Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Leggi e Normative » Opere ante ’67: abusive se in assenza di prove concrete

Opere ante ’67: abusive se in assenza di prove concrete

Opere ante ’67: abusive se in assenza di prove concreteOpere ante ’67: abusive se in assenza di prove concrete
Ultimo Aggiornamento:

Quando un immobile viene dichiarato abusivo, è responsabilità del proprietario dimostrare che esso sia stato costruito prima del 1967, periodo in cui non era ancora obbligatorio ottenere un titolo edilizio. Questa responsabilità legale comporta la necessità di presentare prove concrete e affidabili per evitare sanzioni severe, come l’ordinanza di demolizione.

Ma quali sono le prove accettabili? Quali sono le conseguenze legali per chi non riesce a soddisfare questo onere probatorio?

Scopriamo insieme le risposte a queste domande cruciali, esplorando anche l’orientamento giurisprudenziale attuale e le normative in vigore.

Advertisement - Pubblicità

L’onere della prova

Il soggetto interessato, ossia il proprietario dell’immobile, ha la responsabilità di dimostrare l’epoca di costruzione e completamento del manufatto. Questa prova è fondamentale per evitare che l’immobile venga considerato abusivo e, di conseguenza, soggetto a un’ordinanza di demolizione.

Il Consiglio di Stato, con la sentenza del 24 giugno 2024, n. 5547, ha confermato questa responsabilità respingendo un ricorso contro un’ordinanza di demolizione, poiché il ricorrente non aveva fornito prove sufficienti che dimostrassero che l’immobile fosse stato costruito prima del 1967.

Tale sentenza rafforza un orientamento giurisprudenziale ormai consolidato che attribuisce al proprietario l’onere della prova.

Advertisement - Pubblicità

Legittimità delle opere ante ’67

Le costruzioni realizzate prima del 1967 sono considerate legittime anche senza un titolo edilizio, poiché l’obbligo di ottenere tale concessione è stato introdotto solo con la Legge n. 765/1967, nota come Legge Ponte.

Tuttavia, affinché queste opere possano beneficiare di una sanatoria speciale, è necessario che il proprietario fornisca prove concrete e documentate che attestino l’epoca di costruzione.

Tra le prove accettabili possono esserci:

  • aerofotogrammetrie,
  • dichiarazioni sostitutive di atto notorio
  • altre documentazioni che dimostrino la data di realizzazione prima del 1° settembre 1967.

Solo il proprietario può presentare elementi inconfutabili o altamente plausibili a sostegno della legittimità dell’opera. In casi in cui il Comune fornisca prove incerte sulla data di realizzazione del manufatto, potrebbe essere ammesso un temperamento dell’onere probatorio.

Tuttavia, nel caso specifico della sentenza citata, non sono stati ravvisati i presupposti per una tale attenuazione dell’onere della prova.

Advertisement - Pubblicità

La sentenza del Consiglio di Stato

Il Consiglio di Stato, nella sentenza del 24 giugno 2024, n. 5547, ha respinto un ricorso contro un’ordinanza di demolizione, evidenziando che la sentenza del giudice penale che aveva dichiarato attendibile la tesi del ricorrente si basava su testimonianze confuse e frammentarie.

La sentenza sottolinea l’importanza di fornire prove solide e inequivocabili per dimostrare la legittimità di opere edilizie realizzate prima del 1967. Inoltre, l’immobile in questione era situato all’interno della fascia di rispetto cimiteriale del Comune, un’area soggetta a divieto assoluto di edificabilità.

Leggi anche: Condono edilizio: illegittima demolizione durante la sanatoria



Richiedi informazioni per Abuso edilizio, Leggi e Normative, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Cessione immobiliare a società dello stesso gruppo: quando si configura l'abuso del dirittoCessione immobiliare a società dello stesso gruppo: quando si configura l'abuso del diritto

Cessione immobiliare a società dello stesso gruppo: quando si configura l'abuso del diritto

16/07/2024 09:59 - La Corte di cassazione ha stabilito che vendere immobili a società dello stesso gruppo per mantenere agevolazioni fiscali costituisce abuso del diritto, richiedendo l'applicazione dell'imposta di registro ordinaria.
Fine contratto affitto: quando la tinteggiatura spetta all'inquilino?Fine contratto affitto: quando la tinteggiatura spetta all'inquilino?

Fine contratto affitto: quando la tinteggiatura spetta all'inquilino?

11/07/2024 10:08 - Le responsabilità di [..]
Firmato il nuovo Decreto Inerti sul riutilizzo dei rifiuti (End of Waste)Firmato il nuovo Decreto Inerti sul riutilizzo dei rifiuti (End of Waste)

Firmato il nuovo Decreto Inerti sul riutilizzo dei rifiuti (End of Waste)

10/07/2024 08:21 - Il nuovo Decreto Inerti [..]
Condono edilizio: illegittima demolizione durante la sanatoriaCondono edilizio: illegittima demolizione durante la sanatoria

Condono edilizio: illegittima demolizione durante la sanatoria

08/07/2024 11:49 - Una sentenza del Tar Catania annulla un'ordinanza di demolizione illegittima, [..]
Tettoie condominiali: quando sono legittime?Tettoie condominiali: quando sono legittime?

Tettoie condominiali: quando sono legittime?

04/07/2024 14:08 - La costruzione di tettoie in condominio è legittima se non viola le norme sull'uso [..]
TAGS: abusivismo edilizio, consiglio di stato, legge ponte, onere della prova, opere ante '67, titolo edilizio

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!