Bonus Casa e Precompilata 2022: rinnovi e proroghe, serve ulteriore modifica

Bonus Casa e Precompilata 2022: rinnovi e proroghe, serve ulteriore modifica Bonus Casa e Precompilata 2022: rinnovi e proroghe, serve ulteriore modifica
Ultimo Aggiornamento:

Con il Provvedimento Prot. n. 83833 del 16 marzo 2022, l’Agenzia delle Entrate comunica la proroga dei termini per la trasmissione della Dichiarazione Precompilata 2022, nonché per l’invio della comunicazione obbligatoria per i condomini che intendono usufruire dei bonus edilizi.

Entrambe le scadenze erano finora fissate al 16 marzo 2022. La proroga è stata ufficializzata a poche ore dal termine con il provvedimento di cui sopra, che ne ha annunciato l’estensione fino al 7 aprile 2022.

Tuttavia è certo che, in seguito a questo, ci sarà un ulteriore provvedimento con il quale sarà necessario modificare alcune delle nuove tempistiche, sia in relazione all’invio della dichiarazione precompilata 2022 sia in riferimento alla comunicazione relativa per le opzioni alternative in condominio.

Approfondiamo di seguito.

Leggi anche: “Comunicazione Sconto in fattura e Cessione del credito: come si compila passo per passo

Bonus Casa e Precompilata 2022: provvedimenti in contrasto

La necessità di un ulteriore proroga dei termini è data dal fatto che il 15 marzo 2022, appena un giorno prima che il rinnovo fosse annunciato, è stato approvato, tra gli altri, un emendamento di modifica al DL n. 4/2022 (Decreto Sostegni TER).

Oggetto dell’emendamento è stato appunto la proroga dei termini entro i quali l’Agenzia delle Entrate è tenuta a mettere a disposizione dei contribuenti la Dichiarazione Precompilata 2022, oltre all’estensione dei termini per l’invio della comunicazione per le spese dei bonus casa, incluso Superbonus 110%.

Ne abbiamo parlato nell’articolo “Comunicazione Cessione del credito e Sconto in fattura: proroga fino al 29 aprile”, dove appunto spiegavamo che l’emendamento contiene:

  • Sia la proroga fino al 29 aprile della scadenza per l’invio della Comunicazione per la scelta delle opzioni alternative;
  • Sia appunto l’estensione dei termini per la messa a disposizione della precompilata 2022 da parte del Fisco.

In base alle disposizioni precedenti, la dichiarazione precompilata 2022 doveva essere disponibile sul portale del Fisco nella propria Area Clienti entro il 30 aprile 2022.

La modifica al Sostegni-TER ne ha però appunto annunciato l’estensione fino al 23 maggio 2022.

Advertisement - Pubblicità


Dichiarazione Precompilata 2022: termini da correggere

I due provvedimenti dunque, in riferimento alla nuove tempistiche stabilite, come possiamo vedere si contrastano tra loro.

Per ciò che concerne la dichiarazione precompilata 2022, in particolare:

  • La bozza A.S. 2505, approvata il 15 Marzo, dispone che le Entrate avranno tempo fino al 23 maggio per la messa a disposizione della precompilata 2022 a favore dei contribuenti;
  • Il Provvedimento prot. 83833 invece, approvato il 16 marzo, stabilisce che i contribuenti potranno trasmettere la dichiarazione precompilata 2022 entro il 7 aprile 2022.

È chiaro dunque che le tempistiche dovranno essere ancora una volta riviste e modificate, e che le procedure per l’accettazione o la modifica del 730 precompilato slitteranno probabilmente a giugno.

Comunicazione opzioni alternative per Condomini: revisione necessaria

La stessa cosa è accaduta con la Comunicazione per l’utilizzo delle opzioni alternative, quali la cessione del credito e lo sconto in fattura.

Difatti, nonostante abbiamo già conferma della proroga dei termini per l’invio (con scadenza attualmente fissata al 29 aprile), l’ultimo provvedimento del 16 marzo invece è rimasto indietro.

Qui si annuncia infatti che, per quanto riguarda le spese sostenute nelle parti comuni condominiali, per le quali i condomini intendono accedere tramite le opzioni alternative della cessione o lo sconto ai bonus edilizi, l’amministratore dovrà procedere all’invio del documento entro il 7 aprile.

Tale data, anche qui, entra senza dubbio in contrasto con quanto già stabilito dall’emendamento al Sostegni-TER, grazie al quale tutti i contribuenti (inclusi i condomini), avranno tempo fino al 29 aprile per l’invio della Comunicazione.

L’amministratore (o intermediario) infatti, non potrà soddisfare la richiesta dell’invio del documento entro il 7 aprile, se i condomini che partecipano alle spese hanno tempo fino al 29 aprile per comunicare la volontà di accedere ai bonus casa tramite cessione o sconto.

Da tutto ciò ne consegue la necessità di rivedere e rendere chiare al più presto tutte le tempistiche. Rimarremo aggiornati.

Leggi anche: “Comunicazione Cessione: chi la invia? Nuove regole dal 3 febbraio



Autore: Redazione Online

Altri approfondimenti ed Articoli Correlati

Advertisement - Pubblicità