Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Tasse e Imposte » Secondo acconto Irpef 2023: cosa devi sapere, chiarimenti dell’AdE

Secondo acconto Irpef 2023: cosa devi sapere, chiarimenti dell’AdE

Secondo acconto Irpef 2023: cosa devi sapere, chiarimenti dell’AdESecondo acconto Irpef 2023: cosa devi sapere, chiarimenti dell’AdE
Ultimo Aggiornamento:

Recentemente, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti cruciali, attraverso la circolare n° 31, riguardo la proroga del secondo acconto Irpef per l’anno 2023, una misura introdotta dal decreto legge n. 145/2023, noto come decreto “Anticipi”.

Chi può beneficiare della proroga?

Con la pubblicazione della circolare n. 31, l’Agenzia delle Entrate ha fornito importanti chiarimenti relativi alla proroga del versamento della seconda rata di acconto delle imposte sui redditi.

La proroga del versamento del secondo acconto Irpef, introdotta dall’articolo 4 del decreto legge n. 145/2023, si applica a specifiche categorie di contribuenti.

Art. 4
Rinvio del versamento della seconda rata di acconto delle imposte dirette

1. Per il solo periodo d’imposta 2023, le persone fisiche titolari di partita IVA che nel periodo d’imposta precedente dichiarano ricavi o compensi di ammontare non superiore a centosettantamila euro, effettuano il versamento della seconda rata di acconto dovuto in base alla dichiarazione dei redditi, con esclusione dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi assicurativi INAIL, entro il 16 gennaio dell’anno successivo, oppure in cinque rate mensili di pari importo, a decorrere dal mese di gennaio, aventi scadenza il giorno 16 di ciascun mese. Sulle rate successive alla prima sono dovuti gli interessi di cui all’articolo 20, comma 2, del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241.
2. Alle minori entrate derivanti dal comma 1, valutate in 2.540,9 milioni di euro per l’anno 2023 si provvede ai sensi dell’articolo 23. 

Sono inclusi nella misura:

  • I titolari di partita IVA.
  • Coloro che, per il periodo d’imposta 2022, hanno dichiarato ricavi o compensi non superiori a 170mila euro.

La normativa prevede un rinvio del pagamento dal 30 novembre 2023 al 16 gennaio 2024, offrendo la possibilità di suddividere il versamento in cinque rate mensili di pari importo, a partire da gennaio 2024.

Questo differimento offre un sostegno significativo per i piccoli imprenditori e i liberi professionisti, consentendo una gestione più flessibile delle proprie finanze in un periodo economicamente complesso.

Verifica dei requisiti: cosa è necessario sapere?

Per beneficiare della proroga, è essenziale verificare il proprio stato di ammissibilità. Le soglie di ricavo e compenso vanno analizzate attentamente, basandosi sui dati dichiarati per il periodo d’imposta 2022.

Per le imprese familiari e le aziende coniugali, il rinvio si applica unicamente al titolare dell’attività, non ai collaboratori.

Un aspetto di particolare rilevanza riguarda l’impresa familiare e l’azienda coniugale. In questi casi, la proroga è applicabile esclusivamente al titolare dell’azienda. È quindi fondamentale che i titolari di tali attività comprendano chiaramente la portata di questa normativa e valutino con attenzione la propria posizione fiscale.

Per le persone fisiche che esercitano attività agricole o connesse, il differimento è concesso solo se, nel 2022, detengono anche un reddito d’impresa. È importante, per questi soggetti, considerare l’ammontare del volume d’affari (campo VE50 del modello di dichiarazione IVA 2023) o, in assenza di obbligo di dichiarazione IVA, l’ammontare complessivo del fatturato del 2022.

Richiedi informazioni per Notizie, Tasse e Imposte

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Imposta di Registro: obblighi, calcolo e sanzioni per i contribuentiImposta di Registro: obblighi, calcolo e sanzioni per i contribuenti

Imposta di Registro: obblighi, calcolo e sanzioni per i contribuenti

15/02/2024 11:26 - L'imposta di registro, applicata su atti giuridici documentati, riflette la capacità economica del contribuente. Essenziale per la trasparenza e il monitoraggio fiscale, varia in base alla natura dell'atto e alla presenza o meno dell'IVA, con precise implicazioni legali e sanzioni per inadempimenti.
IMU e TARI 2023: conguagli entro 29 febbraio e novità, ecco per chiIMU e TARI 2023: conguagli entro 29 febbraio e novità, ecco per chi

IMU e TARI 2023: conguagli entro 29 febbraio e novità, ecco per chi

14/02/2024 13:05 - Il Dipartimento Finanze [..]
IMU per immobili collabenti: cosa prevede la legge?IMU per immobili collabenti: cosa prevede la legge?

IMU per immobili collabenti: cosa prevede la legge?

12/02/2024 14:03 - Con la Risoluzione n. 4/DF del 16 novembre 2023, il Dipartimento delle Finanze ha [..]
Irpef 2024: ecco cosa devi sapere sulle nuove aliquoteIrpef 2024: ecco cosa devi sapere sulle nuove aliquote

Irpef 2024: ecco cosa devi sapere sulle nuove aliquote

11/02/2024 12:22 - La riforma fiscale del 2024 in Italia introduce tre aliquote Irpef, aumenta le [..]
Certificazione Unica 2024: modelli e scadenzeCertificazione Unica 2024: modelli e scadenze

Certificazione Unica 2024: modelli e scadenze

10/02/2024 15:48 - Il Provvedimento dell'Agenzia delle Entrate introduce il Modello CU 2024, con [..]
TAGS: acconto irpef 2023, decreto anticipi, irpef, irpef 2023

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!