Edilizia.com
Edilizia.com
blank
Home » Bonus » Bonus Verde » Bonus Verde 2023: Che cos’è, chi può utilizzarlo e limiti di spesa

Bonus Verde 2023: Che cos’è, chi può utilizzarlo e limiti di spesa

Bonus Verde 2023: Che cos’è, chi può utilizzarlo e limiti di spesaBonus Verde 2023: Che cos’è, chi può utilizzarlo e limiti di spesa

L’articolo 1, commi da 12 a 15, della Legge di Bilancio 2018, stabilisce che a partire dall’anno di imposta 2018, è prevista una detrazione fiscale del 36% per le spese documentate sostenute per la “sistemazione a verde” di aree scoperte private di edifici esistenti, che comprendono pertinenze, recinzioni, impianti di irrigazione, pozzi, coperture a verde e giardini pensili.

La detrazione chiamata anche “Bonus Verde” è stata prorogata dalla Legge di Bilancio 2022 fino al 2024.

In questo articolo esamineremo più da vicino le caratteristiche del Bonus Verde, in particolare a cosa può essere destinato, quali sono i limiti di spesa previsti e come richiederlo.

Cos’è il Bonus Verde

Il Bonus Verde prevede una detrazione fiscale pari al 36% delle spese documentate sostenute per la realizzazione di interventi di sistemazione a verde, inclusi pertinenze, recinzioni, impianti di irrigazione, realizzazione di pozzi, coperture a verde e giardini pensili.

Questa detrazione fiscale è riconosciuta ai contribuenti che possiedono o detengono l’immobile su cui sono effettuati gli interventi, nonché ai familiari conviventi con i predetti possessori o detentori.

Inoltre, la detrazione fiscale è anche applicabile per le spese sostenute per gli interventi effettuati sulle parti comuni esterne degli edifici condominiali, come previsto dagli articoli 1117 e 1117-bis del Codice Civile. In questo caso, la detrazione fiscale spetta a ciascun condomino, limitatamente alla quota a lui imputabile, a condizione che la stessa sia stata effettivamente versata al condominio entro i termini per la presentazione della dichiarazione dei redditi.

Le opere che rientrano nella detrazione fiscale sono quelle relative alla sistemazione a verde ex novo o al radicale rinnovamento dell’esistente, purché rientrino in un intervento complessivo che comprenda anche le opere necessarie alla sua realizzazione.

La detrazione fiscale non è riconosciuta per le spese sostenute per la manutenzione ordinaria periodica dei giardini preesistenti o per i lavori in economia. Tuttavia, il contribuente può rivolgersi a fornitori diversi per l’acquisto delle piante e per la realizzazione dell’intervento, sempre che l’intervento di riqualificazione dell’area verde sia complessivo e comprenda anche le prestazioni necessarie alla sua realizzazione.

Inoltre, la realizzazione di fioriere e l’allestimento a verde di balconi e terrazzi sono agevolabili solo se permanenti e se riferiti a un intervento innovativo di sistemazione a verde degli immobili residenziali. Le spese ammesse alla detrazione fiscale includono anche quelle di progettazione e manutenzione connesse all’esecuzione degli interventi.

I limiti di spesa

La detrazione fiscale per la “sistemazione a verde” è calcolata su un importo massimo di 5.000 euro per ogni unità immobiliare residenziale oggetto di intervento. Nel caso in cui il contribuente esegua interventi su più unità immobiliari, avrà diritto alla detrazione fiscale più volte.

In caso di interventi effettuati sulle parti comuni di edifici condominiali, la detrazione fiscale è calcolata su un ammontare massimo di spesa di 5.000 euro per ciascuna unità immobiliare. Pertanto, ad esempio, il proprietario di una unità immobiliare che effettua interventi sia sulla propria unità che sulle parti condominiali, avrà diritto a calcolare la detrazione fiscale su un importo di 5.000 euro per le spese effettuate sul proprio immobile e su un importo di 5.000 euro per la parte di competenza delle spese condominiali.

La detrazione fiscale è ripartita tra gli aventi diritto e può essere fruita in dieci quote annuali di pari importo. Tuttavia, se gli interventi di “sistemazione a verde” e di realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili sono effettuati su unità immobiliari residenziali adibite promiscuamente all’esercizio dell’arte, della professione o dell’attività commerciale, la detrazione fiscale spettante è ridotta al 50%.

Inoltre, la detrazione fiscale per la “sistemazione a verde” è cumulabile con le agevolazioni previste sugli immobili sottoposti a vincolo da parte del Codice dei beni culturali e del paesaggio (D.Lgs. n. 42/2004), ridotte però del 50%.

In caso di vendita dell’unità immobiliare sulla quale sono stati effettuati gli interventi, la detrazione fiscale non utilizzata può essere trasferita all’acquirente persona fisica, salvo diverso accordo delle parti.

In caso di decesso dell’avente diritto, la fruizione della detrazione fiscale si trasmette, per intero, esclusivamente all’erede che conservi la detenzione materiale e diretta del bene.

Leggi anche: Bonus Verde: vale anche per il balcone?

Come richiedere il bonus verde 2023

La richiesta del Bonus Verde deve essere presentata dall’ente o dal privato che ha sostenuto la spesa per la realizzazione dell’intervento. Per poter richiedere il Bonus Verde è necessario avere a disposizione tutta la documentazione relativa alla spesa sostenuta, comprensiva di fatture, ricevute e bonifici bancari.

Nel presentare la richiesta di contributo, è importante specificare il tipo di intervento effettuato e la tipologia di spesa sostenuta, nonché allegare tutta la documentazione relativa alla spesa. Inoltre, è importante tenere presente che la richiesta di contributo deve essere presentata entro il 31 dicembre dell’anno successivo a quello in cui è stata sostenuta la spesa per la realizzazione dell’intervento.

Documentazione e modalità di pagamento

Per poter usufruire del Bonus Verde è necessario che i pagamenti relativi agli interventi di “sistemazione a verde” siano effettuati con strumenti che consentano la tracciabilità delle operazioni, quali ad esempio assegni bancari, postali o circolari non trasferibili, carte di credito, bancomat o bonifici bancari o postali.

Inoltre, sul documento di spesa dovrà essere indicato il codice fiscale del soggetto che fruisce della detrazione e la descrizione dell’intervento dovrà consentire di ricondurre la spesa a quelle agevolabili.

Per poter usufruire del Bonus Verde, è necessario conservare la seguente documentazione:

  • Fatture o ricevute fiscali che comprovino il sostenimento della spesa e la sua riconducibilità agli interventi agevolabili;
  • Documentazione che attesti il pagamento con strumenti idonei a consentire la tracciabilità delle operazioni;
  • Autocertificazione che attesti che l’ammontare delle spese sulle quali è calcolata la detrazione non superi il limite massimo ammissibile;
  • Dichiarazione dell’Amministratore condominiale che attesti di aver adempiuto a tutti gli obblighi previsti dalla legge e che certifichi l’entità della somma corrisposta dal condomino e la misura della detrazione. In assenza di Amministratore, sarà necessario visionare tutta la documentazione inerente la spesa sostenuta;
  • Autocertificazione che attesti la natura dei lavori effettuati e i dati catastali delle unità immobiliari facenti parte del condominio, in mancanza del codice fiscale del condominio minimo.

Conclusione

In conclusione, il Bonus Verde rappresenta un’importante opportunità per incentivare la rigenerazione urbana e la riqualificazione ambientale. Grazie a questo strumento è possibile realizzare interventi finalizzati alla creazione o alla riqualificazione di aree verdi pubbliche e private e alla messa in sicurezza di versanti, scarpate e pareti di sostegno, con la possibilità di ottenere un contributo a fondo perduto per la spesa sostenuta.

Tuttavia, è importante tenere presente i limiti di spesa previsti e le modalità di richiesta del Bonus Verde, al fine di evitare eventuali errori nella presentazione della richiesta di contributo. In ogni caso, il Bonus Verde rappresenta un’opportunità concreta per promuovere la sostenibilità ambientale e migliorare la qualità della vita nelle aree urbane e non solo.

Richiedi informazioni per Bonus, Bonus Verde, Detrazioni Fiscali, Guide, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Prodotti suggeriti

Palizzate in pietra naturalePalizzate in pietra naturale

Palizzate in pietra naturale

Elementi verticali di delimitazione degli spazi: lastre di grande dimensione o materiali di forme diverse per recintare e abbellire i vostri giardini.
Erba sintetica softErba sintetica soft

Erba sintetica soft

L'erba sintetica è composta da tre tipi di materiali: il polipropilene, il polietilene e il poliammide, più [..]
StyleStyle

Style

Recinzione in acciaio zincato a caldo
Gabbioni per dissesto idrogeologicoGabbioni per dissesto idrogeologico

Gabbioni per dissesto idrogeologico

Facilmente posizionabili e costituiti da strutture monolitiche permeabili
Cancello a battenteCancello a battente

Cancello a battente

I cancelli ad un'anta possono essere muniti di serratura manuale o elettrica. Su richiesta vengono costruiti e [..]
Vedi tutti i Prodotti in Arredo Urbano e Giardinaggio

Articoli Correlati

Bonus Verde per rinnovare balconi e terrazzi: quali lavori ammessi?Bonus Verde per rinnovare balconi e terrazzi: quali lavori ammessi?

Bonus Verde per rinnovare balconi e terrazzi: quali lavori ammessi?

21/02/2024 09:20 - Il Bonus Verde concede una detrazione in misura pari al 36% delle spese sostenute per gli interventi di “sistemazione a verde” delle aree appartenenti a immobili già esistenti.
Tetti verdi e giardini pensili: detrazione 36% col Bonus VerdeTetti verdi e giardini pensili: detrazione 36% col Bonus Verde

Tetti verdi e giardini pensili: detrazione 36% col Bonus Verde

25/01/2024 08:13 - La realizzazione di tetti verdi e giardini pensili è una soluzione sempre più [..]
Bonus Verde 2024: a chi spetta? la guida completa al bonusBonus Verde 2024: a chi spetta? la guida completa al bonus

Bonus Verde 2024: a chi spetta? la guida completa al bonus

22/01/2024 12:08 - Il Bonus Verde 2024 è l'incentivo che lo Stato mette a disposizione di chi [..]
Bonus Verde in condominio: possibile ottenere la detrazione doppiaBonus Verde in condominio: possibile ottenere la detrazione doppia

Bonus Verde in condominio: possibile ottenere la detrazione doppia

27/12/2023 08:22 - Il Bonus Verde è senza [..]
Bonus Verde 36% per condomìni e unità: i documenti obbligatoriBonus Verde 36% per condomìni e unità: i documenti obbligatori

Bonus Verde 36% per condomìni e unità: i documenti obbligatori

09/11/2023 11:18 - Il Bonus Verde concede una detrazione IRPEF nella misura del 36% per i lavori volti [..]
TAGS: bonus giardino, bonus verde, bonus verde 2023, giardino, sistemazione verde

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!