Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Notizie » Superbonus, Eurostat: crediti d’imposta non pagabili nel 2024

Superbonus, Eurostat: crediti d’imposta non pagabili nel 2024

Superbonus, Eurostat: crediti d’imposta non pagabili nel 2024Superbonus, Eurostat: crediti d’imposta non pagabili nel 2024
Ultimo Aggiornamento:

La recente riforma del Superbonus, convertita in legge a maggio, ha introdotto importanti novità nella gestione dei crediti d’imposta, con impatti significativi sui conti pubblici italiani. Eurostat ha infatti espresso il suo parere sulla contabilizzazione dei crediti del Superbonus, definendo nuove modalità che influenzeranno il deficit statale negli anni a venire.

Ma cosa significa tutto questo per l’economia italiana? E quali sono le principali differenze rispetto alla gestione passata?

Advertisement - Pubblicità

Il parere di Eurostat sul Superbonus

Secondo il parere inviato da Eurostat all’Istat, i crediti d’imposta maturati dopo la riforma del Superbonus dovranno essere registrati nei conti pubblici come “crediti d’imposta non pagabili nel 2024“, salvo per le eccezioni previste dalla legge.

Questo significa che, a differenza dei crediti attivati negli anni 2020-2023, che continuano ad essere classificati come “crediti d’imposta dovuti”, i nuovi crediti avranno un diverso trattamento contabile.

Tale modifica comporta che l’effetto del Superbonus sul deficit sarà spalmato su più anni, riducendo l’impatto immediato sui conti pubblici.

Advertisement - Pubblicità

Implicazioni della nuova classificazione contabile

Considerare il Superbonus come “pagabile” per il periodo fino alla fine del 2023 implica che la spesa per gli incentivi edilizi del 110% rimane contabilizzata nei conti pubblici del passato. Dal 2024, essendo classificata come “non pagabile”, questa spesa potrà essere distribuita su un periodo più lungo, attenuando l’impatto sul deficit pubblico.

Questo cambiamento è particolarmente significativo alla luce del ritorno in vigore delle regole del Patto di stabilità europeo, riformato ad aprile, che impone criteri stringenti sul rientro dei deficit pubblici in eccesso.

Advertisement - Pubblicità

Le nuove regole per le spese dal 2024

Una delle principali novità introdotte dalla legge di maggio riguarda la detrazione delle spese sostenute a partire dal primo gennaio 2024, che potranno essere portate in detrazione in 10 anni anziché in 4.

Approfondisci: Superbonus 2024: la detrazione si estende a 10 anni

Questo allungamento del periodo di detrazione offre una maggiore flessibilità nella gestione finanziaria per i cittadini e le imprese, e contribuisce a una gestione più equilibrata del bilancio statale nel lungo termine.

Eurostat ha precisato che per la parte della spesa del 2024 relativa alle deroghe il Superbonus maturato dovrà continuare ad essere contabilizzato come credito d’imposta pagabile.

Per il periodo 2020-2023, l’ufficio di statistica europeo aveva già indicato che gli importi dei crediti d’imposta eventualmente persi in futuro sarebbero stati trascurabili.

Questo conferma che il nuovo approccio alla contabilizzazione del Superbonus mira a garantire una maggiore sostenibilità finanziaria per l’Italia, riducendo al contempo l’onere immediato sul bilancio pubblico.



Richiedi informazioni per Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Cessione immobiliare a società dello stesso gruppo: quando si configura l'abuso del dirittoCessione immobiliare a società dello stesso gruppo: quando si configura l'abuso del diritto

Cessione immobiliare a società dello stesso gruppo: quando si configura l'abuso del diritto

16/07/2024 09:59 - La Corte di cassazione ha stabilito che vendere immobili a società dello stesso gruppo per mantenere agevolazioni fiscali costituisce abuso del diritto, richiedendo l'applicazione dell'imposta di registro ordinaria.
Surroga dei mutui: incremento del 33% nel 2024Surroga dei mutui: incremento del 33% nel 2024

Surroga dei mutui: incremento del 33% nel 2024

16/07/2024 07:25 - La riduzione dei tassi BCE ha avuto effetti contrastanti sui mutui, spingendo molti [..]
Condominio minimo: definizione, funzionamento e normativeCondominio minimo: definizione, funzionamento e normative

Condominio minimo: definizione, funzionamento e normative

15/07/2024 08:35 - Il condominio minimo è un edificio con due proprietari, regolato dal Codice Civile [..]
TAGS: crediti, eurostat, Superbonus

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!