Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Economia e Finanza » Bonus Condizionatore con il Superbonus 110%: i requisiti e i limiti di spesa

Bonus Condizionatore con il Superbonus 110%: i requisiti e i limiti di spesa

Bonus Condizionatore con il Superbonus 110%: i requisiti e i limiti di spesaBonus Condizionatore con il Superbonus 110%: i requisiti e i limiti di spesa
Ultimo Aggiornamento:
Advertisement - Pubblicità

Bonus condizionatori con il Superbonus 110%: di cosa si tratta

Il bonus condizionatori con il Superbonus 110% è un’agevolazione fiscale destinata a chi compra un elettrodomestico del genere, un incentivo previsto nell’ambito del Decreto Rilancio.

Un bonus sotto forma di detrazione utile per aumentare l’efficientamento energetico delle case e valido per i costi sostenuti dal 1° luglio 2020 al 30 giungo 2022.

Per i lavori svolti sulle parti comuni di un edificio composto da 2 o 4 unità abitative di un unico proprietario i cui lavori, alla data del 30 giugno 2022, hanno interessato già il 60% degli interventi complessivi, il superbonus del 110% è fruibile anche per i costi sostenuti entro la fine di dicembre 2022.

La detrazione fiscale viene riconosciuta nella misura del 110%, da dividere tra i beneficiari in cinque quote annue di pari importo per i costi sostenuti entro la fine di dicembre 2021, e in quattro quote annue per i costi sostenuti nel 2022.

Per fruire del Superbonus 110% per l’acquisto e l’installazione di un condizionatore nuovo è necessario però soddisfare precisi requisiti e dei limiti di spesa. Altrimenti, in alternativa a tale misura, gli italiani interessati a sostituire vecchi condizionatori o a installarne dei nuovi hanno l’opportunità di avvalersi dell’agevolazione già stabilita con l’Ecobonus ordinario.

Vediamo allora di seguito quali sono i requisiti, i limiti di spesa da rispettare e come fare la domanda per l’accesso al Superbonus 110%.

Advertisement - Pubblicità

Bonus condizionatori con il Superbonus 110%: requisiti necessari per l’accesso all’agevolazione

Si tratta di una forma di bonus che dà diritto a una detrazione fiscale del 110% solamente se l’acquisto e l’installazione sono effettuati all’interno di opere di efficientamento energetico qualificate come lavori trainanti. Dunque il presupposto è che l’impianto nuovo si occupi anche del riscaldamento e non solamente del raffrescamento degli ambienti.

Stiamo parlando di impianti di nuova generazione e realizzati con il chiaro scopo di puntare dritto ai risparmi energetici. In parole ancora più chiare e semplici, la misura è fruibile al 110% anche solamente per sostituire gli impianti, sempre però a condizione che gli interventi siano fatti contemporaneamente ad almeno uno dei lavori trainanti di seguito indicati:

  • lavori di isolamento termico delle superfici orizzontali e verticali inerenti agli involucri degli edifici per minimo un quarto della superficie stessa, con una soglia massima di 60.000 euro moltiplicata per ciascuna unità abitativa;
  • lavori per sostituire le caldaie con impianti centralizzati per una soglia limite di 30.000 euro moltiplicata per ciascuna unità abitativa;
  • lavori da svolgere per unità unifamiliari, a seguito delle sostituzioni di caldaie con impianti centralizzati per costi fino a 30.000 euro, comprensivi della bonifica e lo smaltimento delle caldaie sostituite.

L’accesso alla misura è vincolato al miglioramento di almeno 2 classi energetiche degli edifici coinvolti negli interventi oppure ai lavori che garantiscono il conseguimento della classe energetica più alta, da certificare attraverso l’Attestato di Prestazione Energetica (APE).

l miglioramento delle 2 classi energetiche è ottenibile anche con la realizzazione, sempre contemporaneamente a un intervento trainante, dei lavori che sono stati previsti con la misura dell’Ecobonus: impianti fotovoltaici, sostituzione infissi, etc.

Advertisement - Pubblicità

Bonus condizionatori con il Superbonus 110%: limiti di spesa previsti dalla misura

La detrazione del 110% per l’acquisto o la sostituzione dei condizionatori con impianti di ultima generazione è vincolata anche dei precisi limiti di spesa. Per i lavori da compiere sulle parti comuni di un edificio i limiti di spesa sono i seguenti:

  • euro 20mila, da moltiplicare per ciascuna unità abitativa degli edifici in cui sono presenti fino a 8 unità abitative;
  • euro 15mila, da moltiplicare per ogni unità immobiliare degli edifici in cui sono presenti più di 8 unità abitative. In questo caso la detrazione viene riconosciuta pure per i costi riconducibili alla bonifica e allo smaltimento degli impianti sostituiti.

Inoltre, per i lavori da fare su un edificio unifamiliare, il limite previsto è pari a 30mila euro.

Advertisement - Pubblicità

Bonus condizionatori con il Superbonus 110%: come fare domanda

Una volta conosciuti i requisiti e i limiti di spesa, passiamo ora a vedere come fare domanda.

Per fruire dell’agevolazione del 110% relativa al bonus condizionatori, all’atto della dichiarazione dei redditi, è necessario presentare i documenti attestanti la sostituzione o l’acquisto di un impianto nuovo e di ultima generazione.

Le relative spese sono quindi da riportare nel Modello di Dichiarazione dei Redditi e consentono l’ottenimento della detrazione di cui si ha diritto.

A tal fine, i documenti da presentare al momento di fare la dichiarazione dei redditi sono:

  • l’attestazione rilasciata da un tecnico qualificato, cioè l’asseverazione di un tecnico specializzato per certificare che gli interventi realizzati siano conformi ai requisiti previsti e la congruità dei costi sostenuti relativamente ai lavori agevolati.
  • Un’asseverazione prodotta dal tecnico incaricato alla fine degli interventi e utile per certificare i requisiti tecnici in base alla progettualità e all’attuazione effettiva;
  • l’APE (Attestazione di Prestazione Energetica);
  • la scheda dove sono riportati nel dettaglio i lavori effettuati;
  • le ricevute dei pagamenti effettuati.

Per eventuali ulteriori approfondimenti sulla materia è opportuno consultare le FAQ all’indirizzo: https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/FAQ.

Una sezione specifica della Agenzia delle Entrate dedicata al Superbonus 110%, con una lunga serie di interessanti domande e risposte utili a fare chiarezza su alcuni punti chiave della questione. Qui troverete le spiegazioni anche sui casi particolari, sugli immobili sottoposti ai vincoli dettati dal codice dei beni culturali e del paesaggio (decreto legislativo 42/2004) e su tanto altro ancora.



Richiedi informazioni per Bonus, Bonus Condizionatori, Casa, Detrazioni Fiscali, Economia e Finanza

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Bonus Mobili: ultima chiamata per l'agevolazione prima del 2025Bonus Mobili: ultima chiamata per l'agevolazione prima del 2025

Bonus Mobili: ultima chiamata per l'agevolazione prima del 2025

05/07/2024 15:27 - La Legge di Bilancio 2025 potrebbe eliminare il bonus mobili, un'agevolazione fiscale fondamentale per arredi ed elettrodomestici, ridotta negli anni e ora in bilico.
Al via oggi le domande per il Reddito Energetico NazionaleAl via oggi le domande per il Reddito Energetico Nazionale

Al via oggi le domande per il Reddito Energetico Nazionale

05/07/2024 07:09 - Il Reddito Energetico Nazionale sostiene famiglie a basso reddito [..]
Bonus colonnine domestiche 2024: ecco come accedereBonus colonnine domestiche 2024: ecco come accedere

Bonus colonnine domestiche 2024: ecco come accedere

27/06/2024 10:57 - Il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, tramite il decreto direttoriale del [..]
TAGS: agevolazione fiscale, bonus condizionatori, condizionamento, condizionatore, condizionatori, Decreto Rilancio, ecobonus, ecobonus 110, efficientamento energetico, riscaldamento, Superbonus, Superbonus 110%

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!