Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Economia e Finanza » Indebitamento, reddito e investimenti: il panorama economico nel primo trimestre 2023

Indebitamento, reddito e investimenti: il panorama economico nel primo trimestre 2023

Indebitamento, reddito e investimenti: il panorama economico nel primo trimestre 2023Indebitamento, reddito e investimenti: il panorama economico nel primo trimestre 2023
Ultimo Aggiornamento:

L’evoluzione economica dell’Italia nel primo trimestre 2023 è stata caratterizzata da dinamiche fondamentali nei settori istituzionali che includono le Amministrazioni Pubbliche (AP), le famiglie e le società.

Questo articolo fornisce un’analisi dettagliata delle statistiche economiche di questi settori nel corso del periodo.

L’indebitamento delle amministrazioni pubbliche

Nel primo trimestre 2023, l’indebitamento netto delle AP ha mostrato una tendenza negativa, con un rapporto Pil del -12,1%, rispetto allo -11,3% del primo trimestre 2022. Questo declino ha seguito una minore incidenza delle entrate, riflesso in una riduzione della pressione fiscale, la quale è stata del 37,0%, in calo di 0,9 punti percentuali rispetto all’anno precedente.

Il saldo primario delle AP, cioè l’indebitamento al netto degli interessi passivi, è risultato anch’esso negativo. L’incidenza sul Pil è stata del -8,8%, superiore rispetto al -7,6% del primo trimestre del 2022. Similmente, il saldo corrente delle AP è stato negativo, con un’incidenza sul Pil del -6,0%, rispetto al -5,9% dello stesso periodo dell’anno precedente.

Aumento del reddito disponibile delle famiglie consumatrici

Il reddito disponibile delle famiglie consumatrici è cresciuto del 3,2% rispetto al trimestre precedente, segnando un aumento significativo. Allo stesso tempo, la spesa per consumi finali è cresciuta dello 0,6%, indicando un trend positivo nel comportamento del consumo delle famiglie.

Nel corso del primo trimestre 2023, la propensione al risparmio delle famiglie è stata pari al 7,6%, un aumento di 2,3 punti percentuali rispetto al trimestre precedente. Questo aumento è avvenuto nonostante un rallentamento generale della dinamica dei prezzi, indicato da una stabilità dei prezzi (+0,1% la variazione congiunturale del deflatore implicito dei consumi).

A fronte di una sostanziale stabilità dei prezzi, il potere d’acquisto delle famiglie è cresciuto del 3,1%. Questo incremento evidenzia una tendenza positiva nell’economia delle famiglie.

Dinamiche economiche delle società non finanziarie

Nel primo trimestre del 2023, la quota di profitto delle società non finanziarie, pari al 43,7%, è diminuita di 0,9 punti percentuali rispetto al trimestre precedente. Questo calo rappresenta la prima diminuzione congiunturale dal primo trimestre del 2021.

Allo stesso tempo, il tasso di investimento delle società non finanziarie, pari al 24,0%, ha segnato una lieve diminuzione di 0,3 punti percentuali rispetto al trimestre precedente, riflettendo un rallentamento della spesa per investimenti.

Conclusioni

L’analisi dei dati del primo trimestre 2023 svela aspetti fondamentali del comportamento economico delle Amministrazioni Pubbliche, delle famiglie e delle società. Mentre l’indebitamento delle AP ha mostrato un trend negativo, il reddito disponibile delle famiglie consumatrici e la propensione al risparmio hanno evidenziato un aumento.

Le dinamiche delle società non finanziarie, al contrario, hanno mostrato un calo. Queste tendenze delineano un quadro complesso, che necessita di monitoraggio continuo per cogliere appieno le sfide e le opportunità che l’economia italiana sta affrontando nel 2023.

Richiedi informazioni per Economia e Finanza, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

IMU e TARI 2023: conguagli entro 29 febbraio e novità, ecco per chiIMU e TARI 2023: conguagli entro 29 febbraio e novità, ecco per chi

IMU e TARI 2023: conguagli entro 29 febbraio e novità, ecco per chi

14/02/2024 13:05 - Il Dipartimento Finanze del MEF annuncia le novità riguardanti la trasmissione degli atti e delibere IMU e TARI relative al 2023, in seguito a quanto previsto per il nuovo anno 2024.
Irpef 2024: ecco cosa devi sapere sulle nuove aliquoteIrpef 2024: ecco cosa devi sapere sulle nuove aliquote

Irpef 2024: ecco cosa devi sapere sulle nuove aliquote

11/02/2024 12:22 - La riforma fiscale del 2024 in Italia introduce tre aliquote Irpef, aumenta le [..]
TARI 2024: variabili in base agli impianti di smaltimento esistentiTARI 2024: variabili in base agli impianti di smaltimento esistenti

TARI 2024: variabili in base agli impianti di smaltimento esistenti

09/02/2024 08:55 - Sono state aggiornate [..]
Climatizzatori vs caldaie a gas, chi consuma meno?Climatizzatori vs caldaie a gas, chi consuma meno?

Climatizzatori vs caldaie a gas, chi consuma meno?

25/01/2024 12:36 - Nella scelta tra riscaldamento tramite climatizzatori e caldaie a gas, molti [..]
TAGS: amministrazioni pubbliche, reddito famiglie

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!