Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Bonus » Superbonus 110 » Il Superbonus sostenibile: la visione dei commercialisti italiani

Il Superbonus sostenibile: la visione dei commercialisti italiani

Il Superbonus sostenibile: la visione dei commercialisti italianiIl Superbonus sostenibile: la visione dei commercialisti italiani
Ultimo Aggiornamento:

In seguito agli Stati generali dei commercialisti italiani tenutisi a Roma, la riforma fiscale del governo Meloni è stata accolta positivamente dai professionisti del settore, che guardano con fiducia al futuro e alle prossime riforme, come quella dell’IRPEF.

Inoltre, i commercialisti propongono l’introduzione di un superbonus sostenibile e un piano di efficienza energetica per gli alloggi popolari, sostenuto dalle risorse del PNRR e del piano RepowerUE.

Leggi anche: Cos’è Piano REPower EU? l’Unione Europea verso l’era green

Secondo Elbano De Nuccio, presidente del Consiglio nazionale dei commercialisti, una reale semplificazione del sistema fiscale non dipende solo dal numero delle aliquote IRPEF, ma soprattutto dalla semplificazione delle regole della base imponibile e dallo sfoltimento normativo.

Questo approccio permetterebbe di garantire una parità di tassazione a parità di reddito e una maggiore trasparenza per i contribuenti.

Superbonus sostenibile: riqualificazione energetica e alloggi popolari

Una delle proposte emerse durante gli Stati generali riguarda l’implementazione di un superbonus sostenibile per gli anni 2024 e 2025, rivolto esclusivamente agli interventi di riqualificazione energetica degli edifici meno efficienti dal punto di vista energetico. Questo piano si concentrerebbe su grandi condomini, immobili destinati all’edilizia residenziale pubblica e ai nuclei familiari meno abbienti, prevedendo opzioni per la cessione del credito o lo sconto in fattura.

Leggi anche: Cessione del credito e sconto in fattura: L’Agenzia chiarisce sulle opzioni

Come sottolineato dal ministro dell’Ambiente Pichetto Fratin, l’Italia conta almeno 10 milioni di fabbricati che necessitano di migliorare la loro classe energetica, un obiettivo che richiede l’intervento dello Stato e un’azione coordinata con il sistema fiscale. La reintroduzione del superbonus avrebbe un impatto significativo sull’economia, supportando il comparto edile e garantendo un vero piano di efficienza energetica per le periferie.

Questo intervento potrebbe essere finanziato con le risorse comunitarie per la transizione ecologica, previa l’implementazione di misure antiabuso come il visto di conformità apposto dai commercialisti.

De Nuccio concorda sul fatto che una parte delle risorse del PNRR e del piano RepowerUE potrebbe essere destinata alle imprese, attraverso meccanismi di detrazione fiscale o di riconoscimento di crediti di imposta connessi all’installazione di sistemi di autoproduzione di energia da fonti rinnovabili, in particolare solare fotovoltaica.

Considerando le recenti tensioni sui prezzi dell’energia, è necessario incentivare gli investimenti in questo settore, tenendo conto che l’attuale quadro normativo favorisce tali interventi solo per i privati cittadini e gli edifici a destinazione residenziale, mentre la maggior parte dei consumi proviene da utilizzi industriali.

Un quadro chiaro per il futuro dei commercialisti italiani e della riforma fiscale

Dagli Stati generali dei commercialisti italiani emerge un quadro chiaro e positivo riguardo alla riforma fiscale del governo Meloni e alle prossime iniziative in materia di tassazione e sviluppo sostenibile. La collaborazione tra i commercialisti e l’esecutivo può garantire un sistema fiscale più equo, semplificato e in linea con le esigenze delle imprese e dei cittadini.

Le proposte avanzate, come il superbonus sostenibile e l’investimento in energia rinnovabile, possono contribuire a migliorare la qualità della vita in Italia e a rendere il Paese più sostenibile dal punto di vista ambientale.

Richiedi informazioni per Bonus, Economia e Finanza, Notizie, Superbonus 110

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Superbonus 110%: proroga necessaria per salvaguardare il settore edileSuperbonus 110%: proroga necessaria per salvaguardare il settore edile

Superbonus 110%: proroga necessaria per salvaguardare il settore edile

16/11/2023 15:13 - L'attuale dibattito parlamentare sulla possibile proroga del Superbonus 110%, introdotto dal Decreto Rilancio e in scadenza il 31 dicembre 2023, è di vitale importanza per il settore delle costruzioni e per l'economia italiana nel suo complesso.
Superbonus: documenti obbligatori a seconda degli interventiSuperbonus: documenti obbligatori a seconda degli interventi

Superbonus: documenti obbligatori a seconda degli interventi

10/11/2023 09:15 - In relazione all’usufrutto del Superbonus, abbiamo visto di recente tutti i [..]
Superbonus condomini: verso una proroga al 30 giugno 2024?Superbonus condomini: verso una proroga al 30 giugno 2024?

Superbonus condomini: verso una proroga al 30 giugno 2024?

09/11/2023 09:20 - Movimento 5 Stelle e Forza Italia propongono emendamenti per estendere il [..]
TAGS: Governo Meloni, meloni, Superbonus, superbonus sostenibile

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!