Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Economia e Finanza » Acquisto crediti d’imposta per bonus edilizi: il differenziale positivo non é reddito

Acquisto crediti d’imposta per bonus edilizi: il differenziale positivo non é reddito

Acquisto crediti d’imposta per bonus edilizi: il differenziale positivo non é redditoAcquisto crediti d’imposta per bonus edilizi: il differenziale positivo non é reddito
Ultimo Aggiornamento:

Nel panorama fiscale italiano, una recente interpretazione dell’Agenzia delle Entrate ha generato significativo interesse, in particolare tra i professionisti del settore edilizio e fiscale.

Con la risposta n. 472 del 30 novembre, l’Agenzia ha chiarito un punto fondamentale riguardante l’acquisto di bonus edilizi: il differenziale positivo derivante dall’acquisto di tali crediti non costituisce reddito imponibile.

L’operazione di acquisto dei crediti d’imposta

Questa posizione deriva da una specifica situazione presentata da uno studio di commercialisti, che intende acquisire crediti d’imposta per bonus edilizi a un prezzo inferiore al loro valore nominale.

Questi crediti, originati dal Superbonus previsto dall’articolo 119 del decreto Rilancio per spese sostenute nel 2022, non sono collegati alle prestazioni professionali dello studio. Inoltre, questi crediti sarebbero utilizzati in compensazione in quattro rate annuali.

Leggi anche: Gestione dei crediti edilizi inutilizzabili: dettagli e modalità di comunicazione

L’Agenzia delle Entrate, nel fornire la sua interpretazione, ha preso in considerazione diverse disposizioni normative relative ai bonus edilizi, incluse le norme sulla cessione del credito e lo sconto in fattura. Ha evidenziato che, sebbene il Superbonus rappresenti un’agevolazione fiscale significativa, non prevede un’imposizione fiscale sul differenziale positivo, che corrisponde al 10% delle spese sostenute.

Analizzando la questione da un punto di vista fiscale più ampio, l’Agenzia ha esaminato diverse categorie reddituali, come i redditi di capitale, di lavoro autonomo e i cosiddetti “redditi diversi”.

La conclusione è stata che il differenziale in questione non rientra in nessuna di queste categorie secondo il Tuir (Testo Unico delle Imposte sui Redditi).

Riflessioni finali

La decisione dell’Agenzia offre una chiarezza importante per i professionisti e le associazioni che operano nel settore dell’edilizia e del risparmio energetico. Indica che l’acquisto di crediti d’imposta per bonus edilizi, quando non direttamente collegati all’attività professionale, non comporta un onere fiscale aggiuntivo sotto forma di reddito imponibile.

Questa interpretazione, quindi, apre la strada a un approccio più flessibile e vantaggioso nell’utilizzo dei bonus edilizi, facilitando l’accesso a questi incentivi e contribuendo a promuovere investimenti nel settore dell’efficientamento energetico e della ristrutturazione edilizia.

Tuttavia, è sempre consigliabile consultare un professionista fiscale per assicurarsi di comprendere appieno le implicazioni di tali operazioni nel contesto specifico di ciascun soggetto.

Richiedi informazioni per Economia e Finanza, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

IMU e TARI 2023: conguagli entro 29 febbraio e novità, ecco per chiIMU e TARI 2023: conguagli entro 29 febbraio e novità, ecco per chi

IMU e TARI 2023: conguagli entro 29 febbraio e novità, ecco per chi

14/02/2024 13:05 - Il Dipartimento Finanze del MEF annuncia le novità riguardanti la trasmissione degli atti e delibere IMU e TARI relative al 2023, in seguito a quanto previsto per il nuovo anno 2024.
Irpef 2024: ecco cosa devi sapere sulle nuove aliquoteIrpef 2024: ecco cosa devi sapere sulle nuove aliquote

Irpef 2024: ecco cosa devi sapere sulle nuove aliquote

11/02/2024 12:22 - La riforma fiscale del 2024 in Italia introduce tre aliquote Irpef, aumenta le [..]
TARI 2024: variabili in base agli impianti di smaltimento esistentiTARI 2024: variabili in base agli impianti di smaltimento esistenti

TARI 2024: variabili in base agli impianti di smaltimento esistenti

09/02/2024 08:55 - Sono state aggiornate [..]
Climatizzatori vs caldaie a gas, chi consuma meno?Climatizzatori vs caldaie a gas, chi consuma meno?

Climatizzatori vs caldaie a gas, chi consuma meno?

25/01/2024 12:36 - Nella scelta tra riscaldamento tramite climatizzatori e caldaie a gas, molti [..]
TAGS: acquisto crediti, bonus, Bonus Edilizi, cessione credito, crediti d'imposta, crediti fiscali

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!