Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Economia e Finanza » Cessione del Credito e Enel X: nessuna piattaforma in arrivo

Cessione del Credito e Enel X: nessuna piattaforma in arrivo

Cessione del Credito e Enel X: nessuna piattaforma in arrivoCessione del Credito e Enel X: nessuna piattaforma in arrivo
Ultimo Aggiornamento:

Era settembre il mese designato per la partenza di Enel X, la piattaforma che avrebbe dovuto risolvere il problema dei crediti incagliati legati al Superbonus. Tuttavia, i continui rinvii e le incertezze hanno portato al tramonto di questo progetto.

Ora, il Gruppo Enel ha annunciato che si occuperà solo dei crediti già nel suo perimetro. Questa decisione rappresenta un duro colpo per le migliaia di famiglie e imprese che attendono una soluzione.

“Enel X sta adempiendo agli impegni assunti a suo tempo, senza attivarne di nuovi e senza ricorso a piattaforme di complessa realizzazione. Ha riattivato gradualmente il processo di acquisto dei crediti fiscali dai soggetti con cui erano già in precedenza sottoscritti contratti, per i casi in cui risultino soddisfatti i requisiti richiesti dalle condizioni contrattuali e dalla normativa di riferimento”.

Advertisement - Pubblicità

Il problema dei crediti incagliati

Quando si parla di crediti incagliati, non si tratta di una questione marginale, ma di un problema che ha assunto dimensioni colossali. Stiamo discutendo di un monte crediti che supera i 30 miliardi di euro, una cifra che non può essere ignorata. Ma non è solo una questione di numeri astratti; dietro queste cifre ci sono realtà concrete: più di 200.000 famiglie italiane e circa 180.000 imprese sono direttamente coinvolte e attualmente in balia di una situazione incerta e precaria.

Questo ingente volume di crediti è ulteriormente complicato dai frequenti cambi di rotta a livello normativo. Le modifiche legislative e le restrizioni introdotte dai governi hanno creato un ambiente di incertezza che ha reso ancora più difficile per le famiglie e le imprese navigare in queste acque tumultuose.

Leggi anche: Superbonus: decreto in Gazzetta, parte stop cessione crediti

In questo quadro, la riapertura dell’acquisizione di crediti da parte di un numero esiguo di banche, con Intesa Sanpaolo che guida la carica, rappresenta solo una goccia nel mare. E mentre ogni singola iniziativa è benvenuta, è chiaro che servono soluzioni più ampie e sistemiche per affrontare un problema di tale portata.

Advertisement - Pubblicità

Iniziative in Campo: La petizione “Esodati del Superbonus”

Tra le diverse iniziative per affrontare questa crisi, spicca la petizione “Esodati del Superbonus“. Questa iniziativa chiede la trasformazione dei crediti incagliati in moneta fiscale, offrendo così una maggiore flessibilità per le banche interessate all’acquisto di crediti.

Leggi anche: L’appello per la riapertura della Cessione del Credito per il Superbonus 110%

Inoltre, si sollecita la riapertura delle cessioni da parte di Cassa Depositi e Prestiti, un’entità che potrebbe portare maggiore fiducia nel sistema dei bonus.

Advertisement - Pubblicità

Le future mosse di Poste Italiane

L’orizzonte temporale segnato da Poste Italiane per il mese di ottobre rappresenta un momento chiave, un vero e proprio crocevia per il futuro dei crediti incagliati legati al Superbonus. Se Poste Italiane dovesse decidere di riaprire le porte all’acquisizione di questi crediti, potrebbe innescare un cambiamento significativo nel panorama attuale, fornendo un canale addizionale per la liquidazione dei crediti e, di conseguenza, un sollievo per le migliaia di famiglie e imprese attualmente in attesa di una soluzione.

La decisione di Poste Italiane è particolarmente rilevante perché la società gode di una posizione di rilievo nel sistema finanziario italiano, e una sua mossa in questa direzione potrebbe servire come catalizzatore per altre iniziative nel settore. In altre parole, un impegno positivo da parte di Poste Italiane potrebbe non solo fornire un’opzione immediata per la risoluzione dei crediti, ma anche instillare una rinnovata fiducia nel mercato, incentivando altre istituzioni a seguire l’esempio.

In questo contesto, l’attesa per le decisioni di Poste Italiane è palpabile e carica di aspettative. Potrebbe rappresentare una svolta, un nuovo capitolo nella saga complicata dei crediti incagliati, e come tale, è un evento che tutti gli stakeholder del problema stanno osservando con grande attenzione.

Advertisement - Pubblicità

Conclusione

La fine del progetto Enel X è indubbiamente una sconfitta, ma non rappresenta la fine della strada per le famiglie e le imprese coinvolte. Iniziative come la petizione “Esodati del Superbonus” e le future mosse di Poste Italiane potrebbero offrire nuove opportunità.

Nel frattempo, è prudente esplorare tutte le alternative disponibili, inclusa la cessione diretta dei crediti alle banche, per trovare una soluzione adeguata a questo intricato problema.



Richiedi informazioni per Cessione del Credito, Economia e Finanza, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Surroga dei mutui: incremento del 33% nel 2024Surroga dei mutui: incremento del 33% nel 2024

Surroga dei mutui: incremento del 33% nel 2024

16/07/2024 07:25 - La riduzione dei tassi BCE ha avuto effetti contrastanti sui mutui, spingendo molti verso i tassi fissi e incrementando le richieste di surroga e di mutui verdi.
Bonus Mobili: ultima chiamata per l'agevolazione prima del 2025Bonus Mobili: ultima chiamata per l'agevolazione prima del 2025

Bonus Mobili: ultima chiamata per l'agevolazione prima del 2025

05/07/2024 15:27 - La Legge di Bilancio 2025 potrebbe eliminare il bonus mobili, un'agevolazione [..]
Al via oggi le domande per il Reddito Energetico NazionaleAl via oggi le domande per il Reddito Energetico Nazionale

Al via oggi le domande per il Reddito Energetico Nazionale

05/07/2024 07:09 - Il Reddito Energetico Nazionale sostiene famiglie a basso reddito [..]
Bonus colonnine domestiche 2024: ecco come accedereBonus colonnine domestiche 2024: ecco come accedere

Bonus colonnine domestiche 2024: ecco come accedere

27/06/2024 10:57 - Il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, tramite il decreto direttoriale del [..]
TAGS: cessione credito, Enel X

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!