Edilizia.com
Edilizia.com
blank
Home » Bonus » Superbonus 110 » Superbonus 110%: quali sono i documenti da conservare assolutamente?

Superbonus 110%: quali sono i documenti da conservare assolutamente?

Superbonus 110%: quali sono i documenti da conservare assolutamente?Superbonus 110%: quali sono i documenti da conservare assolutamente?
Ultimo Aggiornamento:

Il Superbonus è una detrazione del 110% applicata ai costi documentati per ottimizzare l’efficientamento energetico e/o sismico degli immobili in uso o in proprietà. Un’agevolazione prevista dal Decreto Rilancio che innalza al 110% la detrazione fiscale da applicare sui costi sostenuti per determinati interventi energetici, antisismici, di installazione di colonnine di mezzi elettrici negli edifici e di impianti fotovoltaici.

Il Superbonus 110% è rivolto alle unità immobiliari, a patto che gli interventi realizzati assicurino il miglioramento di due classi energetiche oppure l’ottenimento della classe più alta. Una condizione obbligatoria per poter fruire dell’agevolazione, da certificare tramite l’Attestazione di Prestazione Energetica (APE).

La detrazione viene attribuita ai beneficiari nella misura del 110%, in cinque quote annuali di pari importo. In luogo alla detrazione spettante, gli aventi diritto possono scegliere tra uno sconto in fattura da parte dei fornitori dei beni e/o servizi e la cessione del credito in favore di altri soggetti.

Per beneficiare di questa importante agevolazione, gli interessati dovranno acquisire e conservare alcuni essenziali documenti amministrativi e tecnici. Una documentazione che ogni beneficiario è tenuto a conservare e da mostrare in caso di qualche controllo da parte delle autorità competenti.

Ma quali sono i documenti da conservare con cura assolutamente per evitare problemi con il Fisco? Vediamolo nel dettaglio nei paragrafi seguenti.

Superbonus 110%: documenti amministrativi

Ciascun fruitore del Superbonus 110% è quindi tenuto a conservare la relativa documentazione, senza la quale il diritto all’agevolazione verrebbe seriamente compromesso. I documenti amministrativi da conservare sono i seguenti:

  • l’asseverazione, redatta e sottoscritta da un tecnico specializzato ai sensi dell’articolo 119, c. 13, del Decreto Legge 34/2020, e completa degli allegati obbligatori. Un documento per attestare la corrispondenza dei requisiti tecnici, la congruità delle spese e nel quale vengono riportati il codice Identificativo dell’Asseverazione (IDA) e il codice Protocollo dell’Asseverazione (ASID), entrambi generati automaticamente dal Portale. Gli allegati sono l’APE pre e post intervento, la polizza di assicurazione con un idoneo massimale, il computo metrico e le fatture dei costi sostenuti;
  • la stampa originale della scheda dettagliata dei lavori, completa del Codice Personale Identificativo (CPID). Una scheda descrittiva generata automaticamente dal Portale nel momento in cui viene trasmessa l’asseverazione al termine degli interventi, sia che si tratti di lavori nelle unità immobiliari che di lavori condominiali. Una volta stampata, la scheda deve essere firmata dai soggetti beneficiari e dai tecnici abilitati;
  • copia della relazione tecnica, ai sensi dell’articolo 8, c. 1, del Decreto Legislativo 192/05. Per i lavori interessati dal Superbonus 110% c’è sempre l’obbligo della relazione tecnica (articolo 6, c. 1, D.M. del 6 agosto 2020;
  • Attestato di Prestazione Energetica (APE) di ciascuna unità immobiliare per la quale si richiede la detrazione, con l’indicazione di ogni servizio energetico presente nella situazione post intervento, in ottemperanza alle Linee Guida Nazionale per la certificazione energetica degli immobili (D.M. del 26 giugno 2015);
  • nei casi di lavori sugli involucri opachi e trasparenti sono necessarie anche le schede tecniche relative ai materiali, mentre per le opere sugli impianti di climatizzazione invernale servono le schede dei generatori nuovi di calore;
  • i lavori relativi agli impianti necessitano anche della dichiarazione di conformità (D.M. 37/08).

Superbonus 110%: documenti tecnici

Conservare esclusivamente i documenti amministrativi non basta perché la stessa cosa è necessario farla anche per la seguente documentazione tecnica:

  • titolo edilizio, quando necessario, riguardo il tipo di intervento da svolgere (CILA, SCIA, etc,);
  • delibera di approvazione dell’assemblea di condominio quando i lavori interessano le parti comuni;
  • dichiarazione di consenso del proprietario per gli interventi svolti da chi detiene l’immobile;
  • fatture dei costi sostenuti, ovvero attestazione degli importi corrisposti dal condominio per i lavori effettuati sulle parti comuni dell’edificio;
  • ricevuta dell’email trasmessa dall’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA), con l’indicazione del codice ASID a garanzia della trasmissione dell’asseverazione;
  • ricevute dei bonifici “parlanti” postali o bancari.

I bonifici “parlanti” sono obbligatori per fruire del Superbonus 110% con la dichiarazione dei redditi annuale. Si tratta di un bonifico ordinario con delle precise informazioni nella causale, utili per controllare che i pagamenti siano a tutti gli effetti riconducibili al Superbonus.

I costi vanno dunque saldati attraverso i bonifici postali o bancari, che devono riportare il codice fiscale di colui che vuole fruire della misura, la causale del pagamento e la partita IVA dell’impresa alla quale è rivolto il bonifico.

Per la validità dei bonifici parlanti è necessario indicare le corrette norme di riferimento. A tal fine, gli uffici postali e bancari dispongono di modelli precompilati a supporto della correttezza della compilazione dei bonifici. Per maggiori notizie in merito, si può consultare il documento dell’Agenzia delle Entrate al seguente indirizzo.

Superbonus 110%: documento utile ai fini dello sconto in fattura o della cessione del credito

Come anticipato, in alternativa alla detrazione, con il Superbonus esiste la possibilità della cessione del credito o dello sconto in fattura. In questo caso però bisogna conservare un ulteriore documento obbligatorio:

  • il visto di conformità, ai sensi dell’articolo 119, c.11, Decreto Legge 34/2020, per attestare la reale sussistenza delle condizioni che danno diritto alla detrazione. A rilasciare questo visto devono essere i soggetti incaricati dell’invio telematico delle dichiarazioni (ragionieri, periti commerciali, dottori commercialisti) e i responsabili dei CAF (Centro Assistenza Fiscale), tenuti a controllare la presenza della corretta documentazione.

Tra l’altro, proprio la cessione dei crediti negli ultimi tempi è stata interessata da importanti novità.

Secondo le ultime disposizioni sono, infatti, ammessi al massimo 4 passaggi. La prima cessione dei crediti è libera, con il credito che può essere ceduto a qualunque soggetto, mentre i due passaggi successivi sono ammessi soltanto a favore di soggetti qualificati, intermediari finanziari o banche.

Agli istituti bancari è poi sempre data la possibilità della cessione dei crediti ai loro correntisti, non però a coloro catalogati come utenti o consumatori.

Leggi anche “Ok al decreto Semplificazioni fiscali: Cosa succede alla cessione del credito?“;

Superbonus 110%: controlli dell’Agenzia delle Entrate

Anche alla luce delle molte disposizioni in materia e, dei tanti cambiamenti, per non avere problemi di natura burocratica è bene quindi fare molto attenzione alla documentazione da presentare e conservare.Una buona maniera per tutelarsi di fronte a un eventuale controllo da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Uno dei frequenti controlli fatti dal Fisco è relativo proprio all’accesso alla detrazione tramite la dichiarazione annuale dei redditi.

Nello specifico, l’Agenzia controlla se sono stati rispettati i requisiti per accedere all’agevolazione, ovvero verifica la sussistenza dei presupposti per beneficiare del bonus. L’Agenzia delle Entrate controlla cioè la presenza dei certificati da trasmettere all’ENEA e le modalità di cessione dei crediti.

La conservazione di tutta la documentazione diventa essenziale anche in relazione ai tempi delle verifiche, che molto spesso vengono svolte dopo qualche anno e non immediatamente: il Fisco può intervenire anche dopo diversi anni.

Per i controlli da effettuare sul Superbonus 110%, infatti il Fisco italiano ha tempo sino al 31 dicembre del 5° anno successivo all’anno nel quale è stata presentata la dichiarazione dei redditi con la quale la detrazione è stata richiesta. La ratio per cui conservare accuratamente negli anni l’intera documentazione riguardante gli interventi effettuati è necessario per non andare incontro a seri problemi.

Questo anche perché non è sempre facile riprodurre un nuovo documento nel caso in cui vada persa qualche certificazione.

Superbonus 110%: conclusioni

Il Superbonus 110% è una misura molto vantaggiosa, in quanto dà l’opportunità agli aventi diritto di effettuare interventi di ristrutturazione presso la loro casa fruendo di un’agevolazione particolarmente conveniente. Lavori che devono essere rivolti al miglioramento dell’immobile dal punto di vista energetico e/o sismico.

L’intervento governativo è però sottoposto a severe verifiche, dal momento che l’agevolazione è concessa sotto forma di detrazione fiscale, cessione del credito o sconto in fattura. A tal proposito, come visto in precedenza, l’Agenzia delle Entrate dispone periodici controlli rigidi con lo scopo di risalire ad eventuali illeciti e scorrettezze di vario genere.

Per mettersi al riparo da qualsiasi rilievo da parte del Fisco in fase di controllo, l’importante è conoscere la documentazione da acquisire e conservare. In verità la dibattuta misura è stata più volte modificata con nuove disposizioni, una circostanza che non ha facilitato la semplificazione documentale.

Tuttavia con gli accorgimenti giusti e con la conservazione di tutti i documenti amministrativi e tecnici si può dormire tranquilli.

Dunque, nonostante la trafila burocratica non propriamente semplice e i possibili controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate, il Superbonus 110% è in definitiva un’ottima occasione per le famiglie italiane e per incentivare la ripresa del settore dell’edilizia, in grande sofferenza negli ultimi anni. Una misura che dopo la diffidenza iniziale sta dando i suoi frutti, a confermarlo sono i dati raccolti e diffusi recentemente da ENEA, aggiornati alla fine dello scorso luglio. In base all’ultimo report, gli investimenti complessivi ammessi a detrazione sfiorano i 40 mld di euro.

Richiedi informazioni per Bonus, Guide, Notizie, Superbonus 110

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Superbonus 110%: l'importanza della data di bonifico, il chiarimento dell'AdESuperbonus 110%: l'importanza della data di bonifico, il chiarimento dell'AdE

Superbonus 110%: l'importanza della data di bonifico, il chiarimento dell'AdE

21/06/2024 19:08 - Il Superbonus 110% si applica alle spese sostenute entro il 31 dicembre 2023, considerate tali alla data di ordine di bonifico, come chiarito dall'Agenzia delle Entrate.
Superbonus: ultime notizie sull'emendamento spalma detrazioniSuperbonus: ultime notizie sull'emendamento spalma detrazioni

Superbonus: ultime notizie sull'emendamento spalma detrazioni

16/05/2024 07:50 - Le recenti modifiche normative relative al Superbonus introducono una spalmatura [..]
Superbonus: detrazione in 10 anni, non più in 4 per il 2024Superbonus: detrazione in 10 anni, non più in 4 per il 2024

Superbonus: detrazione in 10 anni, non più in 4 per il 2024

09/05/2024 19:40 - Il governo italiano propone di diluire i crediti del Superbonus su dieci anni per [..]
Superbonus 110%: a marzo raggiunti i 117,2 miliardi di euroSuperbonus 110%: a marzo raggiunti i 117,2 miliardi di euro

Superbonus 110%: a marzo raggiunti i 117,2 miliardi di euro

11/04/2024 10:26 - L'ultimo aggiornamento dell'Enea rivela che l'utilizzo del superbonus 110% a marzo [..]
TAGS: documenti, Superbonus, Superbonus 110%

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!