Bonus Casa Under 36: proroga al 31 dicembre, quali novità

Bonus Casa Under 36: proroga al 31 dicembre, quali novità Bonus Casa Under 36: proroga al 31 dicembre, quali novità
Ultimo Aggiornamento:

Tra le agevolazioni fiscali rinnovate con la Legge di Bilancio 2022 c’è anche il Bonus prima casa under 36. L’incentivo non è altro che un Bonus Prima Casa “potenziato” che viene concesso ai giovani sotto i 36 anni con un ISEE non superiore ai 40.000 euro annui.

Dunque, se il Bonus Prima Casa tradizionale concede di pagare in misura ridotta l’imposta di registro (per gli acquisti esenti da IVA) o l’IVA (se si acquista da soggetti passivi IVA), il Bonus Prima Casa under 36 ammette invece l’esenzione completa da tutte le imposte legate all’acquisto di un immobile da adibire a Prima Casa.

Per chi acquista da una ditta o un soggetto tenuti al pagamento dell’IVA, tale imposta dovrà inizialmente essere pagata, ma sarà possibile poi chiedere il rimborso totale sotto forma di credito d’imposta.

Scopriamo dunque quali sono le novità legate al funzionamento del Bonus Prima Casa under 36.

Leggi anche: “Acquisto Prima Casa senza imposte under 36: tutto quello che devi sapere

Bonus Casa Under 36: come funziona, a chi spetta

Il Bonus prima casa under 36 è uno tra gli incentivi eccezionalmente introdotti nel nostro ordinamento giuridico in tempo di pandemia, esattamente come il Superbonus 110%.

In entrambi i casi infatti si tratta di misure sperimentali con valore temporaneo, ideate al fine di contenere la crisi economica ed incentivare cittadini e imprese a ripartire. Mentre però il Superbonus 110% è stato introdotto dal Decreto Rilancio, il bonus casa under 36 è invece nato con il Decreto Sostegni BIS, che ne ha stabilito la validità a partire dal 26 maggio 2021 fino al 30 giugno 2022.

La Manovra 2022 ne ha disposto la proroga fino al 31 dicembre 2022, per cui sarà ancora possibile per chi non ha ancora compiuto il 36esimo anno di età acquistare un immobile da adibire a Prima Casa pagando effettivamente solo il corrispettivo per il valore di acquisto, senza alcuna imposta aggiuntiva.

Ricordiamo che il requisito dell’età è legato all’anno e non al mese di nascita. Questo significa che chi compie 36 anni nel 2022 (anche se a dicembre), non può più usufruire del beneficio, perché avrebbe potuto farlo solo fino al 31 dicembre 2021.

Non conta infatti quale sia il mese di nascita, si considera esclusivamente l’anno in cui si compiono i 36 anni.

Leggi anche: “Acquisto Casa Under 36: e se l’unità è cointestata con un Over 36?

Advertisement - Pubblicità


Esenzione imposte: non vale nel contratto preliminare

Per quanto riguarda invece l’esenzione completa dalle imposte, anche qui c’è da fare un chiarimento. Il Bonus prima Casa under 36 infatti, in base alla normativa, si può applicare esclusivamente al contratto definitivo di compravendita.

Non può invece applicarsi al contratto preliminare, in cui il soggetto si trova generalmente a dover pagare le tasse per la caparra, gli acconti e anche per la costituzione dello stesso atto.

Dunque anche il cittadino che ha diritto a usufruire del Bonus casa under 36, in sede di contratto preliminare, dovrà inizialmente pagare quanto pattuito.

Dopodiché però, al momento della firma del contratto definitivo (in cui si dovranno indicare le dichiarazioni per l’accesso al beneficio), il soggetto si vedrà riconosciuta la possibilità di usufruire dall’esenzione dalle imposte. A quel punto, avvenuta la firma definitiva, il cittadino potrà richiedere il rimborso delle somme pagate in sede di contratto preliminare.

Per sapere come chiedere il rimborso, leggi: “Bonus Casa Under 36: recupero somme già pagate, come si procede

Bonus Casa under 36 nel 2022: ci sono modifiche?

Il 31 dicembre 2022 è quindi il nuovo termine entro il quale i giovani under 36 possono acquistare una casa senza imposte.

La Legge di Bilancio 2022 non ha disposto alcuna modifica riguardo al funzionamento e all’applicazione del beneficio, per cui le regole sono sempre le stesse.

Il soggetto che intende usufruire dell’esenzione dalle imposte dovrà integrare all’atto di acquisto definitivo le dichiarazioni in cui attesta di aver diritto a beneficiare del bonus casa under 36.

Attenzione, tutti i requisiti e i criteri che devono essere rispettati per accedere al Bonus Prima Casa tradizionale rimangono obbligatori anche per i beneficiari del bonus casa under 36.

Per conoscerli tutti, leggi: “Bonus Prima Casa 2021: la Guida semplice e completa



Autore: Redazione Online

Altri approfondimenti ed Articoli Correlati

Advertisement - Pubblicità