Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Economia e Finanza » Gentiloni: “Su Pnnr condivido le raccomandazioni dell’Ue”

Gentiloni: “Su Pnnr condivido le raccomandazioni dell’Ue”

Gentiloni: “Su Pnnr condivido le raccomandazioni dell’Ue”Gentiloni: “Su Pnnr condivido le raccomandazioni dell’Ue”
Ultimo Aggiornamento:

La questione economica riveste un’importanza fondamentale per l’Unione Europea e, in particolare, per l’Italia. Nel cuore di questo dibattito, si trova il Pnrr, o Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, il cui ruolo è di primaria importanza.

Paolo Gentiloni, commissario europeo per gli Affari economici e monetari, ha condiviso il suo punto di vista su questo argomento durante la XVIII edizione del Festival dell’Economia di Trento.

“Io le condivido e penso siano raccomandazioni importanti, di cui l’Italia fa bene a tenere conto nel proprio interesse”

Il ruolo chiave del Pnrr

È indubbio che il Pnrr rappresenta un pilastro fondamentale per il rilancio economico dell’Italia e dell’Unione Europea. Come ha ricordato Gentiloni, l’Italia è il Paese che riceve più fondi nell’ambito del Pnrr, facendo di questo programma una sfida di rilievo per il 2023 e il 2024.

“dal punto di vista della tabella di marcia formale, il Governo italiano ha fatto la richiesta per la terza erogazione. Dobbiamo essere consapevoli che nei prossimi mesi, nel 2023 e 2024, la parte fondamentale del programma dovrebbe svilupparsi e per noi e’ una sfida consistente”

Il compito principale sarà quello di garantire che i finanziamenti siano utilizzati in maniera efficace e che i ritardi nel loro impiego siano ridotti al minimo.

Leggi anche: Il decreto PNRR: la bozza del decreto legge in commissione bilancio

Le Raccomandazioni della Commissione Europea

La Commissione Europea, nell’ambito del suo ruolo di supervisione e consulenza, ha fornito tre raccomandazioni fondamentali per l’Italia. Queste indicazioni, se attuate con rigore, potrebbero avere un impatto significativo sull’efficienza del nostro sistema economico.

La prima raccomandazione riguarda le politiche di bilancio. La Commissione Europea invita l’Italia a una gestione prudente delle risorse, cercando di eliminare gradualmente le misure straordinarie, come quelle per far fronte al caro-energia. Questo richiede un impegno costante per garantire la stabilità e la resilienza del nostro sistema economico.

La seconda raccomandazione è legata strettamente al Pnrr. La Commissione sollecita un rafforzamento della governance a livello centrale e subnazionale, con l’obiettivo di garantire un utilizzo più efficace dei fondi.

Infine, la terza raccomandazione riguarda l’ambiente e l’energia. La Commissione Europea incoraggia l’Italia ad accelerare gli sforzi per ridurre la dipendenza dai combustibili fossili. Questo richiede un impegno su molteplici fronti, dalla ricerca e sviluppo di tecnologie pulite all’adozione di politiche che incentivino l’utilizzo di energie rinnovabili.

Conclusione

Le parole di Paolo Gentiloni ci ricordano che il Pnrr non è solo un insieme di finanziamenti, ma un’opportunità di crescita e miglioramento. Il compito che ci attende nei prossimi anni è quello di rendere operativo questo Piano, seguendo le raccomandazioni della Commissione Europea e lavorando costantemente per evitare ritardi e inefficienze.

È una sfida che coinvolge tutti noi, dal livello governativo a quello individuale, e che richiede impegno, resilienza e innovazione.

Richiedi informazioni per Economia e Finanza, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Sblocco crediti fiscali Superbonus: l'accordo tra Intesa San Paolo e FVGSblocco crediti fiscali Superbonus: l'accordo tra Intesa San Paolo e FVG

Sblocco crediti fiscali Superbonus: l'accordo tra Intesa San Paolo e FVG

22/03/2024 10:38 - L'accordo tra la Regione Friuli Venezia Giulia e Intesa Sanpaolo Spa segna un passo innovativo nel trattamento dei crediti fiscali del Superbonus, creando una sinergia tra pubblico e privato per sbloccare 75 milioni di euro a favore dell'economia regionale.
Case Green: 270 miliardi di euro per 7,6 milioni di case interessateCase Green: 270 miliardi di euro per 7,6 milioni di case interessate

Case Green: 270 miliardi di euro per 7,6 milioni di case interessate

18/03/2024 09:16 - In Italia, tra 5,5 e [..]
Gli effetti del Superbonus: deficit pubblico al 7,2%Gli effetti del Superbonus: deficit pubblico al 7,2%

Gli effetti del Superbonus: deficit pubblico al 7,2%

04/03/2024 10:19 - L'esplosione dei costi legati al Superbonus ha evidenziato una grave [..]
TAGS: Gentiloni, PNRR

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!