Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Bonus » Superbonus » Superbonus: arrivano i controlli sui lavori finanziati con il PNRR

Superbonus: arrivano i controlli sui lavori finanziati con il PNRR

Superbonus: arrivano i controlli sui lavori finanziati con il PNRRSuperbonus: arrivano i controlli sui lavori finanziati con il PNRR
Ultimo Aggiornamento:

Il Governo italiano, in un’ottica di trasparenza e di controllo sull’efficiente utilizzo delle risorse finanziarie destinate alla transizione ecologica, ha deciso di compiere un passo significativo: mettere online i documenti relativi ai lavori che hanno beneficiato del superbonus per l’efficientamento energetico.

Questa decisione, ancorata nel Decreto PNRR 4 approvato il 26 febbraio, prevede la pubblicazione, entro 90 giorni dall’entrata in vigore del decreto, dell’elenco delle asseverazioni rendicontate riguardanti gli interventi di efficientamento energetico finanziati tramite il PNRR, in particolare quelli relativi alla Missione 2 Componente 3.

Il PNRR, ricordiamo, ha stanziato 13,95 miliardi di euro per l’efficientamento energetico e sismico degli edifici, con l’ambizioso obiettivo di riqualificare almeno 32 milioni di metri quadri e garantire la sicurezza sismica di almeno 3,8 milioni di metri quadri entro il 2025.

A questi fondi si sono aggiunti ulteriori miliardi provenienti dal Fondo Complementare e dal Decreto Rilancio, portando l’investimento totale ben oltre i 100 miliardi di euro, unicamente per l’efficientamento energetico.

La pubblicazione dell’elenco delle asseverazioni ha un duplice scopo: da un lato, assicurare la trasparenza e permettere un controllo pubblico sull’utilizzo dei fondi, dall’altro, conformarsi agli obblighi di cooperazione e tutela degli interessi finanziari dell’Unione Europea, come sancito dai regolamenti UE relativi al bilancio generale dell’Unione e al dispositivo per la ripresa e la resilienza.

I controlli sull’uso dei fondi: un meccanismo complesso ma necessario

Il Superbonus, con il suo ingente finanziamento, rappresenta una grande opportunità per l’Italia non solo in termini di miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici ma anche per quanto riguarda la sicurezza sismica. Tuttavia, l’enorme flusso di denaro richiede un’attenta vigilanza per prevenire abusi e frodi.

In questo contesto, il Decreto PNRR 4 evidenzia l’importanza dei controlli, sia formali che nei cantieri, da parte degli organismi europei e delle istituzioni italiane.

Leggi anche: Superbonus 70% 2024: la guida completa

A livello europeo, il controllo sull’uso delle risorse è affidato a istituzioni come la European Court of Auditors, lo European Public Prosecutor’s Office e lo European Anti-Fraud Office (OLAF). Questi organismi, insieme ai controlli già previsti a livello nazionale dalla Ragioneria generale dello Stato, la Guardia di Finanza, l’Agenzia delle Entrate, il Ministero dell’ambiente e della sicurezza energetica e l’ENEA, garantiscono una rete di sicurezza contro l’uso improprio dei fondi.

In particolare, l’ENEA ha il compito di effettuare controlli in sito, in collaborazione con gli altri organismi di controllo, seguendo una tempistica e delle priorità che rispettano le direttive del PNRR. Questo sistema di verifica mira a garantire che ogni euro investito contribuisca effettivamente alla riqualificazione energetica e sismica degli edifici, nel rispetto degli obiettivi di sostenibilità e sicurezza stabiliti dal PNRR.

La specifica menzione, nel Decreto, della “norma super-sismabonus in corso di redazione” sottolinea inoltre la volontà del legislatore di affrontare con la stessa serietà anche la tematica della sicurezza sismica, integrando così l’approccio complessivo alla riqualificazione degli edifici in Italia.

Conclusione: Superbonus, tra opportunità e sfide

Il superbonus per l’efficientamento energetico rappresenta una delle iniziative più ambiziose intraprese dall’Italia nell’ambito della transizione ecologica. Attraverso un’imponente iniezione di risorse, finanziata in larga parte dal PNRR, si mira a trasformare il patrimonio edilizio nazionale, rendendolo più efficiente e sicuro.

La trasparenza e il controllo sull’uso dei fondi diventano quindi aspetti fondamentali per garantire l’efficacia di tale iniziativa.

Richiedi informazioni per Bonus, Leggi e Normative, Notizie, Superbonus

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Superbonus 2024: la detrazione si estende a 10 anniSuperbonus 2024: la detrazione si estende a 10 anni

Superbonus 2024: la detrazione si estende a 10 anni

13/05/2024 15:43 - A partire dal 2024, il Superbonus sarà detraibile in 10 anni invece di 4, senza opzioni di scelta per il regime precedente. Ma quali sono esattamente le conseguenze di questa estensione?
TAGS: controllo fondi, efficientamento energetico, investimenti pubblici, PNRR, riqualificazione edilizia, sicurezza sismica, sostenibilità, Superbonus, trasparenza governativa, verifiche europee

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!