettonici?

In tal caso, secondo quanto disposto dall’art. 10, comma 1, lettera c del DPR 380/2001, si deve procedere con una SCIA speciale in alternativa al Permesso di Costruire.

Approfondisci: Alternativa al PDC: tutti i lavori eseguibili con Super SCIA

Dopo aver depositato la documentazione necessaria, è richiesto attendere un periodo di attesa di trenta giorni prima di iniziare i lavori.

Quanto costa installare un cappotto termico?

Il costo di installazione di un cappotto termico può variare ampiamente a seconda di diversi fattori, tra cui la superficie da coprire, il tipo di materiale isolante scelto, la complessità dell’intervento, e la regione in cui si trova l’immobile.

Altri elementi che possono influenzare il prezzo includono la necessità di lavori preparatori sulla facciata, la qualità dei materiali di finitura, e eventuali costi per l’ottenimento di permessi.

Fattori di Costo

  • Superficie dell’Edificio: Il costo è spesso calcolato al metro quadrato. Più grande è la superficie da isolare, maggiore sarà il costo totale dell’intervento, anche se il prezzo per metro quadrato può diminuire con l’aumentare della superficie grazie alle economie di scala.
  • Tipo di Materiale: Il costo varia significativamente a seconda del materiale isolante scelto. Materiali come il polistirene espanso (EPS) sono generalmente più economici, mentre opzioni più sostenibili o con migliori prestazioni, come la fibra di legno o la lana di roccia, possono essere più costose.
  • Lavori Aggiuntivi: La rimozione di vecchi rivestimenti, il trattamento di crepe o danni alla facciata, e l’installazione di nuovi sistemi di fissaggio possono aggiungere costi significativi al progetto.
  • Costi di Manodopera: La complessità dell’installazione e la qualità della manodopera influenzano il prezzo. La scelta di professionisti qualificati e specializzati può comportare un investimento iniziale maggiore ma garantire migliori prestazioni e durabilità.

Stime di Costo

Per fornire una stima approssimativa, i costi per l’installazione di un cappotto termico possono variare da circa 40 a 100 euro al metro quadrato, escludendo eventuali incentivi o detrazioni fiscali. Questo range è molto ampio e serve solo come punto di partenza; il costo effettivo può essere superiore a seconda delle specificità del progetto.

Incentivi e Detrazioni Fiscali

È importante considerare che in molti paesi esistono incentivi governativi, detrazioni fiscali o bonus edilizi che possono ridurre significativamente il costo netto dell’intervento. Questi incentivi sono pensati per incoraggiare l’efficienza energetica e possono coprire una percentuale significativa della spesa totale.

Leggi anche: Cappotto termico 2024: cosa scegliere tra Superbonus, Bonus Ristrutturazioni e Ecobonus

In conclusione, l’installazione di un cappotto termico rappresenta una scelta strategica per chiunque desideri migliorare l’efficienza energetica della propria abitazione, ottenendo benefici in termini di risparmio energetico, comfort abitativo e protezione dell’edificio. Tuttavia, è fondamentale avvicinarsi a questo intervento con la consapevolezza delle procedure amministrative necessarie per la sua realizzazione, conformemente alla normativa vigente.

La necessità di ottenere specifici permessi, come la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA), o di seguire procedure particolari in presenza di vincoli architettonici, sottolinea l’importanza di pianificare con cura ogni fase del progetto. Affidarsi a professionisti del settore può semplificare questo processo, garantendo che l’intervento sia non solo efficace ma anche in piena conformità con le leggi

Richiedi informazioni per Casa, Guide, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Prodotti suggeriti

Blocchi rettificati PorotonBlocchi rettificati Poroton

Blocchi rettificati Poroton

I blocchi rettificati PLAN sono laterizi POROTON® ottenuti da un processo di rettifica che rende le facce di posa piane e parallele.
Arthagips XPS - Pannelli per l'isolamento termicoArthagips XPS - Pannelli per l'isolamento termico

Arthagips XPS - Pannelli per l'isolamento termico

Arthagips è una lastra prefabbricata per l'isolamento termico dall'interno di strutture verticali opache, [..]
Sylvactis 55 FXSylvactis 55 FX

Sylvactis 55 FX

Pannello in fibra di legno WF-EN 13171 - T3 - MU2 – AF5
SanawarmeSanawarme

Sanawarme

Intonaco isolante, traspirante, deumidificante, ad elevata capacità termo-acustica per esterni ed interni.
Triso-MursTriso-Murs

Triso-Murs

Isolanti sottili multiriflettenti ACTIS per muri e pavimenti
Vedi tutti i Prodotti in Isolamento Termico

Articoli Correlati

Superbonus e case fantasma: il catasto contro l'evasione immobiliareSuperbonus e case fantasma: il catasto contro l'evasione immobiliare

Superbonus e case fantasma: il catasto contro l'evasione immobiliare

25/03/2024 09:32 - L'Agenzia delle Entrate intensifica la lotta all'evasione immobiliare con il Piano 2024-2026, mirando a una maggior trasparenza del patrimonio immobiliare italiano.
Superbonus 110% e plusvalenze: lo studio del NotariatoSuperbonus 110% e plusvalenze: lo studio del Notariato

Superbonus 110% e plusvalenze: lo studio del Notariato

22/03/2024 08:47 - Studio del Consiglio nazionale del Notariato analizza complessità plusvalenze e [..]
TAGS: Cappotto termico, comfort abitativo, efficienza energetica, materiali isolanti, normativa cappotto termico, permessi edilizi, protezione edificio, riqualificazione energetica, risparmio energetico, scia

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!