Secondo l’ultimo report dell’ENEA, gli investimenti per interventi di Superbonus ammissibili a detrazione fiscale hanno superato i 62 miliardi di euro al 31 dicembre 2022.

Questo rappresenta un aumento significativo rispetto ai 46 miliardi di euro investiti l’anno precedente e ai 16 miliardi di euro al 31 dicembre 2021, che comprendevano entrambi gli anni 2020 e 2021. Tuttavia, c’è ancora un problema da risolvere riguardo alla cessione del credito per il superbonus e le altre agevolazioni edilizie.

Leggi anche: Superbonus 90%: La guida per il 2023, cosa cambierà e per chi

Il report ENEA sul Superbonus

Il numero di detrazioni previste per i lavori completati è aumentato a 68,74 miliardi rispetto ai 63,92 del mese precedente. Inoltre, le detrazioni per i lavori già realizzati ammontano a 46,63 miliardi, in aumento rispetto ai 41,42 di novembre.

Tuttavia, il valore medio dei lavori condominiali è leggermente diminuito rispetto al mese precedente, mentre il numero di asseverazioni è cresciuto.

Il report mensile dell’ENEA mostra che gli interventi ammessi a detrazione sono aumentati a 62,5 miliardi. A fine novembre, gli investimenti erano di 58,11 miliardi, mentre ad ottobre erano di 55 miliardi.

Nonostante la crescita record registrata a settembre per la necessità di completare almeno il 30% dei lavori per continuare a beneficiare dell’aliquota del 110%, la crescita non si è arrestata.

I lavori su condomini rappresentano la maggioranza degli investimenti con il 46,1% e il 70% dei lavori già completati. La spesa media per questi lavori a dicembre è stata di circa 598.000 euro, leggermente inferiore ai 602.000 euro di fine novembre. La spesa per le villette è rimasta stabile a 113.000 euro e rappresenta il 38% degli investimenti totali.

I lavori completati in questa categoria sono aumentati al 77%, circa sei punti in più rispetto a novembre. Il totale dei lavori negli edifici unifamiliari è rimasto stabile a 97.000 euro e rappresenta il 16% degli investimenti totali, con un tasso di lavori completati del 82%.

Inoltre, il 31 marzo è la scadenza per le villette unifamiliari che possono continuare a beneficiare della maxi detrazione al 110%. Secondo i dati disponibili, il numero di asseverazioni per questi interventi è triplicato, passando da 95.718 al 31 dicembre 2021 a 359.440 al 31 dicembre 2022.

Guarda il report ENEA