Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Edilizia Urbanistica » Tutela di beni e paesaggi culturali: quali interventi sono vietati?

Tutela di beni e paesaggi culturali: quali interventi sono vietati?

Tutela di beni e paesaggi culturali: quali interventi sono vietati?Tutela di beni e paesaggi culturali: quali interventi sono vietati?
Ultimo Aggiornamento:

Il Codice dei Beni Culturali impone l’obbligo di tutelare e valorizzare sia i beni culturali che quelli paesaggistici.

Dispone allo stesso modo molti divieti alla libertà comportamento che le persone possono avere nei confronti delle cose appartenenti al patrimonio culturale nazionale, così come limita la possibilità di realizzare degli interventi edilizi senza seguire precise procedure e ottenere specifiche autorizzazioni.

Approfondiamo di seguito.

Tutela di beni e paesaggi culturali: comportamenti vietati

Al fine di preservare il più a lungo possibile i beni e i luoghi di interesse culturale presenti in territorio italiano, il Codice dei beni culturali stabilisce, innanzitutto, quanto segue:

I beni culturali non possono essere distrutti, deteriorati, danneggiati o adibiti ad usi non compatibili con il loro carattere storico o artistico oppure tali da recare pregiudizio alla loro conservazione.

A stabilirlo in particolare è il primo comma dell’art. 20. Al comma successivo si precisa, inoltre, che gli archivi pubblici e gli archivi privati – nel caso in cui abbiano ottenuto la dichiarazione di interesse culturale – non possono in alcun modo essere smembrati.

Interventi riguardanti beni culturali: cosa è previsto in edilizia?

Anche in ambito edile, chiaramente, sono previsti determinati limiti che non possono essere superati quando si tratta di intervenire sui beni culturali, sui quelli paesaggistici o anche sull’area circostante, in quanto la stabilità o le opere di conservazione del bene potrebbero essere in qualche modo compromesse.

Viene disposto infatti che tutti gli interventi che si intendano realizzare su beni assoggettati alla tutela del codice, potranno essere conseguiti esclusivamente mediante il rilascio di un’apposita autorizzazione al Ministero dei beni culturali.

Nello specifico, risulta obbligatoria la richiesta di autorizzazione per i seguenti interventi:

  1. Rimozione o demolizione del bene culturale, con successiva ricostituzione oppure senza.
  2. Spostamento dei beni culturali mobili, anche temporaneamente, ad eccezione di due casi. Ovvero:
    • Se lo spostamento fosse dovuto al fatto che il possessore abbia modificato la propria dimora o sede. Lo spostamento non richiederà l’autorizzazione ma dovrà essere comunicato preventivamente alle soprintendenze, che avranno 30 giorni per prescrivere le misure di sicurezza di cui tener conto per il trasporto;
    • Se lo spostamento riguardasse gli archivi correnti dello Stato e degli enti ed istituti pubblici. Sarà comunque obbligatorio darne comunicazione al Ministero.
  1. Smembramento di collezioni, serie e raccolte.
  2. Scarto di documenti appartenenti ad archivi pubblici e privati per i quali sia intervenuta la dichiarazione di interesse culturale.
  3. Scarto di materiale bibliografico delle biblioteche pubbliche, ad eccezione di:
    • Raccolte librarie delle biblioteche dello Stato, delle regioni, degli altri enti pubblici territoriali e di ogni altro ente e istituto pubblico, con la sola esclusione delle raccolte che assolvono alle funzioni delle biblioteche, ai sensi dell’art. 47 del DPR n. 616 del 24 luglio 1977;
    • Biblioteche private che abbiano ottenuto la dichiarazione di interesse culturale.
  1. Trasferimento di complessi organici di documenti appartenenti ad archivi pubblici – e anche ad archivi privati che abbiano ottenuto la dichiarazione di interesse culturale – nei confronti di altre persone giuridiche.

Ulteriori lavori saranno autorizzati dalle soprintendenze

Per tutti gli interventi che si intendano realizzare sui beni culturali o paesaggistici, che non siano elencati sopra, non si dovrà richiedere un’autorizzazione dal Ministero, ma al soprintendente dei beni culturali, ovvero agli organi periferici ministeriali.

Il rilascio dell’autorizzazione chiaramente non consisterà nel porre una semplice richiesta, ma dovrà comprendere un vero e proprio progetto edilizio esplicativo dei lavori che si andranno a fare.

Nel caso si trattasse di interventi di entità limitata, però, in determinati casi potrebbe bastare anche una descrizione tecnica dell’intervento.

Se i lavori non dovessero essere avviati entro 5 anni dalla data di rilascio dell’autorizzazione, il soprintendente avrà diritto ad imporre nuove prescrizioni, oppure ad integrare o variare quelle già date, a seconda dello sviluppo delle tecniche di conservazione.

Nel caso in cui gli interventi edilizi dovessero richiedere anche un titolo abilitativo per essere realizzati, il Codice dei Beni culturali dispone che sarà possibile – sempre se non si tratta di lavori di notevole entità – realizzarli anche depositando agli uffici comunali una semplice DIA (Denuncia di inizio Attività), con allegati il progetto e ovviamente l’autorizzazione.

Per gli interventi da realizzare nei beni culturali e paesaggistici, tuttavia, è fondamentale tenere conto anche della valutazione di impatto ambientale.

Nello specifico, l’art. 26 dispone che:

Qualora prima dell’adozione del provvedimento di valutazione di impatto ambientale risulti che il progetto non è in alcun modo compatibile con le esigenze di protezione dei beni culturali sui quali esso è destinato ad incidere, il Ministero si pronuncia negativamente e, in tal caso, il procedimento di valutazione di impatto ambientale si conclude negativamente.

Se però si trattasse di interventi di assoluta urgenza, sarà possibile condurre i lavori provvisori indispensabili per evitare dei danni al bene tutelato, purché ne sia data immediata comunicazione alla soprintendenza.

Richiedi informazioni per Edilizia Urbanistica, Leggi e Normative, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Milano e le nuove norme urbanistiche: una svolta dopo le inchiesteMilano e le nuove norme urbanistiche: una svolta dopo le inchieste

Milano e le nuove norme urbanistiche: una svolta dopo le inchieste

21/03/2024 14:39 - Le nuove norme urbanistiche introdotte a Milano segnano un punto di svolta nel modo in cui la città affronta la rigenerazione urbana e la gestione degli spazi.
Norme costruzioni: i diversi tipi di strutture e i sistemi costruttiviNorme costruzioni: i diversi tipi di strutture e i sistemi costruttivi

Norme costruzioni: i diversi tipi di strutture e i sistemi costruttivi

12/02/2024 08:55 - In tutto il territorio [..]
Conservazione patrimonio culturale: che cosa comprende?Conservazione patrimonio culturale: che cosa comprende?

Conservazione patrimonio culturale: che cosa comprende?

09/01/2024 10:01 - La conservazione del patrimonio culturale dev’essere assicurata mediante una [..]
TAGS: paesaggi culturali, Tutela di beni

Autore: Redazione Online

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!