Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Economia e Finanza » Affitto breve vs. affitto lungo: analisi dei rendimenti nelle grandi città Italiane

Affitto breve vs. affitto lungo: analisi dei rendimenti nelle grandi città Italiane

Affitto breve vs. affitto lungo: analisi dei rendimenti nelle grandi città ItalianeAffitto breve vs. affitto lungo: analisi dei rendimenti nelle grandi città Italiane
Ultimo Aggiornamento:

Nel vibrante scenario immobiliare delle metropoli italiane, emerge un trend sorprendente: l’affitto breve, per periodi non superiori ai 30 giorni, sta superando il tradizionale affitto lungo di 4 anni più 4, anche alla luce della cedolare secca al 26% (prevista dal disegno della legge di bilancio).

Questo è quanto emerso dallo studio fatto dal ‘Sole 24 Ore del Lunedì‘. Un’eccezione notevole è rappresentata da Torino, ma la regola sembra avere fondamenta solide nelle altre grandi città.

Roma: il fascino dell’affitto breve

Prendiamo come esempio la città eterna, Roma, dove l’incanto storico si fonde con la dinamica richiesta di alloggi temporanei. Un proprietario di un bilocale dal valore di 350.000 euro può percepire, mediante un contratto di affitto tradizionale 4+4, un canone annuo di 19.800 euro.

Se optasse per la cedolare secca al 21%, questo si tradurrebbe in un reddito netto di 13.976 euro, corrispondente ad un rendimento del 4%.

Leggi anche: Cedolare Secca: come e quando si applica, condizioni obbligatorie

Invece, orientandosi verso l’affitto breve, l’ingresso annuale potrebbe raggiungere i 51.363 euro con una tariffa media giornaliera di 176 euro e un tasso di occupazione dell’80%.

Dopo la deduzione dei costi operativi e delle imposte, incluso il regime della cedolare secca, il reddito netto salirebbe a 26.630 euro, che rappresenta un rendimento del 7,6%. Anche con l’aumento previsto al 26% della cedolare secca nel 2024, per coloro che locano almeno due immobili, il rendimento netto resterebbe comunque attrattivo, posizionandosi al 6,9%.

Milano: il bivio tra affitto breve e lungo

Milano, la capitale economica del paese, offre una diversa prospettiva. Qui il proprietario di un immobile è posto di fronte a una scelta: ricavi annui netti di 15.548 euro da un affitto lungo, o 15.908 euro da un affitto breve, con una tariffa giornaliera di 150 euro e il 66% di tasso di occupazione.

Ciò si traduce in un rendimento netto del 4,3% e 4,4% rispettivamente.

Con l’introduzione della cedolare al 26% su almeno due unità in affitto breve, il rendimento netto scenderebbe al 3,9%, ribaltando la preferenza verso l’affitto tradizionale.

Leggia anche: Cedolare Secca o IRPEF 2023: quale scegliere per la locazione? Guida completa

Napoli: confronto tra le opzioni di locazione

A Napoli, invece, si assiste a un margine più ampio di redditività per l’affitto breve, che va dal 5,5% al 4,8%, in netto contrasto con il 4,2% offerto da un affitto lungo. Questo indica che, nonostante la pressione fiscale crescente, l’affitto breve rimane una scelta vantaggiosa per i proprietari.

Torino: l’anomalia nel panorama immobiliare

L’analisi si complica quando osserviamo Torino, l’unica tra le grandi città analizzate dove l’affitto lungo prevale. Con una cedolare secca al 21%, il contratto 4+4 si conferma la scelta più remunerativa. Questo ci suggerisce che ogni mercato immobiliare urbano ha le sue peculiarità, che devono essere valutate attentamente dai proprietari di immobili.

Dietro a questi dati vi sono dinamiche complesse, che spaziano dalla domanda di alloggi temporanei alla disponibilità di immobili. L’affitto breve offre flessibilità e potenziali guadagni maggiori, ma richiede anche più gestione e attenzione ai dettagli operativi.

Inoltre, le politiche fiscali e le regolamentazioni locali giocano un ruolo cruciale nella scelta tra affitto breve e lungo.

Leggi anche: Crescita della cedolare secca: come la riforma fiscale cambia il panorama degli affitti

Conclusione

In conclusione, la scelta tra affitto breve e affitto lungo non è solo una questione di rendimenti numerici, ma una decisione strategica che deve considerare vari fattori, come le tendenze del mercato, le esigenze personali e la tolleranza al rischio.

La simulazione offerta dal ‘Sole 24 Ore del Lunedì’ ci offre uno spaccato informativo, ma è solo l’inizio di un’analisi ben più approfondita che ogni investitore dovrebbe condurre.

Il futuro del mercato degli affitti nelle grandi città italiane è un tessuto dinamico, in cui le scelte odierne possono determinare la resilienza e la redditività di domani. Navigare con perizia in questo scenario richiede conoscenza, flessibilità e una visione lungimirante, qualità imprescindibili per il successo nell’investimento immobiliare.

Richiedi informazioni per Economia e Finanza, Notizie, Tasse e Imposte

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

IMU e TARI 2023: conguagli entro 29 febbraio e novità, ecco per chiIMU e TARI 2023: conguagli entro 29 febbraio e novità, ecco per chi

IMU e TARI 2023: conguagli entro 29 febbraio e novità, ecco per chi

14/02/2024 13:05 - Il Dipartimento Finanze del MEF annuncia le novità riguardanti la trasmissione degli atti e delibere IMU e TARI relative al 2023, in seguito a quanto previsto per il nuovo anno 2024.
Irpef 2024: ecco cosa devi sapere sulle nuove aliquoteIrpef 2024: ecco cosa devi sapere sulle nuove aliquote

Irpef 2024: ecco cosa devi sapere sulle nuove aliquote

11/02/2024 12:22 - La riforma fiscale del 2024 in Italia introduce tre aliquote Irpef, aumenta le [..]
TARI 2024: variabili in base agli impianti di smaltimento esistentiTARI 2024: variabili in base agli impianti di smaltimento esistenti

TARI 2024: variabili in base agli impianti di smaltimento esistenti

09/02/2024 08:55 - Sono state aggiornate [..]
Climatizzatori vs caldaie a gas, chi consuma meno?Climatizzatori vs caldaie a gas, chi consuma meno?

Climatizzatori vs caldaie a gas, chi consuma meno?

25/01/2024 12:36 - Nella scelta tra riscaldamento tramite climatizzatori e caldaie a gas, molti [..]
TAGS: affitti milano, affitti napoli, affitti roma, affitti torino, affitto breve, affitto lungo, cedolare secca

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!