Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Economia e Finanza » Superbonus, Consiglio Nazionale dei Commercialisti: “accolte le nostre proposte”

Superbonus, Consiglio Nazionale dei Commercialisti: “accolte le nostre proposte”

Superbonus, Consiglio Nazionale dei Commercialisti: “accolte le nostre proposte”Superbonus, Consiglio Nazionale dei Commercialisti: “accolte le nostre proposte”
Ultimo Aggiornamento:

De Nuccio e Regalbuto: “Soddisfazione per via libera a proposte di natura tecniche che risolvono numerosi dubbi applicativi

Tutte le proposte emendative al Decreto-legge n. 11/2023 sulla cessione dei crediti presentate dal Consiglio Nazionale dei Commercialisti sono state accolte nel percorso parlamentare di conversione in Legge.

Si tratta di norme di interpretazione autentica, quindi di particolare portata anche retroattiva, che chiariscono alcuni aspetti critici della normativa sul Superbonus e sul Sisma bonus.

In questo articolo, esamineremo le modifiche proposte dal Consiglio Nazionale dei Commercialisti e l’impatto che avranno sui professionisti del settore.

Facoltà di liquidazione degli stati avanzamento lavoro

Una delle principali preoccupazioni del Consiglio Nazionale dei Commercialisti riguardava l‘obbligo di liquidazione degli stati avanzamento lavoro per gli interventi diversi dal superbonus. La modifica proposta ha chiarito che la liquidazione degli stati avanzamento lavoro è una facoltà e non un obbligo.

Ciò significa che i professionisti non saranno costretti a presentare gli stati avanzamento lavoro per gli interventi non coperti dal superbonus. Tuttavia, se lo desiderano, possono farlo senza alcun vincolo normativo.

Inclusione dell’attestazione di congruità

Il Consiglio Nazionale dei Commercialisti ha anche proposto di includere nell’asseverazione tecnica l’attestazione di congruità delle spese relative all’apposizione del visto di conformità. La modifica proposta è stata accolta e chiarisce la facoltà e non l’obbligo di includere queste informazioni nell’asseverazione tecnica.

Questo significa che i professionisti non saranno obbligati a fornire tale attestazione, ma se lo desiderano, potranno farlo senza alcun vincolo normativo.

Possibilità di accedere alla remissione in bonis

La modifica proposta dal Consiglio Nazionale dei Commercialisti riguarda anche la possibilità di accedere alla remissione in bonis nel caso di presentazione dell’allegato B, ai fini del sisma bonus e del super sisma bonus, successivamente al deposito del titolo edilizio o dell’inizio lavori.

La modifica proposta è stata accolta e significa che i professionisti possono accedere alla remissione in bonis se presentano l’allegato B dopo il deposito del titolo edilizio o l’inizio dei lavori.

Perimetro temporale e oggettivo del requisito SOA

Un’altra modifica proposta dal Consiglio Nazionale dei Commercialisti riguardava il perimetro temporale e oggettivo del requisito SOA per l’affidamento dei lavori in ambito superbonus.

Leggi anche: Attestazione SOA: dal 1° gennaio 2023 scatta il nuovo obbligo

La modifica proposta è stata accolta e chiarisce che il requisito SOA si applica solo ai lavori che riguardano l’efficienza energetica e il risparmio energetico e non a tutti i lavori di ristrutturazione edilizia. Inoltre, il requisito SOA non si applica ai lavori di manutenzione ordinaria.

Perimetro dell’attestazione antiriciclaggio

La proposta del Consiglio Nazionale dei Commercialisti riguardava anche il perimetro dell’attestazione antiriciclaggio. La modifica proposta è stata accolta e delimita il perimetro dell’attestazione antiriciclaggio ai soli soggetti che sono controparti nelle operazioni.

Questo significa che i professionisti non saranno costretti a fornire l’attestazione antiriciclaggio per tutte le operazioni, ma solo per quelle che coinvolgono soggetti che sono controparti nella transazione.

Richiedi informazioni per Bonus, Economia e Finanza, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Superbonus: ultime notizie sull'emendamento spalma detrazioniSuperbonus: ultime notizie sull'emendamento spalma detrazioni

Superbonus: ultime notizie sull'emendamento spalma detrazioni

16/05/2024 07:50 - Le recenti modifiche normative relative al Superbonus introducono una spalmatura decennale delle detrazioni e nuove limitazioni all'uso dei crediti fiscali per banche e intermediari.
Certificazione Unica 2024: cos’è, a cosa serve e come ottenerlaCertificazione Unica 2024: cos’è, a cosa serve e come ottenerla

Certificazione Unica 2024: cos’è, a cosa serve e come ottenerla

15/05/2024 09:27 - La Certificazione Unica [..]
Superbonus 2024: la detrazione si estende a 10 anniSuperbonus 2024: la detrazione si estende a 10 anni

Superbonus 2024: la detrazione si estende a 10 anni

13/05/2024 15:43 - A partire dal 2024, il Superbonus sarà detraibile in 10 anni invece di 4, senza [..]
Superbonus: detrazione in 10 anni, non più in 4 per il 2024Superbonus: detrazione in 10 anni, non più in 4 per il 2024

Superbonus: detrazione in 10 anni, non più in 4 per il 2024

09/05/2024 19:40 - Il governo italiano propone di diluire i crediti del Superbonus su dieci anni per [..]
TAGS: commercialisti, consiglio nazionale commercialisti, Superbonus

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!