Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Energie Rinnovabili » Fotovoltaico senza costi? scopri come con il Reddito Energetico

Fotovoltaico senza costi? scopri come con il Reddito Energetico

Fotovoltaico senza costi? scopri come con il Reddito EnergeticoFotovoltaico senza costi? scopri come con il Reddito Energetico
Ultimo Aggiornamento:

In un contesto economico e ambientale in cui la ricerca di soluzioni sostenibili diventa sempre più pressante, emerge un aiuto per le famiglie a basso reddito grazie al reddito energetico 2024.

Questa iniziativa si propone come una soluzione vantaggiosa per incentivare l’installazione di pannelli solari nelle abitazioni di chi finora ha visto limitate le proprie possibilità di accesso a fonti energetiche rinnovabili e sostenibili. Con una dotazione di 200 milioni di euro per il biennio 2024/2025, il governo mira a ridurre il divario energetico e a promuovere una transizione green accessibile a tutti.

Il programma di contributi a fondo perduto previsto dal reddito energetico rappresenta non solo un passo avanti verso l’autosufficienza energetica delle famiglie meno abbienti ma anche un’azione concreta per alleggerire il peso delle bollette energetiche, particolarmente gravoso in tempi di costanti aumenti dei prezzi.

Reddito Energetico 2024: cos’è e come funziona

Il concetto di reddito energetico nasce con un duplice scopo: da una parte, facilitare l’adozione di pannelli fotovoltaici tra le famiglie che, a causa di limitazioni economiche, potrebbero considerare irraggiungibile tale investimento; dall’altra, offrire un sostegno tangibile per mitigare l’impatto dell’aumento dei costi dell’energia.

Il Decreto Ministeriale che regolamenta l’accesso al Fondo nazionale del reddito energetico delinea un piano di intervento che privilegia le regioni del Sud Italia – Sicilia, Sardegna, Calabria, Abruzzo, Basilicata, Campania, Puglia e Molise – destinatarie dell’80% dei fondi disponibili.

Questo programma prevede un finanziamento che può arrivare fino a 11.000 euro per ciascun impianto fotovoltaico installato, variando in base alle dimensioni dell’impianto stesso e al fabbisogno energetico della famiglia. Il valore dell’incentivo può inoltre fluttuare a seconda della regione di residenza, mostrando un’attenzione particolare alle specificità territoriali e alle esigenze locali.

Leggi anche: Impianto fotovoltaico con accumulo: cosa c’è da sapere? Costi e detrazioni fiscali

Data la media di costo per un impianto fotovoltaico da 3 kW con sistema di accumulo, pari a circa 15.000 euro, il reddito energetico consente l’installazione di sistemi di dimensioni minori a costo zero o, in alternativa, offre un contributo significativo per impianti più ampi, destinati a soddisfare integralmente il fabbisogno di una famiglia.

Oltre agli impianti fotovoltaici, il programma estende il suo supporto anche agli impianti solari termici, ai sistemi di accumulo e ai microimpianti eolici, sottolineando un approccio inclusivo verso diverse soluzioni di produzione di energia rinnovabile.

Requisiti per accedere al Reddito Energetico

Per beneficiare del reddito energetico, è necessario soddisfare specifici requisiti, concepiti per indirizzare il supporto finanziario verso le famiglie che ne hanno maggiormente bisogno.

Un criterio fondamentale è rappresentato dal limite di ISEE: per accedere al fondo, infatti, è richiesto un ISEE non superiore a 15.000 euro, soglia che si eleva a 30.000 euro per i nuclei familiari con almeno quattro figli. Questo parametro garantisce che l’iniziativa raggiunga effettivamente le famiglie in condizioni di vulnerabilità economica. (Approfondisci: ISEE 2024: come si calcola e quando serve).

Un altro aspetto cruciale riguarda l’esclusività del beneficio: non è possibile cumulare il reddito energetico con altre forme di agevolazioni economiche, sia esse statali, regionali o europee, tra cui l’Ecobonus. Inoltre, è richiesto che il richiedente possieda la residenza nella Regione in cui viene richiesto il contributo, consolidando così l’intento di promuovere una distribuzione equilibrata delle risorse su tutto il territorio nazionale.

La normativa prevede anche il diritto all’autoconsumo, permettendo ai nuclei familiari beneficiari di trattenere per sé il 100% dell’energia prodotta dall’impianto installato. Questo aspetto non solo incentiva l’indipendenza energetica delle famiglie ma contribuisce anche a un modello di consumo più sostenibile e consapevole.

Leggi: Incentivi fotovoltaico GSE: tutte le tipologie di contratto e le differenze

Procedura per la richiesta del Reddito Energetico

Per inoltrare la richiesta di accesso al reddito energetico, è necessario seguire una procedura ben definita, che inizia con la compilazione e il caricamento della propria domanda sulla piattaforma del GSE (Gestore Servizi Energetici).

Questo organismo si occuperà di valutare le istanze e, una volta accettata la domanda, il beneficiario dovrà sottoscrivere una convenzione con il GSE che regolamenta, tra l’altro, lo scambio sul posto dell’energia elettrica prodotta, l’autoconsumo e la cessione dei crediti energetici maturati.

Le domande devono essere presentate esclusivamente online attraverso il sito dedicato, e si attendono aggiornamenti sul processo di candidatura entro marzo 2024.

Conclusione

Il reddito energetico 2024 rappresenta una grande opportunità nell’ambito delle politiche energetiche e sociali, offrendo alle famiglie a basso reddito non solo la possibilità di ridurre significativamente i costi delle bollette, ma anche di contribuire attivamente alla transizione verso un’economia più verde e sostenibile. Con un approccio mirato e inclusivo, questo programma si prefigge di superare le barriere economiche che limitano l’accesso alle energie rinnovabili, promuovendo al contempo l’equità sociale e l’indipendenza energetica.

Richiedi informazioni per Detrazioni Fiscali, Energia Eolica, Energie Rinnovabili, Fondi Pubblici, Fotovoltaico, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Impianto fotovoltaico: di quanti KWp ho bisogno? I migliori consigli per capire le tue esigenze energeticheImpianto fotovoltaico: di quanti KWp ho bisogno? I migliori consigli per capire le tue esigenze energetiche

Impianto fotovoltaico: di quanti KWp ho bisogno? I migliori consigli per capire le tue esigenze energetiche

20/05/2024 09:47 - Installare un impianto fotovoltaico richiede la giusta dimensione per massimizzare l'efficienza energetica. Scopri come determinare i kilowatt picco (KWp) necessari per soddisfare le tue esigenze energetiche e ottimizzare i risparmi.
TAGS: autoconsumo, energia rinnovabile, famiglie a basso reddito, gse, incentivi fotovoltaici, isee, pannelli solari, Reddito energetico, Reddito Energetico 2024, sostenibilità energetica, transizione verde

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!