Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Economia e Finanza » Pace fiscale: lo scontro sulla proposta di condono

Pace fiscale: lo scontro sulla proposta di condono

Pace fiscale: lo scontro sulla proposta di condonoPace fiscale: lo scontro sulla proposta di condono
Ultimo Aggiornamento:

Nel panorama politico italiano, la questione della “pace fiscale” proposta da Matteo Salvini ha acceso un dibattito feroce. Da una parte c’è l’idea del condono fiscale come soluzione per liberare milioni di italiani dall’ostaggio del fisco. Dall’altra, c’è la visione dell’Agenzia delle Entrate e dell’opposizione politica, che considerano quest’azione un potenziale incoraggiamento all’evasione fiscale.

Il concept di Pace Fiscale di Salvini

Matteo Salvini, leader della Lega e Ministro delle Infrastrutture, ha proposto l’idea del condono fiscale come strumento per liberare milioni di italiani che, nonostante abbiano dichiarato i loro redditi, non sono stati in grado di pagare tutte le tasse dovute.

Leggi anche: Pace fiscale: la proposta di Salvini

Salvini propone una soglia accettabile di debito fiscale: se un individuo ha un debito fiscale fino a 30.000 euro accumulati nel corso degli anni, lo Stato dovrebbe chiuderlo, chiedendone solo una parte e azzerando il resto.

L’obiettivo, secondo Salvini, è liberare milioni di italiani da un fardello fiscale eccessivo e, in particolare, da l’oppressione dell’Agenzia delle Entrate. Si tratta, in sintesi, di cittadini che hanno presentato la dichiarazione dei redditi, ma che non sono riusciti a pagare l’intero importo dovuto.

Salvini sostiene che la sua idea di pace fiscale porterebbe un vantaggio per lo Stato, incassando miliardi da usare per stipendi e pensioni, e libererebbe 15 milioni di persone. Tuttavia, le implicazioni di una tale proposta potrebbero essere molto più complesse.

I critici sostengono che le proposte di condono fiscale possono portare a un ciclo di non-pagamento, in quanto i contribuenti possono ritardare o evitare i pagamenti nella speranza di futuri condoni. Questo può creare un clima di incertezza e instabilità, con effetti a lungo termine sulla capacità dello Stato di finanziare i servizi essenziali.

La risposta dell’Agenzia delle Entrate

Il Direttore dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, non ha risposto direttamente a Salvini, ma ha sottolineato l’importanza delle tasse come base della convivenza civile e ha difeso il ruolo fondamentale dell’ente che dirige.

Ruffini ha ricordato il valore delle tasse come base della convivenza civile e ha sottolineato che l’Agenzia delle Entrate non è un’entità belligerante, ma una struttura essenziale per il funzionamento dello Stato.

Secondo Ruffini, la lotta all’evasione fiscale non è un atto di persecuzione, ma un atto di giustizia verso coloro che pagano regolarmente le loro tasse, nonostante l’indiscutibile pressione fiscale.

La reazione dell’opposizione e della maggioranza

Le reazioni all’idea di Salvini sono state miste. Da un lato, l’opposizione ha espresso forte disapprovazione. Alcuni esponenti politici, come Francesco Boccia (Pd), Giuseppe Conte (5 Stelle), Carlo Calenda (Azione) e Angelo Bonelli (Alleanza-Verdi Sinistra), hanno definito la proposta di Salvini come pericolosa per la democrazia e una possibile incitazione all’evasione fiscale.

Dall’altro lato, nella maggioranza si è notata una divisione. Mentre Forza Italia ha appoggiato l’idea di Salvini, altri come Maurizio Leo, viceministro dell’Economia, hanno posto l’accento sulla necessità di pagare tutte le tasse e di riformare il sistema fiscale.

Il problema dell’evasione

La proposta di Salvini richiama l’idea di “rottamazioni”, già sperimentate nel passato, ma che non hanno sempre portato i risultati sperati. Per esempio, nel 2016, il gettito fiscale atteso di 17,7 miliardi di euro si è ridotto a soli 8,2 miliardi di euro effettivamente incassati.

Leggi anche: Rottamazione Quater: Tutto ciò che devi sapere sulla Tregua Fiscale del 2023

L’80% dell’evasione fiscale è attribuibile a cittadini che non hanno presentato la dichiarazione dei redditi o l’hanno falsificata. Molti di questi, almeno 7 milioni, sono recidivi. Pertanto, il problema dell’evasione non può essere affrontato solo attraverso la pace fiscale, ma necessita di una strategia più ampia e complessa.

Richiedi informazioni per Economia e Finanza, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

IMU e TARI 2023: conguagli entro 29 febbraio e novità, ecco per chiIMU e TARI 2023: conguagli entro 29 febbraio e novità, ecco per chi

IMU e TARI 2023: conguagli entro 29 febbraio e novità, ecco per chi

14/02/2024 13:05 - Il Dipartimento Finanze del MEF annuncia le novità riguardanti la trasmissione degli atti e delibere IMU e TARI relative al 2023, in seguito a quanto previsto per il nuovo anno 2024.
Irpef 2024: ecco cosa devi sapere sulle nuove aliquoteIrpef 2024: ecco cosa devi sapere sulle nuove aliquote

Irpef 2024: ecco cosa devi sapere sulle nuove aliquote

11/02/2024 12:22 - La riforma fiscale del 2024 in Italia introduce tre aliquote Irpef, aumenta le [..]
TARI 2024: variabili in base agli impianti di smaltimento esistentiTARI 2024: variabili in base agli impianti di smaltimento esistenti

TARI 2024: variabili in base agli impianti di smaltimento esistenti

09/02/2024 08:55 - Sono state aggiornate [..]
Climatizzatori vs caldaie a gas, chi consuma meno?Climatizzatori vs caldaie a gas, chi consuma meno?

Climatizzatori vs caldaie a gas, chi consuma meno?

25/01/2024 12:36 - Nella scelta tra riscaldamento tramite climatizzatori e caldaie a gas, molti [..]
TAGS: condono, pace fiscale, Salvini

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!