Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Tasse e Imposte » Versamenti IMU, TARI, TASI: Tabella aggiornata con Codici 2023

Versamenti IMU, TARI, TASI: Tabella aggiornata con Codici 2023

Versamenti IMU, TARI, TASI: Tabella aggiornata con Codici 2023Versamenti IMU, TARI, TASI: Tabella aggiornata con Codici 2023
Ultimo Aggiornamento:

Periodicamente vengono aggiornati i Codici Tributo legati al versamento dei tributi locali, ovvero delle tasse da pagare al comune in riferimento ai diversi servizi.

IMU, TARI e TASI sono chiaramente le imposte principali e maggiormente note. Ma l’aggiornamento delle Tabelle è riferito anche a IMI, IMIS, ILIA, TOSAP, Imposta di soggiorno e non solo.

Approfondiamo di seguito.

Leggi anche: “IMU, TARI, TASI: come consultare gli atti adottati dal proprio Comune

Versamenti IMU, TARI, TASI: Tabelle aggiornate

Il più recente aggiornamento riferito alle Tabelle dei versamenti IMU, TARI e TASI è datata al 28 febbraio 2023.

Nell’apposita pagina dedicata sul sito dell’Agenzia delle Entrate, è possibile però consultare anche:

  • Tabella T4 Codici Catastali dei Comuni (aggiornata al 30 novembre 2023);
  • Tabella T5 degli enti convenzionati per pagamenti di tributi ordinata per codice ente crescente (aggiornata al 27 novembre 2023);
  • Tabella T5 degli enti convenzionati per pagamenti di tributi ordinata alfabeticamente per tipo tributo (aggiornata al 27 novembre 2023).

Si ricorda, tra l’altro, che i comuni che intendano riscuotere la tassa di soggiorno mediante il Modello F24, saranno tenuti a trasmettere apposita richiesta tramite PEC all’indirizzo [email protected] della “Divisione Servizi – Direzione Centrale Servizi Istituzionali e di Riscossione – Settore Versamenti e rapporti con gli enti esterni – Ufficio Struttura di gestione”.

Le modifiche relative alla nuova modalità di versamento devono essere deliberate dal Consiglio comunale. Nella richiesta che si trasmette, oltre agli estremi della delibera di approvazione, si dovrà indicare la data a partire dalla quale si inizieranno a riscuotere i pagamenti con l’F24.

Codici Tributo IMU, IMI, IMIS, ILIA per versamenti F24

In riferimento ad IMU (Imposta Municipale Unica), IMI (IMU per Provincia di Bolzano), IMIS (IMU per Provincia di Trento) e ILIA (IMU per Friuli-Venezia Giulia) sono definiti i Codici Tributo da utilizzare in base delle indicazioni che seguono.

Nello specifico:

  1. IMU:
    • Per abitazioni principali e relative pertinenze, Codice: “3912”;
    • Per fabbricati ad uso strumentale, Codice: “3913”;
    • Per i terreni (destinatario il Comune), Codice “3914”;
    • Per i terreni (destinatario lo Stato), Codice “3915”;
    • Per le aree fabbricabili (destinatario il Comune), Codice “3916”;
    • Per le aree fabbricabili (destinatario lo Stato), Codice “3917”;
    • Per gli altri fabbricati (destinatario il Comune), Codice “3918”;
    • Per gli altri fabbricati (destinatario lo Stato), Codice “3919”;
    • Per gli interessi da accertamento, Codice “3923”;
    • Per le sanzioni da accertamento, Codice “3924”;
    • Per gli immobili ad uso produttivo in Categoria D (destinatario lo Stato), Codice “3925”;
    • Per gli immobili ad uso produttivo in Categoria D (destinatario lo Comune), Codice “3930”;
    • Per i fabbricati costruiti e destinati alla vendita dall’impresa, Codice “3939”.
  1. IMI:
    • Per abitazioni principali e relative pertinenze, Codice “3980”;
    • Per i fabbricati rurali strumentali, Codice “3981”;
    • Per le aree fabbricabili, Codice “3982”;
    • Per gli altri fabbricati, Codice “3983”;
    • Per gli immobili ad uso produttivo in Categoria D, Codice “3984”;
    • Per gli interessi, Codice “3985”;
    • Per le sanzioni, Codice “3986”.
  1. IMIS:
    • Per abitazioni principali, fattispecie assimilate e relative pertinenze, Codice “3990”;
    • Per altri fabbricati abitativi, Codice “3991”;
    • Per altri fabbricati, Codice “3992”;
    • Per aree edificabili, Codice “3993”;
    • Per sanzioni da accertamento, Codice “3994”;
    • Per interessi da accertamento, Codice “3995”;
    • Per sanzioni e interessi da ravvedimento operoso, Codice “3996”.
  1. ILIA:
    • Per abitazioni principali e relative pertinenze, Codice “5900”;
    • Per i fabbricati abitativi diversi dall’abitazione principale o assimilata, Codice “5901”;
    • Per fabbricati rurali ad uso strumentale, Codice “5903”;
    • Per i terreni, Codice “5904”;
    • Per le aree fabbricabili, Codice “5905”;
    • Per i fabbricati in categoria D e strumentali, Codice “5906”;
    • Per i fabbricati in categoria D e non strumentali, Codice “5907”;
    • Per i fabbricati strumentali non in categoria D, Codice “5908”;
    • Per gli altri immobili, Codice “5909”;
    • Per interessi da accertamento, Codice “5910”;
    • Per sanzioni da accertamento, Codice “5911”.

Versamenti TASI, TARI e altre tasse: i Codici Tributo

Per quanto riguarda invece TASI e TARI, i Codici Tributo sono i seguenti:

  1. TASI:
    • Per abitazione principale e relative pertinenze, Codice “3958”;
    • Per fabbricati rurali ad uso strumentale, Codice “3959”;
    • Per le aree fabbricabili, Codice “3960”;
    • Per altri fabbricati, Codice “3961”;
    • Per gli interessi, Codice “3962”;
    • Per le sanzioni, Codice “3963”.
  1. TARI, ai sensi della Legge n. 147/2013, art. 1 comma 639:
    • Tariffa, Codice “3944”;
    • Interessi, Codice “3945”;
    • Sanzioni, Codice “3946”.
  1. TARI, ai sensi della Legge 147/2013, art. 1 comma 668:
    • Tariffa, Codice “3950”;
    • Interessi, Codice “3951”;
    • Sanzioni, Codice “3952”.

Infine i Codici Tributo riferiti alle altre tasse locali:

  1. Imposta di soggiorno:
    • Tariffa, Codice “3936”;
    • Interessi, Codice “3937”;
    • Sanzioni, Codice “3938”.
  1. TOSAP/COSAP:
    • Tariffa per l’occupazione permanente, Codice “3931”;
    • Tariffa per l’occupazione temporanea, Codice “3932”;
    • Interessi, Codice “3933”;
    • Sanzioni, Codice “3934”.
  1. Imposta di scopo per la realizzazione di opere pubbliche:
    • Tariffa, Codice “3926”;
    • Interessi, Codice “3927”;
    • Sanzioni, Codice “3928”.

Leggi anche: “TARI, versamenti e scadenze: quali regole deve seguire il Comune?

Richiedi informazioni per Notizie, Tasse e Imposte

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Saldo IVA 2023: scadenze (oggi) e modalità di pagamentoSaldo IVA 2023: scadenze (oggi) e modalità di pagamento

Saldo IVA 2023: scadenze (oggi) e modalità di pagamento

18/03/2024 12:18 - Il 18 marzo 2024 è la scadenza per il versamento dell'IVA 2023, con opzioni di pagamento unico o rateizzato. Il decreto Adempimenti introduce semplificazioni, tra cui la rateizzazione senza opzioni preventive e l'aumento del limite per il versamento differito.
Ultima chiamata per il conguaglio IMU: scadenza 29 Febbraio!Ultima chiamata per il conguaglio IMU: scadenza 29 Febbraio!

Ultima chiamata per il conguaglio IMU: scadenza 29 Febbraio!

22/02/2024 09:08 - L'ultimo giorno utile per regolarizzare il conguaglio IMU per l'anno 2023 senza [..]
TAGS: codici tributo, imu, tari, tasi

Autore: Redazione Online

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!