Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Economia e Finanza » Il CDM approva la riforma del fisco: Irpef a 3 aliquote e flat tax, ecco le novità

Il CDM approva la riforma del fisco: Irpef a 3 aliquote e flat tax, ecco le novità

Il CDM approva la riforma del fisco: Irpef a 3 aliquote e flat tax, ecco le novitàIl CDM approva la riforma del fisco: Irpef a 3 aliquote e flat tax, ecco le novità
Ultimo Aggiornamento:

La delega fiscale approvata dal Consiglio dei Ministri riscrive completamente l’attuale sistema tributario varato negli anni ’70.

Le nuove regole, operative entro 24 mesi dall’entrata in vigore della legge delega, vanno nella direzione di semplificare e ridurre la pressione fiscale, favorire investimenti e assunzioni e instaurare un rapporto tra contribuenti e amministrazione finanziaria nella logica di un dialogo mirato tra le parti secondo le esigenze di cittadini e imprese.

Così il Ministero dell’Economia e delle Finanze in una nota.

L’evasione fiscale diventa preventiva e non più repressiva

Con l’istituzione del concordato preventivo biennale e il rafforzamento dell’adempimento collaborativo, si riscrivono le regole della lotta all’evasione fiscale che diventa preventiva e non più repressiva.

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha dichiarato che con la nuova riforma fiscale si punta a semplificare e ridurre la pressione fiscale, favorire gli investimenti e le assunzioni e a instaurare un rapporto tra i contribuenti e l’amministrazione finanziaria basato su un dialogo mirato.

Aliquote Irpef scendono a 3

La riforma dell’Irpef si basa sulla riduzione della pressione fiscale, passando da 4 a 3 aliquote, con l’obiettivo della flat tax per tutti. Inoltre, viene garantita la razionalizzazione e semplificazione dell’intero sistema Irpef (Redditi agrari, fabbricati, finanziari, da lavoro dipendente, autonomo, d’impresa e diversi).

La delega prevede anche la revisione delle tax expenditures (oggi più di 600 voci) e l’equiparazione della no tax area per lavoratori dipendenti (8.174 euro) e pensionati (8.500 euro).

Riduzione dell’aliquota Ires per chi investe o assume

Per quanto riguarda le imprese, la nuova riforma fiscale prevede una riduzione dell’attuale aliquota Ires per chi investe o assume. Ci sarà anche una graduale eliminazione dell’Irap.

Con l’istituzione del concordato preventivo biennale e il rafforzamento dell’adempimento collaborativo, si riscrivono le regole della lotta all’evasione fiscale che diventa preventiva e non più repressiva, sottolinea il Ministero dell’Economia e delle Finanze.

No tax area e semplificazione delle regole

La riforma fiscale prevede l’equiparazione della no tax area per lavoratori dipendenti (8.174 euro) e pensionati (8.500 euro). Inoltre, con la semplificazione delle regole e la riduzione della pressione fiscale, si mira a creare un ambiente favorevole agli investimenti e alle assunzioni.

Nuova organizzazione del Mef

Il Ministro Giancarlo Giorgetti ha presentato la nuova organizzazione del Ministero dell’Economia e delle Finanze. In particolare, il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri approvato prevede un nuovo dipartimento (“dipartimento dell’economia”) a cui sono attribuite competenze in materie di interventi finanziari nell’economia (tra gli altri nei settori delle infrastrutture, sostegno all’export, garanzie pubbliche, sostegno sociale e all’expo), valorizzazione del patrimonio pubblico e gestione delle partecipazioni societarie dello Stato e tutela degli attivi strategici.

Al Tesoro sono attribuite le competenze sulla programmazione economico-finanziaria, la gestione del debito pubblico, i rapporti finanziari europei e internazionali, la regolamentazione e vigilanza finanziaria. Si aggiunge la direzione per i rapporti con gli investitori e le istituzioni finanziarie. Entrambi i dipartimenti (Economia e Tesoro) si avvarranno del consiglio tecnico-scientifico degli esperti.

Inoltre, al dipartimento della Ragioneria è stato istituito l’ispettorato generale del Pnrr che, in continuità con il precedente servizio, svolgerà attività di coordinamento nelle fasi di gestione, monitoraggio e rendicontazione del Pnrr.

La riorganizzazione del Mef passa ora al vaglio del Consiglio di Stato e solo successivamente può diventare operativa. “È un passaggio importante – ha dichiarato Giorgetti – che va nella direzione della razionalizzazione del sistema coerente con i nuovi tempi dell’economia e in linea con il nuovo approccio europeo“.

Richiedi informazioni per Economia e Finanza, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Crediti bloccati: il conto sale a 135 miliardi di euroCrediti bloccati: il conto sale a 135 miliardi di euro

Crediti bloccati: il conto sale a 135 miliardi di euro

18/11/2023 11:45 - In Italia, il fenomeno dei crediti bloccati emerge come una delle questioni più intricate e significative nel panorama economico e fiscale.
Tributi sospesi: attenzione alla scadenza dei pagamentiTributi sospesi: attenzione alla scadenza dei pagamenti

Tributi sospesi: attenzione alla scadenza dei pagamenti

18/11/2023 09:40 - Scadenza imminente per il pagamento dei tributi che erano stati sospesi a seguito [..]
IRPEF 2024: le nuove aliquote e l'impatto sul redditoIRPEF 2024: le nuove aliquote e l'impatto sul reddito

IRPEF 2024: le nuove aliquote e l'impatto sul reddito

17/11/2023 10:16 - Il 2024 segna un'epoca di trasformazione per il sistema fiscale italiano, con [..]
TAGS: CDM, fisco, flat tax, irpef

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!