Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Economia e Finanza » Addio anticipi salati: tasse a rate per 5 milioni di partite IVA

Addio anticipi salati: tasse a rate per 5 milioni di partite IVA

Addio anticipi salati: tasse a rate per 5 milioni di partite IVAAddio anticipi salati: tasse a rate per 5 milioni di partite IVA
Ultimo Aggiornamento:

Un recente decreto ha introdotto una novità che potrebbe rivoluzionare il modo in cui le partite IVA gestiscono le loro tasse, offrendo maggior flessibilità e liquidità.

Esploriamo le nuove disposizioni, le motivazioni dietro queste scelte politiche e come potrebbero influenzare il tessuto economico del Paese, con un’attenzione particolare all’impatto su professionisti e imprese.

Nuove misure fiscali per le partite IVA

A partire da quest’anno, una svolta importante attende cinque milioni di partite IVA in Italia, grazie all’introduzione di una misura che consente la dilazione del pagamento delle tasse su base mensile. In un contesto normativo in continua evoluzione, il Decreto Legislativo dell’8 Gennaio ha già ampliato da sei a sette mesi il termine per il saldo e il primo acconto delle imposte relative all’anno precedente.

Ora, il governo mira a consolidare una novità sperimentale: permettere alle partite IVA con un reddito fino a 170 mila euro di rateizzare il pagamento del secondo acconto di novembre, distribuendolo su cinque mesi senza interessi.

Alberto Gusmeroli, figura chiave dietro questa riforma e presidente della commissione Attività produttive di Montecitorio, sottolinea l’assenza di oneri aggiuntivi per lo Stato e promette un futuro in cui il rapporto con il fisco sarà più equo per professionisti e imprese. L’obiettivo è chiaro: semplificare la vita dei contribuenti e assicurare un flusso di entrate costante per le casse statali.

Ampliamento e semplificazione del sistema fiscale

L’espansione della rateizzazione del maxi-acconto di novembre rappresenta solo la punta dell’iceberg di un progetto molto più ampio. Inizialmente rivolto a 3,5 milioni tra autonomi, professionisti, artigiani e commercianti con ricavi fino a 170.000 euro, si prevede di estendere questa facilitazione a oltre cinque milioni di soggetti. L’innovazione sta nel non richiedere più il pagamento di metà delle tasse in anticipo, ma permettere un versamento a consuntivo, basato sul reddito effettivamente guadagnato nell’anno.

Questa misura si inserisce in una visione di ampio respiro che punta a rendere il sistema fiscale più accessibile e giusto per tutti, inclusi dipendenti e pensionati con altri redditi. L’idea è di eliminare ostacoli come la ritenuta d’acconto per un milione di professionisti, rendendo il pagamento delle tasse su base annuale la nuova norma.

Oltre alla rateizzazione, si contempla anche la semplificazione degli adempimenti attraverso l’introduzione di metodi di pagamento innovativi, come l’uso della carta di credito per le tasse. Questo passo, insieme alla possibile dilazione dei contributi previdenziali Inps, segna un importante tentativo di modernizzazione e semplificazione del rapporto tra cittadini e fisco, con l’obiettivo di combattere l’evasione fiscale e promuovere una maggiore compliance.

Conclusione

Le recenti riforme fiscali rappresentano un passo significativo verso un sistema più giusto ed efficiente, con l’obiettivo di ridurre il carico burocratico e finanziario sui contribuenti e stimolare l’attività economica.

Sebbene le sfide siano molteplici, l’impegno del governo nell’implementare queste misure è un segnale positivo per professionisti, imprese e l’economia nel suo complesso. La strada verso un fisco più equo e meno oneroso è tracciata, con la promessa di un futuro in cui la semplicità e l’equità guidano il rapporto tra cittadini e Stato.

Richiedi informazioni per Economia e Finanza, Tasse e Imposte

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Sblocco crediti fiscali Superbonus: l'accordo tra Intesa San Paolo e FVGSblocco crediti fiscali Superbonus: l'accordo tra Intesa San Paolo e FVG

Sblocco crediti fiscali Superbonus: l'accordo tra Intesa San Paolo e FVG

22/03/2024 10:38 - L'accordo tra la Regione Friuli Venezia Giulia e Intesa Sanpaolo Spa segna un passo innovativo nel trattamento dei crediti fiscali del Superbonus, creando una sinergia tra pubblico e privato per sbloccare 75 milioni di euro a favore dell'economia regionale.
Case Green: 270 miliardi di euro per 7,6 milioni di case interessateCase Green: 270 miliardi di euro per 7,6 milioni di case interessate

Case Green: 270 miliardi di euro per 7,6 milioni di case interessate

18/03/2024 09:16 - In Italia, tra 5,5 e [..]
Gli effetti del Superbonus: deficit pubblico al 7,2%Gli effetti del Superbonus: deficit pubblico al 7,2%

Gli effetti del Superbonus: deficit pubblico al 7,2%

04/03/2024 10:19 - L'esplosione dei costi legati al Superbonus ha evidenziato una grave [..]
TAGS: acconto tasse, autonomi tasse Italia, dilazione pagamento imposte, partite IVA tasse, rateizzazione acconto tasse, tasse, tasse a rate

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!