Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Bonus » Superbonus 110 » Decreto salva Superbonus 110%: cessione del credito e sconto in fattura nel 2024

Decreto salva Superbonus 110%: cessione del credito e sconto in fattura nel 2024

Decreto salva Superbonus 110%: cessione del credito e sconto in fattura nel 2024Decreto salva Superbonus 110%: cessione del credito e sconto in fattura nel 2024
Ultimo Aggiornamento:

Il recente decreto “Agevolazioni fiscali in edilizia”, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 48 del 27 febbraio 2024, rappresenta un importante passo avanti nel panorama normativo italiano riguardante il settore edilizio.

Con la legge di conversione n. 17 del 22 febbraio 2024, il decreto-legge 29 dicembre 2023, n. 212 entra ufficialmente in vigore, portando con sé una serie di misure atte a incentivare e sostenere gli interventi di ristrutturazione, demolizione e ricostruzione, nonché l’eliminazione delle barriere architettoniche.

Queste modifiche normative non solo offrono un supporto concreto a chi opera nel settore delle costruzioni ma si propongono anche di facilitare l’accesso ai benefici fiscali per i cittadini economicamente più deboli, garantendo al contempo una maggiore tutela in caso di eventi sismici.

Salvaguardia del Superbonus 110%

Il decreto introduce una misura di salvaguardia cruciale per i beneficiari del Superbonus 110%, in particolare per coloro che non hanno completato gli interventi entro i termini previsti.

In virtù dell’articolo 1, comma 1, del decreto-legge n. 212/2023, si prevede che le detrazioni già esercitate per gli interventi di ristrutturazione energetica e sismica non saranno oggetto di recupero, anche in caso di mancata ultimazione dei lavori entro il 31 dicembre 2023.

Leggi anche: Decreto Superbonus è legge: ecco come funziona nel 2024

Questa disposizione rappresenta una significativa protezione per i contribuenti, garantendo che la mancata conclusione degli interventi non comporti la perdita dei benefici fiscali precedentemente fruiti.

Inoltre, viene eliminata la riduzione al 70% dell’aliquota di detrazione per le spese sostenute dal 1° gennaio 2024, mantenendo così inalterato il livello di incentivo per gli interventi sui condomini e sulle singole unità immobiliari, evidenziando un chiaro impegno verso la continuità degli incentivi in ambito edilizio.

Supporto ai cittadini economicamente deboli e riduzione delle deroghe

Il decreto si distingue anche per l’introduzione di un contributo diretto, previsto dall’articolo 1, comma 2, rivolto ai contribuenti con un reddito di riferimento non superiore a 15 mila euro. Questo contributo, erogato dall’Agenzia delle entrate secondo criteri e modalità definiti dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, mira a limitare l’entità della riduzione del beneficio fiscale per le spese sostenute dal 1° gennaio al 31 ottobre 2024.

L’obiettivo è garantire che anche i contribuenti in condizioni di maggior fragilità economica possano accedere ai vantaggi previsti dal decreto, in particolare per gli interventi che hanno raggiunto uno stato di avanzamento dei lavori non inferiore al 60% al 31 dicembre 2023.

Parallelamente, l’articolo 2 del decreto interviene sulle deroghe al divieto di cessione del credito e allo sconto in fattura, con particolare attenzione agli interventi di demolizione e ricostruzione degli edifici.

Leggia anche: Demo-ricostruzione: tutti gli incentivi e i bonus casa che ammettono l’intervento

Viene esteso il divieto di fruizione indiretta dell’agevolazione attraverso la cessione del credito o lo sconto in fattura anche a questi interventi (demolizione e ricostruzione degli edifici nelle zone sismiche 1-2-3), a meno che non siano stati richiesti i relativi titoli abilitativi prima del 30 dicembre 2023.

Cambio sulla detrazione per l’eliminazione delle Barriere Architettoniche

Con l’articolo 3 del decreto, si registra una significativa rivisitazione della disciplina relativa alla detrazione fiscale per l’eliminazione delle barriere architettoniche. Tale rivisitazione ha lo scopo di rendere più efficace e mirato l’intervento normativo, limitando l’ambito di applicazione dell’agevolazione a interventi specifici come l’installazione di ascensori, servoscala, rampe e piattaforme elevatrici.

Leggi anche: Ristrutturazione scale o ascensori: quali incentivi possibili?

Viene inoltre ribadita l’importanza della documentazione delle spese attraverso il meccanismo del bonifico parlante, assicurando che i pagamenti siano tracciabili e conformi ai requisiti previsti dalla normativa.

Questo articolo introduce altresì un criterio di esclusione per gli interventi non direttamente legati all’eliminazione fisica delle barriere architettoniche, come quelli relativi all’automazione degli impianti, che non beneficeranno più dell’agevolazione fiscale. In aggiunta, viene modificato il contesto di applicazione della cessione del credito e dello sconto in fattura, limitando tali possibilità agli interventi su edifici unifamiliari o unità abitative in edifici plurifamiliari, a condizione che il contribuente abbia un reddito di riferimento non superiore a 15 mila euro.

Questa sezione del decreto si configura come uno strumento fondamentale per promuovere l’accessibilità e l’inclusività negli spazi abitativi, garantendo al contempo che le risorse siano indirizzate in modo efficiente verso gli interventi che generano il maggiore impatto sociale.

Conclusioni

Il decreto “Agevolazioni fiscali in edilizia” segna un punto di svolta nel panorama delle politiche abitative e di sostegno al settore edilizio in Italia.

Attraverso la revisione delle normative relative al Superbonus 110%, l’introduzione di misure di supporto per i cittadini economicamente più deboli, la razionalizzazione delle deroghe al divieto di cessione del credito, e la rivisitazione delle agevolazioni per l’eliminazione delle barriere architettoniche, il decreto mira a rendere più equo e accessibile l’accesso ai benefici fiscali nel settore delle costruzioni.

Fonte: Presentazione Ufficiale per il decreto “Agevolazioni fiscali in edilizia”

Richiedi informazioni per Bonus, Detrazioni Fiscali, Leggi e Normative, Notizie, Superbonus 110

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Superbonus: ultime notizie sull'emendamento spalma detrazioniSuperbonus: ultime notizie sull'emendamento spalma detrazioni

Superbonus: ultime notizie sull'emendamento spalma detrazioni

16/05/2024 07:50 - Le recenti modifiche normative relative al Superbonus introducono una spalmatura decennale delle detrazioni e nuove limitazioni all'uso dei crediti fiscali per banche e intermediari.
Superbonus: detrazione in 10 anni, non più in 4 per il 2024Superbonus: detrazione in 10 anni, non più in 4 per il 2024

Superbonus: detrazione in 10 anni, non più in 4 per il 2024

09/05/2024 19:40 - Il governo italiano propone di diluire i crediti del Superbonus su dieci anni per [..]
Superbonus 110%: a marzo raggiunti i 117,2 miliardi di euroSuperbonus 110%: a marzo raggiunti i 117,2 miliardi di euro

Superbonus 110%: a marzo raggiunti i 117,2 miliardi di euro

11/04/2024 10:26 - L'ultimo aggiornamento dell'Enea rivela che l'utilizzo del superbonus 110% a marzo [..]
TAGS: Agevolazioni fiscali in edilizia, cessione del credito, decreto agevolazioni fiscali, decreto-legge 212 del 29 dicembre 2023, detrazioni fiscali edilizia, eliminazione barriere architettoniche, politiche abitative Italia, ristrutturazione edifici, sconto in fattura, sostenibilità edilizia, Superbonus, Superbonus 110%

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!