Fondo di garanzia PMI: come funziona, moduli, domande

fondo di garanzia

Il Fondo di Garanzia per le PMI è stato istituito per la prima volta con la Legge n. 662 del 23 dicembre 1996, e risulta operativo dal 2000. Nasce con l’obiettivo di concedere garanzie pubbliche alle Micro, Piccole e Medie Imprese, per permettere loro di ottenere finanziamenti senza costi di fidejussioni o polizze.

Il Fondo non si occupa di concedere direttamente il contributo in denaro alle imprese, ma offre loro garanzie concrete che facilitano di gran lunga il rilascio di finanziamenti e prestiti.

Ad oggi, con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del Decreto Liquidità, diventano operative le misure di sostegno per le imprese per l’emergenza Covid-19. Vediamo quindi le novità sul Fondo di Garanzia, i moduli da inviare e le relative richieste.

Fondo di Garanzia PMI: come funziona

Il Decreto Liquidità diventa quindi ufficiale. Il Governo ha stabilito varie possibilità di finanziamento in favore delle imprese danneggiate per la chiusura dovuta al Coronavirus.

Il Fondo di Garanzia è stato quindi potenziato e ampliato. E anche le procedure di richiesta risultano essere molto più semplici e veloci.

A partire dal 23 aprile, le imprese e i professionisti possono inviare domanda agli intermediari finanziari e alle banche per ottenere:

  1. Per importi fino a 5 milioni di euro:
  • Garanzia diretta al 90%;
  • Controgaranzia al 100% per riassicurazione su garanzie concesse dai confidi. In questo caso le garanzie concesse in precedenza non dovranno essere state maggiori del 90%, e non dovranno comprendere la remunerazione per rischio di credito;
  • È possibile raggiungere tale somma anche compiendo più richieste di ammontare inferiore.
  1. Per importi fino a 800 mila euro:
  • Garanzia al 100% (90% garanzia diretta, 10% copertura confidi).
  1. Per importi fino a 25 mila euro:
  • Garanzia al 100%;
  • Rivolto solo alle PMI fino a 499 dipendenti;
  • Non c’è valutazione del merito di credito, e il Fondo accetta quindi la garanzia in automatico. Sempre che il richiedente, ovviamente, ne abbia diritto e non superi i limiti previsti.

Domande, moduli, procedimento

Ricordiamo che le imprese non dovranno fare richiesta direttamente al Fondo di Garanzia, ma alle banche e agli intermediari finanziari. Questi, poi, trasmetteranno le domande al Fondo.

È possibile scaricare i moduli da inviare nella Sezione Modulistica sul sito ufficiale dei Fondi di Garanzia.

Di questi, i moduli di interesse per i prestiti fino a 800 mila euro e 5 milioni di euro sono:

  • Allegato 4 – Garanzia diretta;
  • Allegato 4 – Riassicurazione.

Per quanto riguarda invece il prestito fino a 25 mila euro, si dovrà scaricare e inviare l’Allegato 4-bis.

Dopo aver inviato il modulo di preferenza alla banca o intermediario di interesse, sarà necessario un altro passaggio.

Si dovrà scaricare e compilare il modulo “Richiesta di garanzia ai sensi della Punto 3.2 del Quadro temporaneo”. Questo ha validità di documentazione integrativa, e dovrà essere caricato sul portale del Fondo di Garanzia.

Una volta svolte tutte le procedure, sempre sul sito si potrà monitorare lo stato della domanda in corso. Potrete farlo cliccando sulla seguente pagina.