Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Notizie » Rottamazione-Quater e agevolazioni Prima Casa Under 36: le novità del decreto Milleproroghe

Rottamazione-Quater e agevolazioni Prima Casa Under 36: le novità del decreto Milleproroghe

Rottamazione-Quater e agevolazioni Prima Casa Under 36: le novità del decreto MilleprorogheRottamazione-Quater e agevolazioni Prima Casa Under 36: le novità del decreto Milleproroghe
Ultimo Aggiornamento:

L’ultima conversione del decreto Milleproroghe segna un momento significativo per cittadini e imprese italiane, introducendo misure di rilievo nel panorama fiscale nazionale.

Pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 28 febbraio 2024, la legge n. 18/2024 porta con sé un ventaglio di novità che spaziano dalla riapertura dei termini per la rottamazione-quater alle agevolazioni prima casa per gli under 36, fino all’introduzione di un ravvedimento speciale per le dichiarazioni 2022.

In questo articolo, esploreremo le principali disposizioni introdotte, analizzandone gli impatti e le opportunità per contribuenti e imprese, in un contesto economico sempre più orientato verso la flessibilità e il sostegno in ambito fiscale.

Riapertura dei termini per la Rottamazione-Quater

Una delle novità più rilevanti introdotte dalla legge n. 18/2024 riguarda la riapertura dei termini per aderire alla rottamazione-quater, offrendo una nuova chance a coloro che non hanno versato le prime tre rate entro le scadenze predefinite del 2023.

Leggi anche: Tutte le tasse da pagare entro Natale: IMU, Rottamazione Quater e sostituti d’imposta

Fino al 15 marzo 2024, i contribuenti in ritardo potranno regolarizzare la propria situazione senza perdere i benefici dell’agevolazione. Questa disposizione si applica anche ai soggetti residenti nelle zone colpite dalle alluvioni del maggio 2023, estendendo il termine per il versamento delle rate scadute.

La legge stabilisce una tolleranza di cinque giorni per i pagamenti, consentendo così ai debitori di evitare la decadenza dai benefici previsti dalla rottamazione se saldano il dovuto entro il 20 marzo 2024.

Estensione delle agevolazioni Prima Casa per gli Under 36

La legge di conversione del decreto Milleproroghe introduce un’importante novità per i giovani sotto i 36 anni che aspirano ad acquistare la loro prima casa. Con una modifica al decreto precedente, viene esteso il termine per usufruire delle agevolazioni fiscali “extra”, a patto che il contratto preliminare sia stato sottoscritto e registrato entro il 31 dicembre 2023.

Leggi anche: Prima Casa Under 36: utilizzo credito, come e quando si procede

I giovani beneficiari hanno ora tempo fino al 31 dicembre 2024 per stipulare l’atto definitivo, con l’opportunità di godere di un credito d’imposta in caso di atto già concluso tra l’1 gennaio e il 29 febbraio 2024.

Questa estensione rappresenta un sostegno significativo per l’accesso alla proprietà immobiliare da parte delle nuove generazioni, facilitando l’ingresso nel mercato immobiliare con condizioni più vantaggiose.

Approfondisci: Bonus Prima Casa 2024: la guida completa, ecco cosa cambia

Ravvedimento speciale per le violazioni sulle dichiarazioni 2022

La legge n. 18/2024 apre la strada a un ravvedimento speciale per le irregolarità relative alle dichiarazioni dei redditi presentate per il periodo d’imposta 2022. Estendendo una possibilità già prevista per le dichiarazioni fino all’anno d’imposta 2021, questa disposizione offre ai contribuenti l’opportunità di regolarizzare la propria posizione fiscale con delle condizioni favorevoli.

Il pagamento delle somme dovute deve essere effettuato entro il 31 marzo 2024, con la possibilità di rateizzare l’importo in quattro rate trimestrali, a cui si applicano interessi al 2% annuo sulle rate successive alla prima.

Questa misura mira a incentivare la compliance fiscale, facilitando la risoluzione di eventuali discrepanze nelle dichiarazioni dei redditi e contribuendo alla semplificazione del rapporto tra fisco e contribuente.

Agevolazioni per coltivatori diretti e imprenditori agricoli

La legge di conversione del decreto Milleproroghe estende e modifica le agevolazioni fiscali previste per coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali, consolidando il sostegno a un settore chiave dell’economia italiana.

Per il biennio 2024-2025, i redditi dominicali e agrari, fino a 10mila euro, restano esenti da Irpef, mentre quelli compresi tra 10mila e 15mila euro concorrono per il 50% al reddito complessivo, e la totalità oltre i 15mila euro.

Questa misura, che esclude le società di persone, le srl e le cooperative che seguono altre regolamentazioni, mira a incentivare l’attività agricola, sostenendo l’imprenditorialità nel settore e facilitando la gestione fiscale dei redditi derivanti da attività agricole.

Incremento del Bonus Psicologo

Nel contesto delle misure introdotte dalla legge n. 18/2024, si segnala l’incremento delle risorse destinate al bonus psicologo per l’anno 2024. Con un aumento di 2 milioni di euro, il limite massimo di spesa per il contributo a sostegno delle spese per sessioni di psicoterapia presso specialisti privati viene elevato, ampliando così la portata di questa iniziativa.

Il bonus psicologo si conferma uno strumento importante per promuovere il benessere psicologico dei cittadini, facilitando l’accesso a servizi di psicoterapia e sostenendo la salute mentale in un periodo di crescenti sfide sociali e personali.

Richiedi informazioni per Leggi e Normative, Notizie, Tasse e Imposte

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Chi deve pagare l'amministratore di condominio: proprietario o inquilino?Chi deve pagare l'amministratore di condominio: proprietario o inquilino?

Chi deve pagare l'amministratore di condominio: proprietario o inquilino?

22/05/2024 13:03 - La responsabilità del pagamento dell’amministratore di condominio spetta generalmente ai proprietari delle unità immobiliari, salvo accordi specifici con l’inquilino.
Computo metrico estimativo: cos’è e come si faComputo metrico estimativo: cos’è e come si fa

Computo metrico estimativo: cos’è e come si fa

20/05/2024 08:15 - Il computo metrico estimativo è un documento di fondamentale importanza, in quanto [..]
TAGS: Agevolazioni prima casa, Bonus Psicologo, coltivatori diretti, Decreto Milleproroghe, dichiarazioni 2022, imprenditori agricoli, legge n. 18/2024, ravvedimento speciale, rottamazione quater, under 36

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!