Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Economia e Finanza » Ristrutturazione casa obbligatoria: la battaglia all’Europarlamento sulla classe energetica

Ristrutturazione casa obbligatoria: la battaglia all’Europarlamento sulla classe energetica

Ristrutturazione casa obbligatoria: la battaglia all’Europarlamento sulla classe energeticaRistrutturazione casa obbligatoria: la battaglia all’Europarlamento sulla classe energetica
Ultimo Aggiornamento:

Il governo italiano si oppone alla nuova direttiva dell’Unione Europea per le case green, che prevede l’obbligo di raggiungere la classe energetica E per tutti gli immobili residenziali dei 27 Paesi membri entro il 2030 e la classe D entro il 2033.

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Matteo Salvini, ha criticato questa decisione, sostenendo che rappresenta una nuova scelta contro l’Italia e che rischia di diventare un peso per le tasche degli italiani.

Infatti, molti edifici residenziali italiani, costruiti prima dell’entrata in vigore della normativa sul risparmio energetico, non sarebbero in grado di soddisfare i requisiti delle nuove regole.

Il 9 Febbraio, il testo arriverà in commissione per l’industria, la ricerca e l’energia (ITRE) insieme a un gran numero di emendamenti, presentati principalmente dal blocco di centro-destra all’Europarlamento, che include partiti come il Partito Popolare Europeo, ECR (Conservatori e Riformisti Europei) e Identità e Democrazia, tra i cui banchi siedono anche i tre partiti della maggioranza di governo italiana (FdI, Lega e Forza Italia), nettamente contrari alla proposta di direttiva.

La direttiva lascia una certa discrezionalità a livello nazionale per raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione, con gli Stati che devono elaborare un proprio piano per il rinnovamento del parco immobiliare, ma è perentorio sulle scadenze entro cui gli edifici residenziali devono essere rinnovati in chiave green.

Leggi anche: Attestato di qualificazione energetica: Cos’è, quando va fatto, quanto costa

Le strutture esenti

La nuova direttiva Ue per le case green prevede che non tutti gli immobili debbano essere ristrutturati per raggiungere la classe energetica E.

Leggi anche: Casa: la direttiva green dell’Unione Europea per gli immobili

Secondo quanto previsto dalla bozza della direttiva, alcune categorie di edifici saranno esentate dagli obblighi, tra cui: edifici di culto, edifici storici ufficialmente sottoposti a vincoli, case abitate al massimo quattro mesi all’anno e abitazioni indipendenti che non superano i 50 metri quadrati.

Le critiche della maggioranza

Le critiche da parte delle forze di maggioranza riguardano principalmente la mancanza di flessibilità e la tempistica imposta agli Stati dalla direttiva per le case green.

Nicola Procaccini, eurodeputato e responsabile nazionale Energia e Ambiente di FdI, spiega che mentre gli obiettivi finali perseguiti dalla direttiva sono condivisi, la mancanza di flessibilità e la tempistica imposta rende difficile per gli Stati adeguarsi.

Per questo, FdI si impegnerà a costruire un fronte trasversale per cercare di riportare la direttiva su una strada di maggiore gradualità e sostenere un percorso di efficientamento energetico e riduzione dei consumi attraverso incentivi e percorsi di maggiore gradualità, invece di imporre sanzioni e paletti.

A marzo, se tutto va secondo i piani, il documento dovrebbe essere presentato in plenaria allo Strasburgo, dove potrebbe essere ulteriormente emendato.

Prima di poter essere adottato definitivamente, la direttiva dovrà passare attraverso un processo di negoziazione chiamato “trilogo”, in cui rappresentanti del Parlamento, della Commissione e del Consiglio europeo cercheranno di trovare un compromesso. La questione è ancora in corso e la contesa potrebbe protrarsi per un po’ di tempo.

Richiedi informazioni per Economia e Finanza, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Bonus acqua potabile: attenzione alla comunicazione, scade oggiBonus acqua potabile: attenzione alla comunicazione, scade oggi

Bonus acqua potabile: attenzione alla comunicazione, scade oggi

28/02/2024 14:49 - La scadenza del 28 febbraio 2024 rappresenta l'ultimo giorno utile per i contribuenti italiani per comunicare all'Agenzia delle Entrate le spese sostenute nel 2023 per il miglioramento della qualità dell'acqua potabile.
Addio anticipi salati: tasse a rate per 5 milioni di partite IVAAddio anticipi salati: tasse a rate per 5 milioni di partite IVA

Addio anticipi salati: tasse a rate per 5 milioni di partite IVA

20/02/2024 08:11 - Le riforme fiscali introdotte offrono una maggiore flessibilità nel pagamento [..]
TAGS: Ristrutturazione casa, unione europea

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!