Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Energie Rinnovabili » Biomasse » Installazione stufa a pellet: è manutenzione straordinaria, incentivi

Installazione stufa a pellet: è manutenzione straordinaria, incentivi

Installazione stufa a pellet: è manutenzione straordinaria, incentiviInstallazione stufa a pellet: è manutenzione straordinaria, incentivi
Ultimo Aggiornamento:

L’intervento di installazione di una stufa a pellet rientra nella categoria della manutenzione straordinaria e può beneficiare della detrazione al 50% concessa dal Bonus Ristrutturazione, considerando anche il conseguimento di risparmi energetici.

Non si tratta inoltre dell’unico incentivo in ambito edile che ammette questa tipologia di intervento.

Approfondiamo di seguito.

Leggi anche: “Incentivi impianti a biomassa: dal 13 giugno nuovi requisiti da soddisfare

Installazione stufa a pellet: manutenzione e risparmio, detrazione 50%

L’installazione di una stufa a pellet, come ribadito dalla Circolare n. 17/E del 26 giugno 2023, è un intervento che rientra nella manutenzione straordinaria.

La manutenzione straordinaria ricomprende infatti una lunga serie di lavori, tra cui:

  1. Quelli finalizzati all’impiego di fonti rinnovabili di energia, come:
    • L’installazione di una stufa a pellet o di impianti dotati di generatori di calore alimentati da altre biomasse combustibili;
    • L’installazione o l’integrazione di un impianto di climatizzazione invernale e estiva a pompa di calore.
  1. La sostituzione della caldaia, in quanto lavoro finalizzato a sostituire una componente essenziale dell’impianto di riscaldamento.

La manutenzione straordinaria rientra tra le categorie di interventi che possono essere agevolate con il Bonus Ristrutturazione, detrazione IRPEF al 50% delle spese dedicata ai lavori sulle abitazioni.

Tra i lavori che si possono conseguire usufruendo del beneficio c’è, quindi, anche la possibilità di installare una stufa a pellet in manutenzione straordinaria, sulle parti comuni degli edifici o sulle singole unità immobiliari.

L’intervento tra l’altro può essere agevolato anche in base ad un’ulteriore categoria di interventi ammessi al Bonus Ristrutturazione, ovvero quella che incentiva il risparmio energetico con riguardo all’installazione di impianti alimentati da fonti rinnovabili di energia (approfondisci qui).

La stufa a pellet, infatti, come l’impianto fotovoltaico, sono sistemi che contribuiscono a produrre energia pulita e, pertanto, garantiscono all’immobile migliori prestazioni energetiche.

Leggi anche: “Ecobonus impianti a biomassa: tipologie, requisiti, spese, interventi ammessi

Ecobonus e Superbonus per installazione stufa a pellet: come funziona?

Per i motivi detti, l’installazione della stufa a pellet può usufruire di diversi altri incentivi in ambito edile, come l’Ecobonus o il Superbonus.

Se per le spese sostenute si usufruisce del Bonus Ristrutturazione o del Superbonus, tra l’altro, il soggetto beneficiario avrà poi diritto anche all’ulteriore detrazione al 50% concessa dal Bonus Mobili per l’acquisto di arredi ed elettrodomestici che siano destinati all’abitazione che è stata oggetto di lavori edilizi.

Non è possibile beneficiare del Bonus Mobili, invece, se per le spese di installazione della stufa a pellet si beneficia dell’Ecobonus.

Nello specifico, usufruendo dell’Ecobonus sarà possibile detrarre da IRES o da IRPEF in misura pari al 50% delle spese sostenute per l’acquisto e la posa in opera di tutte le tipologie di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili.

Possono essere incluse tra le spese detraibili con l’Ecobonus anche quelle legate a:

  • Smontaggio e dismissione dell’impianto di climatizzazione invernale esistente, parziale o totale;
  • Fornitura e posa in opera delle le apparecchiature termiche, meccaniche, elettriche ed elettroniche;
  • Opere idrauliche e murarie necessarie per la sostituzione degli impianti preesistenti con impianti alimentati da biomasse combustibili;
  • Gli eventuali interventi sulla rete di distribuzione, sui sistemi di trattamento dell’acqua, sui dispositivi di controllo e regolazione, nonché sui sistemi di emissione;
  • Prestazioni professionali eventualmente necessarie;
  • Ulteriori opere edilizie che risultino necessarie alla realizzazione dell’intervento.

Per l’installazione della stufa a pellet, come già detto, si può inoltre beneficiare del Superbonus. Per approfondire, leggi: “Superbonus e sostituzione impianti: quali tipologie sono valide

Richiedi informazioni per Biomasse, Detrazioni Fiscali, Energie Rinnovabili, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Ecobonus impianti a biomassa: tipologie, requisiti, spese, interventi ammessiEcobonus impianti a biomassa: tipologie, requisiti, spese, interventi ammessi

Ecobonus impianti a biomassa: tipologie, requisiti, spese, interventi ammessi

17/07/2023 09:54 - L’intervento di acquisto e posa in opera degli impianti a biomassa è dunque previsto dall’Ecobonus nella misura del 50% per le spese che si conseguono fino al 31 dicembre 2024.
TAGS: Bonus Ristrutturazione, Manutenzione straordinaria, pellet, stufa a pellet

Autore: Redazione Online

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!