Edilizia.com
Edilizia.com
blank
Home » Economia e Finanza » Cessione Credito Superbonus: aggiornati manuale e piattaforma, come si procede

Cessione Credito Superbonus: aggiornati manuale e piattaforma, come si procede

Cessione Credito Superbonus: aggiornati manuale e piattaforma, come si procedeCessione Credito Superbonus: aggiornati manuale e piattaforma, come si procede
Ultimo Aggiornamento:

Il sistema della cessione del credito – per quanto riguarda gli interventi agevolabili con il Superbonus, con il Sismabonus e con il Bonus Barriere Architettoniche – è stato di recente interessato da importanti novità.

Per consentire lo sblocco dei tanti crediti d’imposta incagliati, infatti, viene introdotta la possibilità di rateizzare il beneficio in un tempo di 10 anni, ma solo a favore dei soggetti che hanno presentato la Comunicazione per le opzioni alternative entro il 31 marzo 2023.

A partire dal 2 maggio 2023 è possibile dunque aderire alla “rateizzazione lunga”, e a tal proposito sono stati aggiornati la Piattaforma cessione crediti e il manuale legato all’utilizzo della stessa.

Di seguito tutte le novità.

Cessione Credito Superbonus: come funziona la rateizzazione lunga

I soggetti che scelgono di utilizzare i crediti d’imposta – derivanti dalle Comunicazioni inviate entro il 31 marzo e non ancora utilizzati – mediante la rateizzazione in 10 anni, potranno beneficiare del credito spettante esclusivamente in compensazione con l’F24, e non avranno più la possibilità di modificare la propria scelta.

Si tratta infatti di una scelta irreversibile e con efficacia immediata.

La rateizzazione in 10 anni nello specifico può essere applicata alla quota non utilizzata dei crediti riferiti agli anni:

  1. 2022 e seguenti, per i crediti Superbonus derivanti dalle Comunicazioni per le opzioni alternative trasmesse entro il 31 ottobre 2022.
  2. 2023 e seguenti:
    • Per i crediti Superbonus derivanti dalle Comunicazioni inviate dal 1° novembre 2022 al 31 marzo 2023;
    • Per i crediti Sismabonus e Bonus Barriere Architettoniche, in riferimento alle Comunicazioni trasmesse fino al 31 marzo 2023.

Per poter accedere al sistema della rateizzazione lunga sarà necessario comunicare la scelta accedendo alle nuove funzionalità presenti nella “Piattaforma cessione crediti”.

Il servizio è attivo a partire dal:

  • 2 maggio 2023, per i cessionari e i fornitori che intendono provvedere alla richiesta autonomamente;
  • 3 luglio 2023, per i soggetti che intendono comunicare la scelta servendosi di un intermediario.

Per conoscere tutte le novità, leggi: “Superbonus in 10 rate: dal 2 maggio le Comunicazioni, cosa sapere

Piattaforma cessione: come accedere al servizio rateizzazione

I soggetti che in passato hanno optato per l’utilizzo della cessione del credito o dello sconto in fattura, in relazione ad interventi Superbonus, Sismabonus e Bonus Barriere Architettoniche, possono oggi scegliere di aderire alla rateizzazione lunga.

A questo fine, è stata appunto aggiornata la Piattaforma legata alla cessione, così come il manuale contenente la “Guida all’utilizzo della Piattaforma cessione crediti”.

I soggetti che intendono aderire alla rateizzazione lunga, dovranno comunicarlo accedendo alla propria Area Riservata sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Una volta effettuato l’accesso, l’utente dovrà cliccare sulla funzione “Servizi” e poi su “Agevolazioni”. A questo punto sarà possibile accedere alla “Piattaforma cessione crediti”, all’interno della quale si troverà il nuovo servizio denominato “Ulteriore rateazione”.

Si tratta appunto della funzionalità dedicata alla rateizzazione in 10 anni. Il servizio permette di inserire la Comunicazione legata alla scelta della nuova rateizzazione, ma permette anche successivamente di visualizzare le comunicazioni già inviate, accedendo alla voce “Interrogazione”.

Per ogni comunicazione correttamente inviata, in particolare, sarà possibile visualizzare i dati della rata originaria del credito e la serie delle nuove 10 rate che deriveranno dalla scelta della rateizzazione.

Cessione Credito Superbonus: rateizzazione in 10 anni, come aderire

Per aderire alla rateizzazione in 10 anni, dopo aver cliccato su “Comunicazione” il sistema chiederà di indicare l’anno di riferimento della rata (dal 2022 in poi per il Superbonus, e dal 2023 in poi per Sismabonus e Bonus Barriere) oppure il Codice Tributo legato all’agevolazione di interesse.

A questo punto, il servizio mostrerà automaticamente tutte le rate per le quali è possibile aderire alla rateizzazione in riferimento ad ogni anno di interesse. L’utente dovrà a quel punto selezionare quali di queste rate dovranno essere interessate dalla rateizzazione in 10 anni.

Ricordiamo infatti che si può scegliere il nuovo sistema in riferimento a tutte le rate spettanti, oppure anche solo a parte di queste.

Una volta selezionate le rate d’interesse, l’utente cliccherà quindi su “Conferma” e potrà così visualizzare il riepilogo della rateizzazione in 10 anni legata alle rate selezionate, che sarà elaborato automaticamente dal sistema così da permettere all’utente di valutare ulteriormente l’opzione prima di confermare definitivamente la propria scelta.

Dopo la prima conferma apparirà una finestra di dialogo che chiederà una seconda conferma per poter proseguire. Ma ancora la rateizzazione non sarà definitiva.

A quel punto infatti l’utente vedrà aprirsi una scheda contenente il “Riepilogo del credito rateizzabile selezionato”, contenente l’elenco delle nuove 10 rate nelle quali sarà suddiviso l’importo della rata originaria selezionata.

Per ognuna delle nuove 10 rate saranno indicate le seguenti informazioni:

  • Anno di riferimento nuove rate;
  • Codice Tributo nuove rate;
  • Importo nuove rate;
  • Scadenza annuale per l’utilizzo delle nuove rate. Ricordiamo che ogni rata può essere utilizzata dal 1° gennaio al 31 dicembre dell’anno di riferimento indicato nella prima colonna della tabella riepilogativa.

L’utente dovrà quindi cliccare su “Rateizza”, e solo allora apparirà realmente la richiesta definitiva di conferma, in seguito alla quale non sarà più possibile annullare l’operazione.

Per quest’ultima conferma definitiva, è possibile che venga richiesto all’utente di inserire il proprio codice PIN.

Solo quando apparirà il messaggio che cita “Operazione correttamente eseguita”, sarà possibile chiudere il servizio.

L’efficacia della scelta è immediata. Questo significa che, in seguito alla conferma, il credito originario sarà scalato subito dal plafond disponibile per il corrispondente importo ripartito, e sarà sostituito dalle nuove rate derivate dalla rateizzazione.

Leggi anche: “Superbonus e Bonus Casa: tutti i Codici fino al 31 marzo e dal 1° aprile

Richiedi informazioni per Bonus, Cessione del Credito, Detrazioni Fiscali, Economia e Finanza, Notizie, Superbonus 110

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Agevolazione Prima Casa under 36: i chiarimenti dell'agenzia delle entrate sulla prorogaAgevolazione Prima Casa under 36: i chiarimenti dell'agenzia delle entrate sulla proroga

Agevolazione Prima Casa under 36: i chiarimenti dell'agenzia delle entrate sulla proroga

20/06/2024 11:21 - Le nuove direttive per le agevolazioni prima casa under 36 includono flessibilità sulla certificazione ISEE e procedure chiare per il credito d’imposta, garantendo benefici fiscali ottimali.
20 milioni di euro per la sicurezza stradale nei piccoli comuni20 milioni di euro per la sicurezza stradale nei piccoli comuni

20 milioni di euro per la sicurezza stradale nei piccoli comuni

08/06/2024 12:06 - Il governo italiano ha stanziato 20 milioni di euro per migliorare la sicurezza [..]
Cedolare secca 2024: cos'è, come funziona e cosa cambia nel 2024Cedolare secca 2024: cos'è, come funziona e cosa cambia nel 2024

Cedolare secca 2024: cos'è, come funziona e cosa cambia nel 2024

08/06/2024 10:49 - La cedolare secca è un [..]
TAGS: cessione credito, Cessione Credito Superbonus, cessione del credito, Superbonus

Autore: Redazione Online

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!