Abuso edilizio del vicino di casa: come muoversi

abuso edilizio

Viene considerato abuso edilizio quando uno dei condòmini apporta delle modifiche edilizie alla struttura senza previa autorizzazione. Per poter procedere alla denuncia del suo vicino però, il condomino dovrà accertarsi obbligatoriamente che si tratti davvero di un abuso.

Possono essere considerati irregolari gli interventi sul territorio che non abbiano affrontato l’iter previsto dalla legge per l’approvazione dei lavori di edilizia, oppure che, dopo essere stati approvati, siano stati destinati a degli utilizzi differenti rispetto alle decisioni iniziali.

Riconoscere i casi di abuso

Per potersi accertare che i lavori condotti dal proprio vicino siano abusivi, bisogna valutare la reale presenza dell’irregolarità e il grado di gravità di quest’ultima. Per avvalorare la propria tesi, è necessario che il condomino che vuole denunciare possa dimostrare uno dei seguenti casi:

  • assenza del permesso di costruzione;
  • revoca del permesso dopo averlo ottenuto;
  • variazioni del progetto dopo essere stato approvato;
  • violazione degli spazi comuni senza permesso;
  • modifica della facciata condominiale senza approvazione;
  • inizio lavori senza specifica comunicazione degli orari ai condomini.
  • procedimento ai lavori in orari inusuali, che differiscono dagli abituali orari lavorativi.

Come intervenire

Nel momento in cui il/i condomino/i, o l’amministratore di condominio si accertino della presenza di un abuso edilizio, potranno procedere alla richiesta di cessazione della violazione. È infatti consentito presenziare l’esposto anche ai soggetti singoli, purché possano dimostrare la valenza della propria tesi.

Sarà necessario quindi effettuare una denuncia in forma scritta presso la Polizia Municipale, recandosi direttamente al comando locale.

Il procedimento prevede la compilazione di un modulo, che può essere firmato dal denunciante in maniera diretta oppure anche in forma anonima. Attenzione però, perché le denunce anonime non sempre garantiscono l’intervento delle autorità.

In ogni caso, se ci decide di procedere per via diretta fornendo la propria identità, le generalità del denunciante non potranno in alcun modo essere rivelate al denunciato.

Al fine di avvalorare ancora di più le motivazioni dell’esposto, si consiglia al condomino di allegare anche una documentazione fotografica dell’abuso edilizio.

Spetterà poi agli agenti della Polizia Municipale trasmettere l’esposto a chi di competenza, come la Questura o la Procura della Repubblica.

Una volta che la denuncia sarà stata presentata, il condomino potrà richiedere inoltre il numero di protocollo con cui questa è stata segnalata, al fine di poter seguire il corretto andamento della procedura e verificare che non ci siano delle inefficienze da parte delle autorità competenti.

A quel punto, al condomino denunciante non resterà che attendere notizie sull’esposto dalle autorità.




Uretek