Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Dipendenti e Lavoratori » Nuovo Bonus partite IVA: fino a 800 euro, ecco tutto ciò che devi sapere

Nuovo Bonus partite IVA: fino a 800 euro, ecco tutto ciò che devi sapere

Nuovo Bonus partite IVA: fino a 800 euro, ecco tutto ciò che devi sapereNuovo Bonus partite IVA: fino a 800 euro, ecco tutto ciò che devi sapere
Ultimo Aggiornamento:

In un contesto economico in continua evoluzione, è essenziale rimanere aggiornati sulle misure di sostegno disponibili per i professionisti e i piccoli imprenditori.

Una di queste misure, introdotta inizialmente durante la pandemia con il nome di “Iscro” (Indennità straordinaria di continuità reddituale e operativa), è stata recentemente riformulata e inserita nella Legge di Bilancio 2024 come un bonus strutturale per i possessori di partita IVA.

Leggi anche: Bonus partita IVA (Bonus ISCRO): come funziona? quali sono i requisiti? come richiederlo?

I requisiti per accedere al Bonus partite IVA

L’indennità Iscro è riconosciuta a tutti i lavoratori autonomi iscritti alla Gestione Separata INPS, a patto che non siano già titolari di un trattamento pensionistico diretto e non siano assicurati presso altre forme previdenziali obbligatorie alla data di presentazione della domanda.

È inoltre indispensabile essere in regola con i contributi obbligatori.

I criteri di accesso all’Iscro sono destinati a subire importanti modifiche. Per esempio, mentre attualmente non si deve essere beneficiari del Reddito di Cittadinanza per accedere all’indennità, dal prossimo anno, si introdurrà l’esclusione per coloro che percepiscono l’assegno di inclusione.

Leggi anche: Assegno di inclusione: cos’è, a chi spetta, come funziona

Inoltre, per poter beneficiare dell’Iscro, sarà necessario avere subito una diminuzione del reddito di lavoro autonomo del 70% rispetto ai due anni precedenti, inasprendo così i criteri rispetto al passato.

Ricapitolando quindi per poter accedere a questo sostegno finanziario, i lavoratori autonomi devono soddisfare alcuni criteri specifici:

  • Non devono essere titolari di trattamento pensionistico diretto.
  • Non devono essere assicurati presso altre forme previdenziali obbligatorie alla data di presentazione della domanda.
  • Devono essere in regola con la contribuzione previdenziale obbligatoria.
  • Devono essere titolari di partita IVA attiva da almeno quattro anni, alla data di presentazione della domanda.

Il bonus viene erogato dall’Istituto di Previdenza per un periodo massimo di sei mesi.

Sotto il profilo delle soglie di reddito, l’Iscro si sta evolvendo per ampliare la sua portata. Dal 2024, il reddito annuo non dovrà superare i 12.000 euro, rispetto agli attuali 8.145 euro. Ciò permetterà a un maggior numero di lavoratori autonomi di beneficiare di questa misura di sostegno.

Nonostante queste modifiche, rimane invariata l’entità dell’indennità, che oscilla tra un minimo di 254,75 euro e un massimo di 815,20 euro al mese. Questa somma viene calcolata come il 25% del reddito annuo da lavoro autonomo, sulla base delle ultime dichiarazioni fiscali.

I richiedenti devono ora dimostrare di aver subito una perdita del proprio fatturato di almeno il 70% rispetto ai due anni precedenti, a differenza della soglia precedente del 50%. Questo cambiamento mira a fornire un aiuto più mirato a coloro che hanno subito perdite significative.

Come presentare la domanda

Per richiedere l’Iscro, i lavoratori autonomi dovranno presentare la domanda all’INPS, fornendo tutte le informazioni necessarie e dimostrando di soddisfare i criteri richiesti. L’INPS, dopo aver ricevuto le informazioni dall’Agenzia delle Entrate riguardo l’ultimo reddito di lavoro autonomo, procederà con il calcolo e l’erogazione dell’indennità.

Questa misura di sostegno è particolarmente significativa per i lavoratori autonomi, i quali spesso non hanno accesso alle stesse forme di assistenza riservate ai dipendenti. Il bonus offre un supporto concreto, consentendo di mitigare gli effetti di un calo di reddito e di continuare le attività professionali con maggiore sicurezza.

Conclusioni

L’introduzione del bonus strutturale per partite IVA nella Legge di Bilancio 2024 rappresenta un passo importante nel riconoscere e sostenere il ruolo vitale dei professionisti e piccoli imprenditori nell’economia.

È fondamentale che i lavoratori autonomi si informino adeguatamente e approfittino di questa opportunità per stabilizzare la propria situazione finanziaria e continuare a contribuire al tessuto economico del paese.

Richiedi informazioni per Dipendenti e Lavoratori, Economia e Finanza, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Cercasi 10mila lavoratori: assunzioni in crescita a settembreCercasi 10mila lavoratori: assunzioni in crescita a settembre

Cercasi 10mila lavoratori: assunzioni in crescita a settembre

06/09/2023 13:22 - In settembre 2023, le statistiche mostrano che sono ricercati 10.770 lavoratori dalle imprese in Friuli Venezia Giulia, un numero che rimane stabile rispetto all'anno precedente.
Opzione donna 2023: a chi spetta e come chiederlaOpzione donna 2023: a chi spetta e come chiederla

Opzione donna 2023: a chi spetta e come chiederla

28/08/2023 10:53 - L’Opzione Donna 2023 è una valida soluzione per le donne che vogliono accedere [..]
TAGS: 800 euro, bonus 800 euro, bonus partite iva, Indennità Straordinaria di Continuità Reddituale e Operativa, ISCRO

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!