Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Notizie » Il Superbonus e il problema dei lavori nei condomini

Il Superbonus e il problema dei lavori nei condomini

Il Superbonus e il problema dei lavori nei condominiIl Superbonus e il problema dei lavori nei condomini
Ultimo Aggiornamento:

Il Superbonus sta generando grattacapi non solo tra i cittadini italiani ma anche a livello istituzionale, tanto da catturare l’attenzione del Ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti. Mentre i crediti per i lavori di ristrutturazione raggiungono quota 146 miliardi di euro, il governo si trova a navigare in acque tumultuose.

Per evitare di lasciare i proprietari con un conto salato da pagare, il governo sta pianificando una proroga, ma con condizioni molto specifiche. Ad esempio, una delle possibili restrizioni riguarda la necessità di certificare che i lavori siano avanzati almeno al 60%.

Ciò escluderebbe i condomini che non hanno ancora iniziato i lavori, mettendo così un filtro sulla condizione soggettiva dei contribuenti.

Il Decreto Omnibus

La proroga all’interno del Decreto Omnibus rappresenta un fattore chiave nella dinamica dei lavori di ristrutturazione, in particolare per quanto riguarda le villette. Originariamente, la scadenza per completare i lavori era fissata al 30 settembre.

Tuttavia, l’estensione fino alla fine di dicembre offre una maggiore flessibilità temporale, consentendo di portare a termine progetti che altrimenti sarebbero rimasti incompiuti.

Leggi anche: Proroga Superbonus 2023: nuove date e riapertura Cessione Credito da Poste Italiane

Nonostante questo respiro, il governo procede con cautela. L’opzione di abbassare ulteriormente le percentuali di avanzamento dei lavori è al vaglio delle autorità competenti. Questo perché una riduzione indiscriminata delle soglie potrebbe causare una serie di conseguenze indesiderate nel settore edilizio, già in una situazione di delicato equilibrio.

Quindi, mentre la proroga del Decreto Omnibus sembra un passo positivo a prima vista, è fondamentale analizzare tutte le variabili in gioco per assicurare che la misura non produca effetti contraproduttivi nell’economia del settore edilizio.

Priorità nella Legge di Bilancio

La prossima legge di bilancio vedrà il taglio del cuneo fiscale come priorità, favorendo così il mondo del lavoro e le famiglie. Tuttavia, gli spazi fiscali attuali sono limitati: con circa 4 miliardi in deficit, 1-2 miliardi dai risparmi dell’assegno unico e altri fondi derivanti da varie fonti, le opzioni sono poche.

Un altro tema caldo è la revisione del Patto di Stabilità. L’Italia vorrebbe avere la possibilità di escludere alcune spese dal calcolo del disavanzo pubblico, come quelle per l’Ucraina o la transizione energetica, come suggerito da Matteo Salvini. Ciò permetterebbe di dare spazio a richieste politiche più ampie, soprattutto riguardanti pensioni e sanità.

Un ulteriore sollievo finanziario potrebbe derivare dalle privatizzazioni. Tuttavia, il Ministero dell’Economia e delle Finanze non sembra avere fretta, in particolare riguardo alla privatizzazione di Mps. Questo rappresenta un altro tassello nel complicato puzzle delle strategie economiche del governo italiano.

Conclusione

Il Superbonus, pur essendo uno strumento con un enorme potenziale positivo, sta causando numerose difficoltà. Le prossime mosse del governo saranno cruciali non solo per il settore edilizio ma anche per l’intera economia nazionale.

La proroga prevista potrebbe fornire un salvagente, ma come sempre, il diavolo è nei dettagli. In questo scenario complesso, ogni decisione pesa come un macigno sul bilancio pubblico e sul benessere dei cittadini.

Richiedi informazioni per Bonus, Detrazioni Fiscali, Notizie, Superbonus

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Piano di lavoro amianto: cos’è, quando è obbligatorio e come si redigePiano di lavoro amianto: cos’è, quando è obbligatorio e come si redige

Piano di lavoro amianto: cos’è, quando è obbligatorio e come si redige

11/06/2024 10:12 - L'amianto, un tempo usato comunemente nelle costruzioni italiane, ora richiede un dettagliato piano di bonifica per la rimozione, seguendo i criteri del Decreto Legislativo 81/2008, per proteggere salute e ambiente.
Cosa puoi sanare con il decreto salva casa?Cosa puoi sanare con il decreto salva casa?

Cosa puoi sanare con il decreto salva casa?

10/06/2024 10:38 - Il recente decreto "Salva casa" introduce una serie di novità significative per i [..]
Patente a punti cantiere: come funziona e quando è obbligatoriaPatente a punti cantiere: come funziona e quando è obbligatoria

Patente a punti cantiere: come funziona e quando è obbligatoria

10/06/2024 08:26 - E' in vigore dallo scorso 1 maggio la patente a punti per i cantieri. Si tratta di [..]
20 milioni di euro per la sicurezza stradale nei piccoli comuni20 milioni di euro per la sicurezza stradale nei piccoli comuni

20 milioni di euro per la sicurezza stradale nei piccoli comuni

08/06/2024 12:06 - Il governo italiano ha stanziato 20 milioni di euro per migliorare la sicurezza [..]
Cedolare secca 2024: cos'è, come funziona e cosa cambia nel 2024Cedolare secca 2024: cos'è, come funziona e cosa cambia nel 2024

Cedolare secca 2024: cos'è, come funziona e cosa cambia nel 2024

08/06/2024 10:49 - La cedolare secca è un [..]
TAGS: Superbonus, superbonus condomini

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!