Edilizia.com
Edilizia.com
blank
Home » Detrazioni Fiscali » Proroga Superbonus: salve le villette ma resta il nodo dei crediti

Proroga Superbonus: salve le villette ma resta il nodo dei crediti

Proroga Superbonus: salve le villette ma resta il nodo dei creditiProroga Superbonus: salve le villette ma resta il nodo dei crediti
Ultimo Aggiornamento:

Tre mesi in più alle villette per finire di pagare i lavori con l’agevolazione piena; sconto e cessione garantiti per Iacp, Onlus, barriere architettoniche e sisma; una soluzione per risolvere il nodo dei lavori relativi a caldaie e infissi.

Questi sono alcuni dei principali cambiamenti che si preannunciano con il decreto sulla cessione dei crediti del Superbonus. Il testo è attualmente in discussione alla Camera dei Deputati, in commissione Finanze, dove si voteranno gli emendamenti proposti. Sull’argomento si è già trovata una convergenza di intenti e si stanno definendo le soluzioni per i problemi che ancora rimangono irrisolti.

Il decreto superbonus è un’iniziativa che ha l’obiettivo di incentivare la ristrutturazione e la riqualificazione degli edifici. Il decreto prevede un’agevolazione fiscale del 110% per le spese sostenute nel 2022 e la cessione del credito d’imposta a terzi, in modo da consentire ai contribuenti di recuperare subito i soldi spesi.

Il superbonus è quindi un’opportunità importante per gli italiani, ma la complessità delle norme ha generato molte difficoltà e incertezze.

La proroga di tre mesi

Uno dei problemi principali è stato la scadenza del 31 marzo 2022 per la conclusione dei lavori. Per evitare che molte famiglie si trovassero in difficoltà, il decreto superbonus prevede una proroga di tre mesi per le villette che entro il 30 settembre scorso avevano effettuato almeno il 30% dei lavori.

Grazie a questa estensione, si potrà concludere la spesa entro il 30 giugno 2022 e beneficiare dell’agevolazione del 110%.

Sconto e cessione garantiti per Iacp, Onlus, barriere architettoniche e sisma

Il decreto superbonus prevedeva inizialmente uno stop alle cessioni e allo sconto in fattura dal 16 febbraio 2022. Questa disposizione avrebbe penalizzato le Onlus, le case popolari (Iacp), gli interventi con il sismabonus e i lavori per le barriere architettoniche.

Leggi anche: Superbonus: decreto in Gazzetta, parte stop cessione crediti

Tuttavia, grazie a un emendamento al decreto, queste categorie di interventi sono state salvate e potranno usufruire dell’agevolazione del 110% anche in futuro. In questo modo, si rafforza l’impegno del Governo per sostenere le attività di utilità sociale e per migliorare l’accessibilità degli edifici pubblici.

Lavori relativi a caldaie e infissi

Un altro problema era rappresentato dal fatto che i lavori relativi a caldaie, infissi o fotovoltaico non richiedono alcun titolo abilitativo. Per risolvere questa difficoltà, il decreto superbonus prevede che per attestare la data di inizio dei lavori basterà il versamento di un acconto con bonifico parlante o due autocertificazioni (una del venditore e una dell’acquirente) relativamente all’esistenza di un contratto.

In questo modo, si semplifica la procedura e si evitano ulteriori complicazioni per i cittadini che vogliono effettuare questi tipi di lavori.

Il nodo dei crediti incagliati

Tuttavia, resta ancora irrisolto il problema dei crediti incagliati. Secondo alcune ipotesi, si potrebbero utilizzare gli F24 in compensazione per risolvere questa difficoltà. Tuttavia, la Ragioneria dello Stato si oppone fortemente a questa soluzione, mentre il Ministro dell’economia Giancarlo Giorgetti ha manifestato la propria cautela, evidenziando che molte banche e assicurazioni sono ben lontane dall’aver già esaurito i propri spazi.

Leggi anche: Ance: rischio recessione con blocco Superbonus. Per i crediti incagliati la soluzione è F24

Il decreto superbonus rappresenta un’opportunità importante per il nostro Paese, ma è necessario fare in modo che le norme siano chiare e comprensibili per tutti. In questo senso, le modifiche che si stanno introducendo nel decreto sono un passo avanti importante. Tuttavia, è necessario continuare a lavorare per semplificare le procedure e per garantire la massima efficienza del sistema.

In questo senso, si sta lavorando anche per sbloccare il nodo del termine del 31 marzo per comunicare all’Agenzia delle Entrate le opzioni di cessione o sconto in fattura relative alle spese edilizie del 2022. Si sta infatti studiando la possibilità di riformulare un emendamento del relatore per consentire di comunicare l’opzione anche prima della conclusione dell’accordo di cessione.

Leggi anche: Cessione del credito e sconto in fattura: L’Agenzia chiarisce sulle opzioni

In questo modo, si potrebbe rendere la modifica operativa da subito, senza dover attendere ulteriori disposizioni.

Infine, si interverrebbe anche sulle regole della remissione in bonis, consentendo il completamento della procedura oltre il termine con il versamento di 250 euro all’Agenzia delle Entrate. Questa modifica consentirebbe di semplificare ulteriormente le procedure e di evitare che i cittadini si trovino in difficoltà a causa di scadenze troppo strette.

In sintesi, il decreto superbonus rappresenta una grande opportunità per il nostro Paese, ma è necessario fare in modo che le norme siano chiare e comprensibili per tutti. Le modifiche che si stanno introducendo nel decreto sono un passo importante verso questo obiettivo, ma è necessario continuare a lavorare per semplificare le procedure e per garantire la massima efficienza del sistema. Solo in questo modo si potrà garantire che il superbonus diventi un’opportunità concreta per tutti i cittadini italiani.

Richiedi informazioni per Bonus, Casa, Detrazioni Fiscali, Economia e Finanza, Notizie, Superbonus 110

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Agevolazione Prima Casa under 36: i chiarimenti dell'agenzia delle entrate sulla prorogaAgevolazione Prima Casa under 36: i chiarimenti dell'agenzia delle entrate sulla proroga

Agevolazione Prima Casa under 36: i chiarimenti dell'agenzia delle entrate sulla proroga

20/06/2024 11:21 - Le nuove direttive per le agevolazioni prima casa under 36 includono flessibilità sulla certificazione ISEE e procedure chiare per il credito d’imposta, garantendo benefici fiscali ottimali.
TAGS: cessione credito, proroga superbonus, Superbonus, Superbonus 110%

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!