Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Abuso edilizio » Abusi edilizi parziali: cosa significa? Quali sanzioni?

Abusi edilizi parziali: cosa significa? Quali sanzioni?

Abusi edilizi parziali: cosa significa? Quali sanzioni?Abusi edilizi parziali: cosa significa? Quali sanzioni?
Ultimo Aggiornamento:

La normativa in ambito edile comprende diverse tipologie di abusi edilizi che, chiaramente, comportano l’applicazione di differenti sanzioni amministrative e penali ai danni di chi le commette.

Gli abusi edilizi maggiormente gravosi sono i casi di lottizzazione abusiva, nonché i lavori di nuova costruzione o di ristrutturazione edilizia realizzati in totale assenza del Permesso di Costruire o della Super SCIA, che possono portare anche all’arresto del soggetto fino a 2 anni (approfondisci qui).

Ci sono poi gli abusi per i quali, nonostante sia stato ottenuto il relativo titolo abilitativo, vengono realizzati in totale difformità dallo stesso, oppure in difformità parziale.

Quest’ultimo caso ricomprende appunto i cosiddetti “abusi edilizi parziali”. Vediamo cosa sono e quali conseguenze comportano.

Leggi anche: “Abuso edilizio: le tipologie di abuso in base alla gravità

Abusi edilizi parziali: cosa sono, quali conseguenze

Gli abusi edilizi parziali sono dunque i lavori che vengono eseguiti in difformità parziale da quanto stabilito nel Permesso di Costruire o nella Super SCIA che hanno autorizzato lo svolgimento degli interventi.

Tali casi sono disciplinati dall’art. 34 del Testo Unico per l’Edilizia, e prevedono necessariamente che almeno parte delle obbligazioni riguardanti la realizzazione dei lavori siano state rispettate.

Se così non fosse, si tratterebbe appunto di abuso edilizio eseguito in totale difformità dal titolo, con l’applicazione di conseguenze ben più gravi. Se invece la costruzione o l’intervento risultassero in parte conformi e in parte difformi, allora si tratterebbe di abusi edilizi parziali.

L’articolo citato prevede, nello specifico, che i lavori e le opere realizzati in parziale difformità debbano essere rimossi o demoliti a spese di chi li ha eseguiti abusivamente, senza però intaccare gli interventi che invece risultano conformi alle disposizioni previste nel Permesso o nella SCIA.

La rimozione o demolizione deve avvenire entro i termini stabiliti dall’ufficio comunale competente, che dovrà emettere un’apposita ordinanza in merito. Se la scadenza stabilita non dovesse essere rispettata, allora sarà l’ufficio in questione a dover gestire la demolizione o rimozione, ma le spese sostenute dovranno comunque essere addebitate al responsabile o ai responsabili dell’abuso.

Leggi anche: “Demolizione abuso edilizio: l’interessato dev’essere avvisato prima dell’esecuzione?

Demolizione abusi parziali impossibile? Si applicano le sanzioni

Per i casi in cui la demolizione o la rimozione dei manufatti abusivi dovesse comportare danni anche alle opere realizzate in conformità, allora l’ufficio competente non dovrà emettere alcuna ordinanza e le opere abusive non dovranno essere demolite.

Il TUE stabilisce però che il dirigente o responsabile dell’ufficio comunale dovrà applicare, ai danni del soggetto che ha commesso l’abuso parziale, una sanzione corrispondente:

  • Al doppio del costo di produzione, tenendo conto solo delle opere realizzate in difformità e non di quelle conformi, per gli immobili ad uso abitativo;
  • Al doppio del valore venale, secondo quanto stabilito dall’agenzia del territorio competente.

Il costo di produzione a cui si deve far riferimento per le unità ad uso residenziale è definito dalla Legge n. 392 del 27 luglio 1978.

Qui si prevede che: “Il costo unitario di produzione è pari al costo base moltiplicato per i coefficienti correttivi […].

I coefficienti correttivi del costo base in questione sono definiti dall’art. 15 della stessa Legge, e si determinano a seconda delle caratteristiche che seguono:

  • Tipologia dell’immobile;
  • Classe demografica dei comuni;
  • Ubicazione dell’immobile nel territorio comunale;
  • Livello di piano dell’unità immobiliare;
  • Vetustà, ovvero condizione di degrado nel tempo;
  • Stato di conservazione e manutenzione dell’immobile.

Leggi anche: “Abuso edilizio: rischi e sanzioni

Richiedi informazioni per Abuso edilizio, Leggi e Normative, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Abuso edilizio: tutte le sanzioni penali previste dal TUEAbuso edilizio: tutte le sanzioni penali previste dal TUE

Abuso edilizio: tutte le sanzioni penali previste dal TUE

08/02/2024 09:13 - Il mancato rispetto di quanto disposto dalle norme tecniche per l’edilizia costituisce un abuso edilizio e comporta il rischio di incorrere in sanzioni penali, tra cui l’arresto.
Abuso edilizio: la responsabilità del progettistaAbuso edilizio: la responsabilità del progettista

Abuso edilizio: la responsabilità del progettista

01/02/2024 10:14 - Sono considerati abusi edilizi tutte le opere che vengono realizzate senza permessi [..]
Cosa succede se si compra una casa con abuso edilizio?Cosa succede se si compra una casa con abuso edilizio?

Cosa succede se si compra una casa con abuso edilizio?

30/01/2024 10:54 - Quando si decide di acquistare una casa, soprattutto se si procede privatamente [..]
Terzo condono edilizio: la Cassazione sui due limiti volumetriciTerzo condono edilizio: la Cassazione sui due limiti volumetrici

Terzo condono edilizio: la Cassazione sui due limiti volumetrici

23/01/2024 14:37 - In questo articolo analizzeremo nel dettaglio la nuova sentenza della Corte di [..]
Terzo condono edilizio: l'ultima occasione per regolarizzare?Terzo condono edilizio: l'ultima occasione per regolarizzare?

Terzo condono edilizio: l'ultima occasione per regolarizzare?

16/01/2024 12:10 - Il Terzo condono edilizio fa parte di un gruppo composto da tre provvedimenti [..]
TAGS: abusi edilizi, abuso edilizio

Autore: Redazione Online

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!