Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Economia e Finanza » Oltre 500.000 case da registrare: come il codice unico cambierà gli affitti brevi

Oltre 500.000 case da registrare: come il codice unico cambierà gli affitti brevi

Oltre 500.000 case da registrare: come il codice unico cambierà gli affitti breviOltre 500.000 case da registrare: come il codice unico cambierà gli affitti brevi
Ultimo Aggiornamento:

Il panorama degli affitti brevi in Italia sta per ricevere un’importante innovazione normativa con l’introduzione del Codice identificativo nazionale, una mossa volta a regolare e legittimare un settore in rapida espansione.

Questo nuovo codice si pone come una soluzione antifrode, crucialmente necessaria per gestire le oltre 500.000 case attualmente pubblicizzate per affitti brevi. Con il recente via libera alla interoperabilità delle banche dati regionali, il settore è pronto a fare un significativo salto qualitativo.

Il Decreto sull’interoperabilità delle banche dati

In risposta alla crescente complessità del mercato degli affitti brevi, la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, sotto la guida di Daniele D’Amario, ha dato il via libera un decreto fondamentale per l’interoperabilità delle banche dati regionali.

Questo decreto, ideato dal Ministero del Turismo, segna un passo decisivo verso un sistema unificato di registrazione e controllo delle locazioni brevi. Con l’obiettivo di contrastare la frode e aumentare la trasparenza, il decreto permetterà di collegare i codici esistenti a una banca dati nazionale, facilitando così la gestione e la verifica delle strutture ricettive su tutto il territorio nazionale.

Il processo verso l’implementazione completa del Codice identificativo nazionale per gli affitti brevi è già delineato: dopo l’approvazione del decreto, prevista per maggio, seguirà una fase di sperimentazione che inizierà a settembre. Il successo di questa fase porterà alla pubblicazione ufficiale del decreto post-estate, con una successiva finestra di 60 giorni per la sua entrata in vigore completa.

Leggi anche: Cosa succede se il contratto di locazione non viene registrato?

Ma quali saranno le sanzioni per chi non rispetta il decreto?

Le sanzioni per coloro che non rispettano il nuovo sistema saranno severe, segnalando un cambio radicale nella regolamentazione del settore. Questo codice non solo aumenterà la fiducia dei consumatori, ma garantirà anche il rispetto della legalità, compreso il versamento delle tasse dovute.

Un elemento chiave del nuovo regolamento è la visibilità del Codice identificativo nazionale (CIN). Ogni unità immobiliare adibita ad affitto breve dovrà esporre il CIN in maniera evidente all’esterno dello stabile e includerlo in ogni annuncio pubblicitario.

Questa misura non solo facilita il controllo da parte delle autorità, ma rafforza anche la percezione di sicurezza e legalità per gli ospiti.

Le regioni italiane che già utilizzano codici simili dovranno integrare i loro sistemi con la banca dati nazionale, seguendo le direttive del nuovo decreto. Il mancato rispetto di queste normative esporrà i proprietari a sanzioni significative, intensificando la lotta contro l’evasione fiscale e le pratiche illegali nel settore.

L’impatto sui numeri degli affitti brevi

La nuova banca dati nazionale aspetta di essere popolata da una mole importante di dati, come riferito dal Sole 24 Ore. Attualmente, sono oltre 500.000 le abitazioni pubblicizzate per gli affitti brevi in Italia, un numero che testimonia l’ampio interesse e l’attività nel settore.

Con il nuovo sistema di codificazione, ogni proprietà dovrà avere un codice identificativo che fungerà da “contrassegno di qualità”, garantendo così conformità e affidabilità sia per gli ospiti che per le autorità fiscali.

Questo sistema non solo promuoverà la trasparenza ma aiuterà anche a mantenere un equilibrio tra il boom turistico e il rispetto delle normative locali.

Richiedi informazioni per Economia e Finanza, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

20 milioni di euro per la sicurezza stradale nei piccoli comuni20 milioni di euro per la sicurezza stradale nei piccoli comuni

20 milioni di euro per la sicurezza stradale nei piccoli comuni

08/06/2024 12:06 - Il governo italiano ha stanziato 20 milioni di euro per migliorare la sicurezza stradale in 159 piccoli comuni, erogando i fondi in due tranche: il 50% alla stipula del contratto e il resto dopo la verifica della documentazione.
TAGS: affitti brevi, affitto breve, CIN, Codice identificativo nazionale

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!