Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Leggi e Normative » Guida su come impugnare una delibera condominiale

Guida su come impugnare una delibera condominiale

Guida su come impugnare una delibera condominialeGuida su come impugnare una delibera condominiale

Impugnare una delibera condominiale può essere un passo necessario per tutelare i propri diritti all’interno di un condominio. Spesso, le decisioni prese dall’assemblea condominiale possono non essere condivise da tutti i condomini, e in alcuni casi possono addirittura essere illegittime.

Ma come si può procedere correttamente per impugnare una delibera? Quali sono i tempi e le modalità da seguire?

Questo articolo fornirà una guida completa e dettagliata su come impugnare una delibera condominiale, offrendo consigli pratici e chiarimenti sulle normative vigenti.

Advertisement - Pubblicità

Analisi della delibera

Prima di procedere con l’impugnazione, è fondamentale analizzare attentamente la delibera che si intende contestare. La delibera deve essere esaminata per verificare se vi siano vizi di forma o di sostanza.

I vizi di forma possono includere la mancata convocazione di tutti i condomini, mentre i vizi di sostanza riguardano la violazione di norme di legge o del regolamento condominiale.

Le principali norme di legge rilevanti sono l’articolo 1137 del Codice Civile, che disciplina l’impugnazione delle delibere, e l’articolo 1105, che regola le decisioni sulla gestione delle cose comuni.

Articolo n° 1105 Codice Civile
Amministrazione

Tutti i partecipanti hanno diritto di concorrere nell’amministrazione della cosa comune.
Per gli atti di ordinaria amministrazione le deliberazioni della maggioranza dei partecipanti, calcolata secondo il valore delle loro quote, sono obbligatorie per la minoranza dissenziente.
Per la validita’ delle deliberazioni della maggioranza si richiede che tutti i partecipanti siano stati preventivamente informati dell’oggetto della deliberazione.
Se non si prendono i provvedimenti necessari per l’amministrazione della cosa comune o non si forma una maggioranza, ovvero se la deliberazione adottata non viene eseguita, ciascun partecipante puo’ ricorrere all’autorita’ giudiziaria. Questa provvede in camera di consiglio e puo’ anche nominare un amministratore.

Un’accurata analisi preliminare è essenziale per comprendere le reali possibilità di successo dell’impugnazione.

Advertisement - Pubblicità

Motivazioni per l’impugnazione

Le motivazioni per impugnare una delibera condominiale possono essere diverse. Tra le più comuni vi sono la mancata convocazione dell’assemblea secondo le modalità previste, l’adozione di delibere contrarie alla legge o al regolamento condominiale, e la lesione dei diritti dei singoli condomini.

Approfondisci: L’assemblea condominiale: la guida alle norme e alla convocazione

È importante che le motivazioni siano ben fondate e supportate da evidenze concrete. In caso contrario, l’impugnazione potrebbe essere rigettata dal giudice.

Tra le violazioni di legge più frequenti si annoverano quelle relative agli articoli 1117 e seguenti del Codice Civile, che regolano i diritti e i doveri dei condomini.

Advertisement - Pubblicità

Quando un’assemblea è nulla o può essere annullata?

Un’assemblea condominiale può essere considerata nulla o annullabile in diverse circostanze, basate principalmente sulla presenza di vizi di forma o di sostanza.

Un’assemblea è nulla quando non è stata convocata secondo le modalità previste dalla legge o dal regolamento condominiale, ad esempio, se non sono stati invitati tutti i condomini o se la convocazione non è stata effettuata nei termini stabiliti.

Leggi anche: Chi può partecipare all’assemblea condominiale? guida per inquilini e proprietari

Inoltre, un’assemblea può essere nulla se vengono prese decisioni su argomenti non inclusi nell’ordine del giorno.

L’annullabilità, invece, si verifica quando le deliberazioni adottate violano norme di legge, regolamenti o diritti individuali dei condomini. Ad esempio, una delibera che modifica i millesimi di proprietà senza il consenso unanime dei condomini è annullabile.

Un altro caso di annullabilità riguarda le decisioni prese con una maggioranza non conforme a quanto richiesto dalla normativa vigente. In entrambi i casi, l’impugnazione deve essere proposta entro 30 giorni, come previsto dall’articolo 1137 del Codice Civile.

Advertisement - Pubblicità

Tempi e modalità per l’impugnazione

Per impugnare una delibera condominiale, è necessario rispettare rigorosamente i tempi e le modalità previste dalla legge.

In base all’articolo 1137 del Codice Civile, l’impugnazione deve essere proposta entro 30 giorni dalla data della delibera per i condomini presenti all’assemblea, o entro 30 giorni dalla comunicazione della delibera per i condomini assenti.

L’impugnazione va presentata tramite ricorso al giudice competente, corredato dalla documentazione necessaria, che può includere verbali dell’assemblea, copie delle comunicazioni inviate e qualsiasi altra prova rilevante.

Ad esempio, se un’assemblea condominiale decide di effettuare lavori di manutenzione straordinaria senza averli previamente approvati con la maggioranza richiesta, un condomino può impugnare la delibera entro 30 giorni dalla sua adozione, qualora fosse presente, o dalla comunicazione della stessa, se assente.

È importante includere nel ricorso documenti come la convocazione dell’assemblea, il verbale della riunione e eventuali comunicazioni intercorse tra i condomini e l’amministratore. Questi elementi possono dimostrare eventuali irregolarità procedurali o sostanziali.

Advertisement - Pubblicità

Procedura legale

La procedura legale per impugnare una delibera condominiale prevede la presentazione di un ricorso al tribunale. Il ricorso deve contenere l’indicazione dei motivi dell’impugnazione e la richiesta di annullamento della delibera. Una volta presentato il ricorso, il giudice fisserà un’udienza per esaminare il caso.

Durante l’udienza, le parti potranno presentare le proprie argomentazioni e prove a sostegno delle rispettive posizioni.

Ad esempio, un condomino che impugna una delibera può portare testimonianze di altri condomini, documenti che dimostrano la mancata convocazione dell’assemblea secondo le modalità previste o prove che evidenziano la violazione di specifiche norme di legge.

Al termine del processo, il giudice emetterà una sentenza che potrà confermare o annullare la delibera impugnata. Se la delibera viene annullata, il condominio potrebbe dover riconvocare l’assemblea per deliberare nuovamente sulla questione.



Richiedi informazioni per Condomini, Leggi e Normative, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Cessione immobiliare a società dello stesso gruppo: quando si configura l'abuso del dirittoCessione immobiliare a società dello stesso gruppo: quando si configura l'abuso del diritto

Cessione immobiliare a società dello stesso gruppo: quando si configura l'abuso del diritto

16/07/2024 09:59 - La Corte di cassazione ha stabilito che vendere immobili a società dello stesso gruppo per mantenere agevolazioni fiscali costituisce abuso del diritto, richiedendo l'applicazione dell'imposta di registro ordinaria.
Fine contratto affitto: quando la tinteggiatura spetta all'inquilino?Fine contratto affitto: quando la tinteggiatura spetta all'inquilino?

Fine contratto affitto: quando la tinteggiatura spetta all'inquilino?

11/07/2024 10:08 - Le responsabilità di [..]
Opere ante'67: abusive se in assenza di prove concreteOpere ante'67: abusive se in assenza di prove concrete

Opere ante '67: abusive se in assenza di prove concrete

10/07/2024 10:59 - Il Consiglio di Stato conferma che l'onere di dimostrare la legittimità delle [..]
Firmato il nuovo Decreto Inerti sul riutilizzo dei rifiuti (End of Waste)Firmato il nuovo Decreto Inerti sul riutilizzo dei rifiuti (End of Waste)

Firmato il nuovo Decreto Inerti sul riutilizzo dei rifiuti (End of Waste)

10/07/2024 08:21 - Il nuovo Decreto Inerti [..]
Condono edilizio: illegittima demolizione durante la sanatoriaCondono edilizio: illegittima demolizione durante la sanatoria

Condono edilizio: illegittima demolizione durante la sanatoria

08/07/2024 11:49 - Una sentenza del Tar Catania annulla un'ordinanza di demolizione illegittima, [..]
TAGS: condominio, delibera condominiale, impugnare delibera

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!