Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Economia e Finanza » Debiti: sotto la soglia dei 30 mila euro 15 milioni di italiani

Debiti: sotto la soglia dei 30 mila euro 15 milioni di italiani

Debiti: sotto la soglia dei 30 mila euro 15 milioni di italianiDebiti: sotto la soglia dei 30 mila euro 15 milioni di italiani
Ultimo Aggiornamento:

Esistono alcune verità universali che pervadono la società, una delle quali è il peso incombente del debito fiscale. Per gli italiani, questa realtà coinvolge circa 15 milioni di cittadini, con un debito che raggiunge fino a 30.000 euro.

Questa cifra rappresenta un mero 3% del totale dei contribuenti che hanno pendenze con l’Erario, nonostante la maggior parte dell’evasione accertata provenga da questo piccolo ma influente segmento. Di conseguenza, il problema dei debiti fiscali richiede una soluzione più ragionata e differenziata.

Il fenomeno delle rottamazioni fiscali

La rottamazione fiscale, proposta per la prima volta nel 2016, è sembrata una soluzione promettente. Tuttavia, la storia ci mostra una discrepanza notevole tra gli obiettivi e i risultati effettivi. La prima rottamazione, che riguardava 1,5 milioni di contribuenti, avrebbe dovuto portare 17,7 miliardi di euro nelle casse dell’erario. In realtà, ne sono stati incassati solo 8,2 miliardi.

Ciononostante, nel 2023, l’idea di una rottamazione ha riscontrato un interesse significativamente più alto. Questa rottamazione, nota come la “rottamazione quater”, ha offerto condizioni più favorevoli, tra cui la possibilità di dilazionare il pagamento del debito in un periodo di tempo più lungo e la possibilità di perdonare le sanatorie precedenti.

Approfondisci: Rottamazione Quater: Tutto ciò che devi sapere sulla Tregua Fiscale del 2023

Questo ha portato a quasi 4 milioni di richieste di adesione, il doppio di quanto previsto.

Il problema emergente è che un gran numero di contribuenti non rispetta le scadenze di pagamento, creando un ciclo di debito fiscale. Per affrontare efficacemente questo problema, è necessario comprendere il comportamento dei debitori. Più di 7 milioni di italiani ricevono almeno una cartella esattoriale ogni anno per debiti pregressi non pagati. Questo suggerisce un pattern di recidiva strutturale tra i contribuenti.

Il fardo dei “Grandi Debiti”

Un aspetto preoccupante del debito fiscale in Italia è la proporzione di debiti che viene considerata difficilmente recuperabile. Circa il 90% del totale del debito, infatti, viene considerato tale. Di questi, 156 miliardi di euro sono attribuiti a società e ditte individuali fallite, con prospettive di recupero quasi nulle.

Stessa sorte per i 168 miliardi di euro di cartelle esattoriale a carico di soggetti deceduti e ditte cessate, da cui non si recupererà nulla.

Il governo italiano ha un ruolo fondamentale nel gestire il debito fiscale e garantire l’equità del sistema fiscale. Nell’ultimo bilancio, la Corte dei Conti ha evidenziato l’uso “strumentale e dilatorio” delle rateizzazioni da parte dei contribuenti, esortando a una revisione delle politiche di riscossione del debito. Questo rappresenta un’opportunità per il governo di modificare le sue politiche e metodi di riscossione del debito, per garantire un sistema fiscale più efficace e equo.

Il complesso labirinto del debito fiscale

Il debito fiscale in Italia è un problema complesso che richiede una soluzione multi-sfaccettata. Le rottamazioni, sebbene siano state efficaci in alcuni casi, non hanno raggiunto i risultati sperati. Inoltre, il fenomeno della recidiva e il volume di “grandi debiti” non recuperabili mettono in luce la necessità di una riforma più ampia del sistema fiscale.

Solo attraverso un’analisi approfondita e l’implementazione di politiche efficaci, l’Italia potrà navigare nel labirinto del debito fiscale e costruire un futuro economico più stabile.

Richiedi informazioni per Economia e Finanza, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

20 milioni di euro per la sicurezza stradale nei piccoli comuni20 milioni di euro per la sicurezza stradale nei piccoli comuni

20 milioni di euro per la sicurezza stradale nei piccoli comuni

08/06/2024 12:06 - Il governo italiano ha stanziato 20 milioni di euro per migliorare la sicurezza stradale in 159 piccoli comuni, erogando i fondi in due tranche: il 50% alla stipula del contratto e il resto dopo la verifica della documentazione.
TAGS: debiti fiscali, debito, rottamazione, rottamazione quater

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!