Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Notizie » Ponte sullo Stretto: Salvini “Obiettivo al via lavori entro 2 anni”

Ponte sullo Stretto: Salvini “Obiettivo al via lavori entro 2 anni”

Ponte sullo Stretto: Salvini “Obiettivo al via lavori entro 2 anni”Ponte sullo Stretto: Salvini “Obiettivo al via lavori entro 2 anni”
Ultimo Aggiornamento:

Ponte sullo Stretto? Secondo Salvini, il via ai lavori avverrà entro 2 anni

Il nuovo ministro per i Trasporti e le Infrastrutture, Matteo Salvini, ha partecipato al Consiglio UE a Bruxelles, dove ha ribadito l’assoluta volontà d’impegnarsi per dare il via al popolare progetto. Il tutto con il sostegno dell’UE, perché, come ha riportato lo stesso Salvini, si tratta di un progetto importante che è stato discusso durante la cena Salvini-Valean, oltre che con diversi altri colleghi europei.

Secondo le previsioni di Salvini, il progetto dovrebbe iniziare nell’arco di 2 anni, anche grazie all’impegno della Commissaria per i Trasporti Adina Valean. Alla realizzazione dell’opera parteciperanno anche due ministri per i trasporti d’importanti Stati europei, come la Germania e la Francia, con cui Matteo Salvini dovrà riaggiornarsi a breve termine durante un incontro previsto a Roma.

Sul tavolo di discussione, difatti, non c’è unicamente il Ponte sullo Stretto, bensì una vasta gamma di altre infrastrutture, tra cui il famoso tunnel del Brennero che dovrebbe collegare Torino a Lione e per cui l’Italia potrebbe ottenere un ingente finanziamento europeo. Tutto ciò rende l’Italia protagonista di vari progetti d’interesse europeo, anche per via della grandezza e della complessità delle opere che bisognerà realizzare, tra cui molti lavori saranno svolti anche sulla dorsale adriatica.

La priorità sarà comunque data al Ponte sullo Stretto, in modo da unire la Sicilia e la Calabria e facilitare la vita a milioni d’italiani, come ha affermato il neo-ministro.

Lo stesso progetto risulta di grandissimo interesse anche per numerosi colleghi di lavoro, oltre che per la Commissione Europeo. Il tutto dopo ben 50 anni di convegni sulla possibilità di dar via ai lavori senza tirare troppo la corda: entro due anni, limite massimo chiarito dallo stesso Matteo Salvini.

L’obiettivo, però, non è tanto solo quello di realizzare finalmente un progetto rimandato per troppo tempo, ma anche di dare una spinta a tutta la società italiana. Senza dimenticarsi dell’alto valore simbolico del ponte che unirà le due magnifiche regioni.

I trasporti e i problemi ai confini con l’Austria

Nel suo discorso alla stampa, Salvini non si è dimenticato di ricordare la limitazione di merci e mezzo negli spostamenti tra Austria e Italia. Un qualcosa di antieconomico, ma anche antieuropeo, che divide anziché unire.

Per Salvini si tratta, dunque, di un altro problema che non può essere rimandato a lungo, ma di cui bisogna parlare, chiarirsi, per capire quali sono i principali ostacoli e come ovviare ai vari problemi che si sono creati. E se da un lato il vice-premier non ha avuto modo di confrontarsi con il suo collega austriaco, d’altro lato ha potuto parlare con Clément Beaune, il suo omologo francese.

Il dialogo però non sembra affatto concluso, in quanto i due ministri si parleranno ancora una volta il 13 dicembre, durante la visita della commissione francese per un dialogo intergovernativo. Durante quest’ultimo si parlerà anche di altri temi, non dimenticandosi del già ricordato tunnel del Brennero.

Non è stato tralasciato nemmeno l’aspetto relativo alle auto, tant’è che a Bruxelles Salvini ha potuto parlare dei modi di attuazione e dei tempi di alcune politiche, tra cui l’integralismo ambientalista che, a detta del vice-premier, non sarebbe costruttivo e, anzi, rischierebbe di lasciare senza lavoro moltissimi operai. Per questo Salvini si è espresso contro l’idea di mettere fuorilegge le auto a benzina e quelle a diesel a partire dal 2035. Secondo lui sarebbe una cosa senza senso, ma ci sono ancora diversi margini di dialogo.

E il POS? Il Ministro dei Trasporti si esprime per la libertà di pagamento: secondo Salvini ognuno dovrebbe essere libero di pagare con la modalità che preferisce, senza correre il rischio di ricevere una multa. Una visione che va in contrasto con la lotta all’evasione fiscale e si scontra anche con quella espressa dal gruppo Bankitalia.

Fonte foto: https://www.facebook.com/salviniofficial

Richiedi informazioni per Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Cappotto termico: il piano regolatore del comune può vietarlo?Cappotto termico: il piano regolatore del comune può vietarlo?

Cappotto termico: il piano regolatore del comune può vietarlo?

25/03/2024 15:25 - Una sentenza del TAR Lombardia ha stabilito che l'installazione di cappotti termici, per efficienza energetica, prevale sulle norme urbanistiche locali, segnando un passo verso la sostenibilità ambientale e l'innovazione edilizia.
TAGS: Matteo Salvini, ponte sullo stretto, Salvini

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!